lunedi` 24 febbraio 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Alan Dershowitz: 'Ecco 5 motivi per combattere il movimento razzista e antisemita BDS' (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Angelo Pezzana
Israele/Analisi
<< torna all'indice della rubrica
Pena di morte in Israele per il reato di terrorismo? 13/07/2015
Pena di morte in Israele per il reato di terrorismo?
Lettera da Gerusalemme, di Angelo Pezzana

Risultati immagini per yehuda weinstein
Yehuda Weinstein

Israele non ha mai avuto nella propria legislazione la pena di morte. L’unica eccezione è stata quella dell’impiccagione di Adolf Eichmann, il cui processo contribuì in maniera determinante a far conoscere all’opinione pubblica mondiale il genocidio ebraico nella Shoah. Se ne torna a parlare in questi giorni, dopo che un deputato di Yisrael Beitenu, Sharon Gal, l’ha proposta per chiunque venga condannato per atti di terrorismo. Toccherà al Comitato legislativo dei Ministri decidere se ammettere la richiesta.

Risultati immagini per eichmann
Adolf Eichmann

Ma anche se l’accoglierà, le cose andranno per le lunghe. Yehuda Weinstein, della Corte Suprema, è contrario che la Knesset discuta l’argomento prima che vengano sentite tutte le opinioni sulla sua legittimità. L’obiezione avanzata é duplice: la pena di morte non ha mai contribuito ad abbassare il numero dei crimini, soprattutto quelli legati a forme di terrorismo – la causa che motiva la richiesta - per il fatto molto semplice che chi li commette lo fa per motivi ideologici, pronto a sacrificare anche la propria vita, quindi non sarà certo la prospettiva di una condanna a morte a fermarlo.

Oltre al fatto che nella maggioranza dei paesi democratici la pena di morte è stata abolita, resiste ancora negli Stati Uniti, anche se non in tutti gli stati. È quindi probabile che - nel migliore dei casi - rimarrà un tema di grande interesse, non solo legislativo, che sta già creando discussioni all’interno della società israeliana. A livello politico le opinioni sono trasversali, ma la discussione è appena iniziata. Ciò che incuriosisce l’osservatore straniero che segue i media locali, è piuttosto la cautela con la quale vengono ignorati in paesi che la applicano, in gran parte arabo-musulmani.

Risultati immagini per terrorism palestinian
La scena dopo un attentato terroristico palestinese

Dirlo apertamente può aprire dibattiti che coinvolgerebbero giudizi severi sulla qualità di quelle società che apertamente elogiano la morte, anche e soprattutto quella scelta del martirio per una ‘nobile’ causa. La parola ‘terrorismo’ non fa che incitare invece di prevenire, la morte viene invocata, non temuta. L’opposizione del giudice Weinstein ci pare quindi assennata. Peggio, toglierebbe Israele dal novero dei paesi che l’hanno abolita, allineandolo – dopo non averla mai applicata – a quei paesi che non dovremmo avere alcun timore di classificare come barbari. Una proposta dal sapore elettorale, che arriva però in ritardo, le elezioni ci sono già state in marzo.

Ieri, a gettare acqua sul fuoco, è intervenuto Bibi Netanyahu, che in una riunione con i ministri del Likud, quasi tutti in favore della pena di morte, ha dichiarato che l’argomento è troppo serio e delicato per essere deciso da un comitato politico, che occorre ascoltare pareri professionali. In altre parole, ha condiviso l’opinione del giudice Weinstein. Fine della trasmissione.

Risultati immagini per angelo pezzana
Angelo Pezzana


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT