lunedi` 24 febbraio 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Alan Dershowitz: 'Ecco 5 motivi per combattere il movimento razzista e antisemita BDS' (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Angelo Pezzana
Israele/Analisi
<< torna all'indice della rubrica
Le ragioni della diplomazia e quelle della politica 07/07/2015
Le ragioni della diplomazia e quelle della politica
Lettera da Gerusalemme, di Angelo Pezzana

Risultati immagini per gaza war cartoon
Un terrorista di Hamas "si difende" durante la guerra a Gaza del 2014

Un tempo si diceva che le ragioni della diplomazia sono altro da quelle della politica, una affermazione che non cambiava lo stato di fatto di ogni eventuale polemica e manteneva inalterata l’intesa cordiale fra le due istituzioni.

Inaspettatamente succede invece che una decisione del governo israeliano arrivi a rappresentare il centro stesso della diplomazia, il Ministero degli Esteri di Gerusalemme. Il voto del Consiglio per i Diritti Umani dell’Onu di Ginevra della scorsa settimana alla condanna di Israele e Hamas per ‘crimini di guerra’ – 41 a favore, 1 contro, 5 astenuti – sarebbe, ma potremmo anche usare il verbo al presente, il risultato dei contatti avvenuti tra l’Ufficio del Primo Ministro Netanyahu e i rappresentanti dei paesi europei, vale a dire la richiesta di votare sì alla doppia condanna.

Risultati immagini per netanyahu
Benjamin Netanyahu

Una scelta che aveva lasciato interdetti quanti in Europa si aspettavano almeno una astensione. Lo scrivono oggi i media israeliani, partendo da una indiscrezione dell’inglese Jewish Chronicle, dalla quale si apprende che è proprio dall’Ufficio di Netanyahu che sono partite le telefonate a Merkel, Cameron, Hollande e gli altri leader europei, mettendo in serio imbarazzo quanti si erano spesi per un voto diverso.

Risultati immagini per merkel cameron hollande
Da sinistra: David Cameron, François Hollande, Angela Merkel

Dietro la scelta di Bibi vi è la decisione di scegliere il male minore, anche se il voto europeo si fosse espresso con una astensione, la maggioranza dei delegati dell’UNHRC era schierata con Hamas contro Israele, per cui la condanna era scontata, e in più avveniva su un testo diverso da quello che invece è stato approvato – a Gerusalemme lo si definisce molto annacquato e che non darà adito a nessuna conseguenza sul piano internazionale – grazie al sì dei paesi europei.

Risultati immagini per unhcr

Se le cose sono andate così, siamo dinnanzi a una nuova immagine della politica estera, nella sua espressione puramente diplomatica, guidata di fatto da Netanyahu. Sono molti gli aggettivi che possono definirla, scaltra, lucida, realista, ma anche lungimirante, perché no. Se guerra asimmetrica ha da essere, ebbene si usino tutte le carte possibili. L’UNHRC non è modificabile – sono anni che si discute come trasformare l’intero ONU in una struttura democratica, senza nessun risultato – tanto vale prenderne atto e usare tutti i mezzi per far valere le ragioni della giustizia. Anche votando in favore di una condanna. Dopo averla svuotata di gran parte dei suoi probabili effetti velenosi.

Risultati immagini per angelo pezzana
Angelo Pezzana


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT