giovedi` 24 settembre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco il volto dell' 'islam moderato' (sottotitoli a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Angelo Pezzana
Israele/Analisi
<< torna all'indice della rubrica
'Jihad' significa 'guerra santa', perché sottacerlo? 03/02/2015
 Riprendiamo dal BOLLETTINO della Comunità ebraica di Milano di febbraio 2015, a pag. 13, con il titolo "Perché è così difficile chiamare le cose con il proprio nome? E dire che Jihad è 'guerra santa'?", l'analisi di Angelo Pezzana.


Angelo Pezzana


"Violento? Io?!"

Se cinque milioni di francesi/europei hanno acquistato Charlie Hebdo il 14 gennaio scorso, non è azzardato vedervi un segnale che esiste in Occidente una forte minoranza di cittadini che si è sentita colpita dalle stragi di Parigi. Anche se l’assassinio dei redattori della rivista è stata considerata con maggiori approfondimenti – almeno nei primi due giorni - rispetto all’attacco contro il supermercato ebraico, la motivazione era ugualmente abbietta: i primi sono stati uccisi perché in una società democratica non esiste l’obbligo di sottomissione a una qualsiasi religione, gli altri perché erano ebrei, una condizione sufficiente per essere eliminati fisicamente da una ideologia politico-religiosa che basa il suo fanatismo omicida sull’islam. Avendo seguito con diligente attenzione i media scritti e visivi, non si può ignorare il linguaggio che ha caratterizzato articoli e servizi radio-televisivi. Non alcuni, in quasi tutti il timore di dire verità scomode ha generato ancora una volta l’ipocrisia più grande. Ecco qualche esempio.

Il grido “Allah Uakbar” è stato spesso tradotto con “Dio è grande”, inducendo lettori e ascoltatori a ritenere quella definizione applicabile a tutte le religioni, quando invece ne contraddistingue una sola: l’islam. “Allah Uakbar” precede ogni crimine, di massa o individuale. Non è accettabile la posizione di chi sostiene che l’uso di Allah e Maometto è una appropriazione indebita, quando da anni avviene, è accettata di fatto, visto che mai, nemmeno una volta, è stata emessa un fatwa da avrebbe dovuto pronunciarla se fosse stato in buona fede.

Il livello più spinto di critica da parte musulmana è stata la frase “prendiamo le distanze”, come se bastassero queste parole per esprimere condanna. Si prende la distanza da qualcosa che non ci piace, che non condividiamo, ma di fronte al terrorismo la posizione da prendere è una sola: combatterlo, soprattutto se è vero che i terroristi commettono stragi in nome della comune religione.

Non sono poi mai state tradotte “Jihad” e “Jihadista”, il cui significato è sì comprensibile, visto che si accompagnano alle stragi che i vari gruppi terroristici sunniti e sciiti compiono negli stati arabo-musulmani, ma altra risonanza avrebbero avuto se Jihad fosse stato tradotto in “Guerra Santa”. Dopo le stragi di New York, Londra, Madrid ecc. – crimini compiuti tutti contro “infedeli” nel nome del Profeta- ecco quelle di Parigi. Non avere mai usato il termine “Guerra Santa”, ha dato forza a tutti quegli analisti occidentali – la maggioranza – che hanno escluso categoricamente anche la sola possibilità che questi atti terroristici potessero essere interpretati come una “guerra”. Gli autori sono stati definiti in molti modi, “lupi solitari”, persino “stupidi” o “incapaci”, forse per il non elevato numero di vittime, come è successo a Parigi. Eppure terrorismo è “guerra santa” , “Jihad”,un’altra parola che è stata detta e scritta senza la sua traduzione che ne avrebbe reso comprensibile l’origine islamica. Detto così, il terrorismo diventa anonimo, rimane un gesto orribile e deprecabile, ma passa in secondo piano chi l’ha eseguito.

Per sconfiggere il nemico si deve conoscerlo, ma sembra che stiamo facendo di tutto per fare il contrario. Perché ?

Per inviare la propria opinione al Bollettino, cliccare sulla e-mail sottostantebollettino@tin.it


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT