martedi` 18 febbraio 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Che cos'è il sionismo? Un video per capire da guardare e diffondere (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Angelo Pezzana
Israele/Analisi
<< torna all'indice della rubrica
Islam/la sfida: Le parole chiave per capire 11/01/2015
 Islam/la sfida: Le parole chiave per capire
Commento di Angelo Pezzana

Una lettura attenta delle dichiarazioni provenienti dalle comunità islamiche - in Italia, ma non solo - a commento delle stragi del terrorismo islamico a Parigi, ci aiuta a capire perchè la soluzione non sta in una 'giusta comprensione' dell'islam, ma, al contrario, lo indicano come la vera causa di quella che Samuel Huntington -accusato soltanto per avere anticipato i tempi- aveva definito 'scontro di civiltà'. Scontro che adesso possiamo tranqullamente chiamare guerra.
Sin dall'inizio degli attacchi terroristici, prima contro gli ebrei e Israele, poi contro i cristiani nei paesi islamici, i segnali c'erano tutti, ma venivano ignorati o sottovalutati. Se ne attribuiva la responsabilità al conflitto israelo-palestinese, e le analisi si fermavano lì, rivelando l'abissale cecità dell'Occidente nei confronti del mondo islamico, insieme al mai spento 'odio antico' verso gli ebrei, quindi contro Israele.
Ma da quando le spaventose stragi compiute da quello che viene ancora definito 'fondamentalismo islamico' hanno portato in primo piano le vere motivazioni delle carneficine che insanguinano il mondo -fino a ieri soprattutto le società musulmane- oggi il silenzio dei 'moderati' non basta più, da più parti viene chiesto ai 'moderati' musulmani di parlare, dire finalmente da che parte stanno, tacere non è più sufficiente
.
Quale è stata la risposta ? La riscoperta di una islamofobia che non è mai esistita, essendo sempre stata una attenta analisi del pericolo rappresentato per i paesi democratici dall'islam, rivelatosi per quello che contiene di insegnamento per distruggere i nostri stili di vita. Divenuto il reale nutrimento della 'cultura' del terrorismo. Ma se parlare era divenuto indispensabile, ecco la nuova, ipocrita, scelta per esibire una inesistente differenza fra estremismo e moderazione.

"Prendiamo le distanze" è sostanzialmente la scelta fatta, accompagnata da vaghe condanne per i crimini commessi, ma sempre sotto tono. Ed è logico che sia così, l'islam -a differenza dei tutte le altre- non è soltanto una religione, è una dittatura teocratica in salsa nazista, che si propone la conquista del mondo infedele, cioè il nostro. Fin da Maometto è sempre stato così, una religione burla che ha scopiazzato dalle precedenti - ebraismo e cristianesimo- qualche bella frase per nascondere dietro parole come pace e amore, il proprio progetto totalitario di morte.

Queste 'distanze' vanno quindi respinte al mittente. Se è questa la società che vogliono, la realizzino lontano dalle nostre, che dovranno imparare a difendersi da questo Male assoluto che di umano non ha mai avuto nulla.

Risultati immagini per angelo pezzana

Angelo Pezzana


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT