martedi` 18 febbraio 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Che cos'è il sionismo? Un video per capire da guardare e diffondere (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Angelo Pezzana
Israele/Analisi
<< torna all'indice della rubrica
Valori etici: perché sono ignorati nelle relazioni diplomatiche? 16/12/2014
 Riprendiamo dal BOLLETTINO della Comunità ebraica di Milano di dicembre 2014, a pag. 10, con il titolo "Lo chiediamo a Lady Pesc: nelle relazioni con gli Stati non contano più i valori etici?", il commento di Angelo Pezzana.


Angelo Pezzana Federica Mogherini

Sono state accolte da un generale silenzio le affermazioni di Hassan Nasrallah, il nerovestito leader degli Hezbollah libanesi, durante un comizio ai primi dello scorso mese a Beirut, diffuso via video a decine di migliaia di sostenitori. Eppure il loro contenuto era di una estrema gravità. In caso di guerra con Israele, ha detto - ipotesi più che reale nelle intenzioni del vero uomo forte libanese – i missili di Hezbollah possono raggiungere qualsiasi punto del territorio israeliano, dall’aeroporto Ben Gurion al porto di Haifa. Il confine con Israele, ha aggiunto Nasrallah - che chiama lo Stato ebraico “Palestina occupata” - è oggetto di continua attenzione da parte di Hezbollah, le cui milizie hanno ferito di recente due soldati israeliani. Ma ha anche ricordato che è dovere di ogni musulmano difendere la moschea di al-Aqsa sul Monte del Tempio a Gerusalemme che, secondo lui, è sotto attacco da parte dei "sionisti".


Emma Bonino Roberto Toscano

L’attenzione dei nostri media continua invece ad avere, con rare eccezioni, due soli obiettivi:
1. In un Medio Oriente sconvolto da guerre civili islamiche, da centinaia di migliaia di morti, da milioni di rifugiati, pare a questi "esperti" che la causa vada ricercata unicamente nel conflitto israelo-palestinese.
2. Guidati dalla ex ministra degli esteri Emma Bonino e dall’ex ambasciatore Roberto Toscano, si è formata una pattuglia di volonterosi amici dell’Iran che si sta dando da fare per eliminare le sanzioni - l’unica misura intelligente che ha messo in difficoltà il regime dei mullah - per sostituirle con la riapertura del dialogo e la chiusura di entrambi gli occhi sulla costruzione della bomba nucleare. L’Iran, sostengono i due, è un elemento di moderazione nella regione, ignorando la parte giocata nel rifornire di armi tutti i movimenti terroristi, Hezbollah e Hamas inclusi. Federica Mogherini, che ha sostituito la non rimpianta baronessa Ashton quale responsabile della politica estera della UE, ne continua la politica. Si limita a ripetere che l’unica soluzione per porre fine alle guerre mediorientali è la nascita dello Stato palestinese, confermando la sua ignoranza delle lotte intestine fra sunniti e sciiti; ne attribuisce il ritardo a Israele, colpevole di costruire abitazioni nella propria capitale; ignora che l’Anp si è alleata con Hamas, che ha nel proprio statuto la cancellazione di Israele; in altre parole sta dimostrando da quale parte ha scelto di stare.

Che gli affari abbiano da sempre guidato la politica non è una novità, ma che in un tempo nel quale si credeva che la democrazia fosse un valore irrinunciabile per definire uno Stato moderno, che la difesa dei diritti umani e civili fosse un obbligo morale da non poter essere accantonato nei rapporti fra gli Stati, ci chiediamo, preoccupati, perché queste regole stiano venendo sovvertite, da ex ministri degli esteri, da ex ambasciatori e, ahimè, dalla nostra ex ministra alla Farnesina e ora capo della diplomazia europea.

Per inviare la propria opinione al Bollettino della Comunità ebraica di Milano, cliccare sulla e-mail sottostante


bollettino@tin.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT