giovedi` 24 settembre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco il volto dell' 'islam moderato' (sottotitoli a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Angelo Pezzana
Israele/Analisi
<< torna all'indice della rubrica
Due o tre cose sul Langone-pensiero 24/08/2014
 Due o tre cose sul Langone-pensiero
Commento di Angelo Pezzana


Camillo Langone

Non leggo quasi mai gli articoli di Camillo Langone, che escono sul Foglio o sul Giornale, non mi interessa il contenuto,che in genere comprende una forte dose di propaganda del cattolicesimo più reazionario. Libero lui di giudicarlo la risposta adeguata al tempo che stiamo vivendo, libero io di pensare l'ooposto.
La nostalgia del buon tempo che fu, non mi ha mai attratto.
Ieri, 23/08/2014, è uscito un editoriale sul GIORNALE in prima pagina un pezzo del nostro, che ho scartato appena dopo aver letto il titolo, “ Perché i cristiani sono superiori”, ai musulmani, si intende.
Mi ha dato subito fastidio la scelta delle parole, più del contenuto che non avevo ancora letto. Poi ci ho ripensato, l'ho letto e l’impressione che ne ho avuto è diventata ancora più negativa,  non solo perché il testo sembrava una gara in cui dovesse essere premiata la religione ‘migliore’, ma per la giustificazione che ne dava Longone.
Perché l’islam era meglio del cristianesimo ?
Langone non partiva dall’esame dell'estremismo che caratterizza l’islam terrorista che tutti conosciamo, né prendeva atto di un possibile islam moderato, di cui però nessuno ha ancora udito la voce. No, partiva invece dall’esame del Corano che così si era espresso –come scrive lo stesso Langone- " in materia di omicidio v’è prescritta la legge del taglione: libero per libero, schiavo per schiavo, donna per donna, l’esatto contrario del porgere l’altra guancia.. “ il testo integrale è nel suo articolo che riprendiamo più avanti.
In poche parole, Longone afferma la superiorità del cristianesimo sull’islam, sulla differenza tra la legge del taglione – come lui la interpreta- e la versione cristiana del porgere l’altra guancia.
Ma Langone, che si presenta sempre come un cristiano vero e senza macchia alcuna, dovrebbe studiare un po’ di più i testi classici, prima di dire scemenze. La legge del taglione, che la chiesa cattolica ha usato per duemila anni per criminalizzare gli ebrei, accusati, appunto, di avere predicato la vendetta attraverso quella frase che è stata usata contro di loro, quell’ “occhio per occhio, dente per dente”, spacciata per "vendetta" invece che nella sua corretta interpretazione, cioè la pena va comminata a riparazione dell’offesa ricevuta, nel senso che doveva essere uguale all’offesa, quindi una norma di diritto penale di grande modernità. Ripresa evidentemente nel suo significato  da quel Corano che Maometto ha redatto scopiazzandolo in parte dalla Bibbia, in parte dal cristianesimo. Langone ne fa invece una pietra di paragone tra islam e cristianesimo.
Se sono questi i maestri del pensiero che predicano contro l’arrivo del Califfato, siamo messi proprio male. Quando la cultura finisce nelle mani degli ignoranti, capaci di produrre solo disinformazione, è un segnale che non va sottovalutato.
Hitler mantenne il potere sulla Germania anche grazie alla cultura tedesca che si consegnò integralmente a un clown che però aveva capito il potere della propaganda.
Abbiamo patito l’esperienza del nazi-fascismo, ma non è con la ripetizione delle sue regole  che riusciremo a vincere l’islam che vuole sottomettere l’Occidente democratico.


Angelo Pezzana

 Ecco l’articolo di Langone:

Dio sarà anche lo stesso ma le religioni, ossia le forme pubbliche della fede in Dio, sono tutte diverse. Cristianesimo e islamismo, in particolare, e nonostante i vaniloqui sul comune padre Abramo, per certi versi sono addirittura agli antipodi. Lo dimostra la telefonata intercorsa tra Papa Francesco e i famigliari del povero James Foley. La madre del giornalista americano decapitato in Irak, cattolicissima come il marito e come il figlio che aveva studiato in un'università di gesuiti e si era sostenuto durante la lunga prigionia recitando il rosario, non ha gridato parole di vendetta come tradizionalmente accade nel mondo musulmano quando viene uccisa una persona cara. E non perché la signora Foley è buona e le madri musulmane sono cattive ma perché la signora Foley è figlia del Vangelo, che insegna il perdono, e le madri musulmane sono figlie del Corano, che esorta alla vendetta. Non ci credete? Pensate che io sia un islamofobo ottuso? Che parli sulla base di pregiudizi? Allora andatevi a leggere la Sura della Vacca che poi sarebbe il secondo capitolo del loro testo sacro: «In materia di omicidio v'è prescritta la legge del taglione: libero per libero, schiavo per schiavo, donna per donna». L'esatto contrario del porgere l'altra guancia e, già che ci siamo, un ottimo modo per giustificare, con la scusa di Allah clemente e misericordioso, l'inferiorità delle donne e la schiavitù dei vinti. E qualcuno ha ancora il coraggio di dire che le religioni sono tutte uguali? Che (...) (...) si informi, che studi. Proprio una telefonata interessantissima quella tra Papa Francesco e i Foley. Il Santo Padre, informa la sala stampa vaticana, «è rimasto molto impressionato dalla grande fede della madre». Impressionante davvero perché i cattolici sono ormai in maggioranza ipocredenti. Credono grosso modo tutti nell'esistenza di Dio, e ci mancherebbe, molto meno in dogmi fondamentali come la transustanziazione, parola impronunciabile ma realtà indispensabile: la presenza reale di Cristo nell'ostia consacrata. Dal punto di vista dogmatico la Chiesa è talmente un colabrodo che un aspirante cardinale (Ravasi, tanto per far nomi) può scrivere in un articolo di dubitare della resurrezione, ossia della veridicità dei Vangeli, e poi ricevere la berretta rossa come se niente fosse. Chiunque come me vada a messa tutte le domeniche non può non riscontrare che i sacerdoti quando leggono il messale sembrano avere una fede granitica, mentre quando improvvisano al pulpito, durante la predica, appaiono incerti, dubbiosi, tiepidi. Quindi ha davvero del miracoloso che una madre a cui è stato appena sgozzato il primogenito abbia conservato una fede talmente solida da consentirle di affrontare un simile, tragicissimo evento senza maledire l'universo mondo. Ne avrebbe avuto ben donde, la signora Foley, ma non l'ha fatto. «Mi ha ricordato Gesù», ha detto del figlio dopo averlo visto in quell'orribile video. Ecco la grandezza del cristianesimo, capace di fornire un senso e alimentare una speranza (la speranza di quella resurrezione che non convince troppo Ravasi) perfino nella peggiore delle disgrazie. Avrebbe potuto dire qualsiasi terribile cosa questa madre americana e noi l'avremmo capita, giustificata. Oppure avrebbe potuto molto semplicemente confrontare il messaggio di Cristo con quello di Maometto. «Amate i vostri nemici e pregate per i vostri persecutori», dice il primo. «Uccideteli ovunque li incontriate», scrisse il secondo. Ma non ha fatto nemmeno questo e allora lo faccio io, che sono meno buono e più polemico di lei. Il padre (Papa Francesco ha parlato con entrambi i genitori) ha definito il figlio «un martire della libertà». E anche lui ha perfettamente ragione, definizione più giusta non si poteva trovare. Una telefonata molto impegnativa, quella tra il Papa e questi formidabili signori: perché adesso ci tocca cercare di essere degni di cristiani così.


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT