martedi` 20 ottobre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il suono dello Shofar


Clicca qui






 
Manfred Gerstenfeld
Israele, ebrei & il mondo
<< torna all'indice della rubrica
È possibile arginare i pregiudizi della BBC? 11/10/2020
È possibile arginare i pregiudizi della BBC?
Analisi di Manfred Gerstenfeld

(traduzione di Yehudit Weisz)

File:Zvi Shtauber.jpg - Wikimedia Commons
Zvi Shtauber

L'ex ambasciatore israeliano nel Regno Unito Zvi Shtauber in un’intervista nel 2005 mi disse: “La BBC è un problema di per sé. Negli anni ho avuto infinite discussioni con loro. Qualsiasi spettatore che guardi le informazioni della BBC su Israele ha ricevuto per un lungo periodo un'immagine distorta. Non dipende da una singola trasmissione qua o là, ma deriva dal metodo di trasmissione della BBC. Quando c’è un reportage da Israele, solitamente sullo sfondo viene mostrata la moschea sul Monte del Tempio, il che dà agli spettatori l'impressione che Gerusalemme sia prevalentemente musulmana.” Shtauber aveva riassunto le sue osservazioni dicendo che era quasi un dovere quotidiano per lui reagire alle distorsioni della BBC su Israele. Per decenni c'è stato un flusso costante di lamentele sui pregiudizi anti-Israele della BBC, più che sufficiente per riempire un libro. Camera UK mantiene uno speciale sito di monitoraggio per concentrarsi esclusivamente sul pregiudizio anti-israeliano della BBC. Ecco alcuni esempi recenti. La senior producer della BBC, Rosie Garthwaite, sta lavorando a un nuovo documentario che critica la condotta degli israeliani a Gerusalemme Est. Ha appena ammesso di condividere sui social media una scorretta propaganda pro-palestinese. Ha cancellato dal suo profilo privato di Twitter una falsa cartina geografica, che enfatizzava enormemente la perdita di terra palestinese per colpa di Israele. Inoltre è stata accusata di condividere sui social media altre affermazioni false o controverse su Israele. Garthwaite ha sostenuto erroneamente che Gaza abbia un solo confine e che quell'unico confine sia controllato da Israele.

Questi sono solo alcuni esempi della sua propaganda anti-israeliana. L’esperto giornalista della BBC Nimesh Thaker, ha utilizzato il profilo Twitter @notthatbothered per minimizzare l'antisemitismo. Promuove estremisti come Jackie Walker, che era stata espulsa dal Partito Laburista sotto la presidenza di Jeremy Corbyn a causa del suo antisemitismo. Thaker ha anche utilizzato un account di social media anonimo per condividere un post contro la presentatrice ebrea Emma Barnett, dopo che lei aveva raccontato l'impatto che l'antisemitismo ha sulla sua vita. L'attivista ebreo David Collier ha scritto che non c'è bisogno di chiedersi perché il gruppo estremista di sinistra, Jewish Voice for Labour, venga messo in onda così spesso alla BBC. Ha aggiunto che persone come Thaker scrivono le notizie che milioni di persone leggono ogni giorno. Ha concluso che nulla in Gran Bretagna ha una responsabilità maggiore della BBC per la diffusione della falsa narrativa anti-israeliana. Si potrebbe andare avanti all'infinito. Come ha osservato l'ambasciatore Shtauber “diverse posizioni chiave nella BCC sono ricoperte da estremisti di sinistra.”  Ha aggiunto che la BBC fa pubblicità ai suoi dipendenti sul quotidiano di sinistra The Guardian. Con così tanti giornalisti di parte, non sorprende che si verifichino molti casi di unilateralità, compresi quelli non legati agli ebrei o ad Israele. Eppure, fino ad ora, c'era poco da fare se non criticare pubblicamente la BBC. I precedenti governi conservatori hanno ignorato il problema dei pregiudizi della BBC, ma ora la situazione potrebbe cambiare. A giugno del 2020 il governo britannico ha nominato come Direttore Generale dell’Azienda Tim Davie, che ha criticato la mancanza di imparzialità della BBC in termini simili a quelli di molti dei suoi critici. In una riunione del personale della BBC all'inizio di settembre, Davie ha fatto questa sorprendente dichiarazione: “Se vuoi essere un opinionista dogmatico o un attivista fazioso sui social media, beh questa sarà anche una scelta valida, ma non dovresti lavorare alla BBC.” La grande domanda è se e fino a che punto un Direttore Generale può trasformare in imparziale, un ambiente aziendale permeato di giornalisti di parte come la BBC. Un modo sarebbe quello di dire al 50 % degli alti dirigenti che verranno licenziati e offrire loro l’opzione di ricandidarsi per quella stessa posizione. A quel punto loro dovranno presentare tutto il materiale che hanno pubblicato negli ultimi anni sui social media. Una commissione di ricercatori indipendenti esamineranno il loro lavoro alla BBC. Poi ai candidati verrà chiesto di spiegare la loro faziosità in passato e come intendano procedere per essere corretti in futuro. Per le persone in cui i valori della sinistra sono legati al proprio sistema sanguigno, questo sarà un compito troppo difficile. In linea di massima non ne verrebbero riassunti più della metà. Ma questo metodo non è ammissibile nella società democratica britannica.

Trevor Asserson - Asserson Law Offices
Trevor Asserson

L'avvocato ebreo britannico Trevor Asserson, che ora vive in Israele, ha investito i propri soldi dal 2000 al 2004 in quattro studi ben documentati che dettagliavano il pregiudizio sistematico della BBC contro Israele. Ha concluso che la copertura della BBC sul Medio Oriente è infettata da una diffusa antipatia verso lo Stato ebraico. Queste notizie mediatiche distorte creano un'atmosfera in cui può prosperare l'antisemitismo. Asserson ha osservato che il monopolio della BBC deriva da un contratto legalmente vincolante con il governo britannico. Ha indicato i 15 obblighi di legge della BBC ai sensi del suo statuto e poi ha mostrato i numerosi casi in cui la BBC ha violato alcune linee guida, e spesso, addirittura la maggior parte di esse. Nel suo primo rapporto, Asserson ha scritto che alla BBC “i commenti al vetriolo si riferiscono a fatti o citazioni senza fonti.”  Ha poi analizzato due ritratti carichi di preconcetti, uno all’opposto dell’altro, quello di Sharon e quello di Arafat, apparsi sul sito web della BBC, annotando: “Un commento anonimo insinuava che Sharon era capace di una violenza sfrenata”, un'accusa che Asserson ha mostrato essere una menzogna dettata dall’estremismo. Una delle ragioni era che Sharon era soggetto ad uno stato di diritto che in passato gli era valso la perdita della carica governativa. A proposito di Arafat, Asserson ha scritto che nel sito web della BBC era descritto come un eroe, disinteressatamente devoto ai suoi pubblici doveri, lavoratore indefesso e con un naturale talento di leadership. Il coinvolgimento di Arafat nel terrorismo è stato totalmente ignorato. Dopo che Asserson pubblicò il suo rapporto, entrambi i ritratti sono stati rimossi dal sito web della BBC. Nel suo secondo rapporto, Asserson ha fornito la prova che la BBC non è riuscita a dare un rilievo adeguato a molti argomenti importanti che avrebbero dato un'immagine negativa dei palestinesi. Nel suo terzo rapporto, Asserson ha messo a confronto il rapporto della BBC sui soldati britannici in Iraq con quello delle truppe israeliane nel conflitto con i palestinesi. E concluse che in Iraq “le truppe di coalizione sono descritte in termini calorosi e entusiastici, suscitando simpatia per loro sia come individui che per la loro situazione militare. Al contrario, le truppe israeliane sono dipinte come assassini senza volto, spietati e brutali.” Lui e il suo coautore hanno mostrato quanto fosse diffuso il pregiudizio della BBC offrendo un gran numero di esempi molto diversi. I rapporti di Asserson hanno sortito qualche effetto. Nel novembre del 2003, la BBC ha improvvisamente creato un incarico editoriale senior per fornire consulenza sulla sua copertura in Medio Oriente. Un ex direttore del notiziario della BBC delle 9 di mattina, Malcolm Balen, è stato selezionato per la posizione. L'allora capo della BBC News, Richard Sambrook, ha detto ad Asserson che i suoi rapporti hanno contribuito alla decisione di creare quella posizione. Nel 2004, Balen ha intrapreso un'indagine interna sulla copertura della BBC sul conflitto israelo-palestinese. Il rapporto non è mai stato pubblicato, il che ha portato a una serie di battaglie legali.

Dopo otto anni, la Corte Suprema ha deciso che il rapporto Balen è esente dal Freedom of Information Act. La BBC dovette, tuttavia, rivelare le sue spese legali in materia, che all'epoca ammontavano a circa mezzo milione di dollari. Ci si chiede perché, se l'inchiesta avesse scoperto che la sua segnalazione era imparziale, la BBC non avrebbe speso così tanto per mantenerla segreta. Sarebbe utile se fonti della comunità ebraica fornissero al nuovo Direttore Generale tutto il materiale di Asserson. Potrebbe fargli risparmiare molto tempo per riuscire a capire le manipolazioni di parte dello staff della BBC. Honest Reporting è stata una di quelle ONG che all'epoca avevano compiuto uno sforzo senza successo per ottenere la pubblicazione del rapporto Balen. Ora potrebbe suggerire a Mr. Davie di recuperare questo rapporto dalla cassaforte della BBC e renderlo finalmente pubblico, così potrebbe mostrare che i capi della BBC, già più di 15 anni fa, sapevano che la loro Azienda era faziosa nei suoi reportage sul Medio Oriente.

Risultati immagini per manfred gerstenfeld
Manfred Gerstenfeld è stato insignito del “Lifetime Achievement Award” dal Journal for the Study of Antisemitism, e dall’ International Leadership Award dal Simon Wiesenthal Center. Ha diretto per 12 anni il Jerusalem Center for Public Affairs.
Le sue analisi escono in italiano in esclusiva su IC

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT