martedi` 20 ottobre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il suono dello Shofar


Clicca qui






 
Manfred Gerstenfeld
Israele, ebrei & il mondo
<< torna all'indice della rubrica
Voci arabe criticano il rifiuto palestinese 03/10/2020
Voci arabe criticano il rifiuto palestinese
Analisi di Manfred Gerstenfeld

(traduzione di Yehudit Weisz)

waseem yousef | z3eemalwrqa
Waseem Yousef

L’apertura di relazioni con Israele da parte degli Emirati Arabi Uniti (EAU) e del Bahrain ha avuto una serie di effetti collaterali. Uno di questi, è stato che alcune figure nel mondo arabo hanno iniziato a spiegare perché questi passi da parte dei due Paesi fossero possibili, nonostante il fatto che non ci fosse alcuna promessa della creazione di uno Stato palestinese. Vari autori arabi hanno criticato il rifiuto palestinese in diversi articoli. Ecco alcuni esempi: lo studioso del Corano degli Emirati Arabi Uniti, Waseem Yousef, ha accusato i palestinesi e la leadership palestinese di mancare di rispetto alla bandiera degli Emirati Arabi Uniti mentre Israele la sventola con orgoglio. Yousef ha 1,6 milioni di follower. L' 8 settembre, il quotidiano saudita Al-Sharq Al-Awsat , con sede a Londra , ha criticato l'Autorità Palestinese per il suo rifiuto dell'accordo di normalizzazione degli Emirati Arabi Uniti con Israele. Ha menzionato specificamente la conferenza tenuta di recente con urgenza da parte delle fazioni palestinesi di Beirut, Ramallah e online, per protestare contro questa normalizzazione. I giornali quotidiani in Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti ed Egitto hanno recentemente pubblicato dozzine di articoli che condannano i palestinesi per la loro ingrata leadership. Alcuni articoli affermavano che la leadership palestinese aveva sfruttato la causa palestinese per sette decenni e aveva estorto molti fondi dagli Stati del Golfo. Alcuni hanno persino accusato i funzionari dell'Autorità Palestinese di prendere denaro per se stessi e di rifiutare deliberatamente ogni iniziativa di pace al fine di perpetuare la situazione e di restare saldamente al potere. Il Gulf Corporation Council (GCC) è composto da Qatar, Kuwait, Bahrain, Oman, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti. Il Segretario Generale del GCC, Nayef al-Hajraf, ha preteso le scuse da parte dei leader palestinesi per le loro critiche all’accordo di normalizzazione degli Emirati Arabi Uniti con Israele ed ha accusato i leader palestinesi di “istigazioni e minacce” durante una riunione dei capi di diverse fazioni palestinesi.

Understanding International Dynamics - 2 - The Gulf Cooperation Council (GCC)  - YouTube

Il GCC ha rilasciato una dichiarazione in cui si afferma: “Il Segretario Generale ha condannato le falsità che mettono in dubbio la posizione storica delle nazioni del Golfo a sostegno dei diritti dei palestinesi, invitando i leader palestinesi responsabili che hanno partecipato a quell'incontro, guidato dal presidente Mahmoud Abbas, a scusarsi per quelle violazioni e dichiarazioni provocatorie e false, contrarie alla realtà dei rapporti tra gli Stati del Consiglio di Cooperazione e il fraterno popolo palestinese.” Diversi commentatori arabi sentono il bisogno di spiegare che quei Paesi arabi, che ora normalizzano le relazioni con Israele, sostengono la creazione di uno Stato palestinese. Ciò è in parte necessario poiché questa creazione di relazioni va contro l'iniziativa di pace araba del 2002. Quest’ultima richiedeva la normalizzazione tra il mondo arabo - in cambio di un assoluto ritiro da parte di Israele alle linee precedenti al 1967- “una giusta soluzione del problema dei rifugiati palestinesi” basata sulla Risoluzione 194 delle Nazioni Unite e la creazione di uno Stato palestinese con Gerusalemme Est come capitale. Coloro che appoggiano gli accordi negli Emirati Arabi Uniti e in Bahrein non possono ammettere la piena verità su questo tema. Se potessero, una simile dichiarazione potrebbe ad esempio essere letta come segue: “Gli interessi del nostro Paese non considerano la creazione di uno Stato palestinese una priorità assoluta. Ci sentiamo fortemente minacciati dall'Iran. Israele può essere un alleato contro l'aggressione iraniana. Il nostro accordo è stato ulteriormente agevolato poiché Israele ha ritardato il suo piano per l'annessione di parte del territorio palestinese. Negli Stati Uniti esiste attualmente un'amministrazione disposta a fornirci armi avanzate se andiamo d'accordo con i suoi piani per la regione. Se emergesse uno Stato palestinese, saremmo felici. Ma per ora è lontano dalle nostre priorità ".

Un'opzione alternativa, che a volte appare, è sottolineare che l'attuale lotta per uno Stato palestinese è innanzitutto un problema dei palestinesi stessi. La svolta di Israele con questi due Stati arabi non è solo un duro colpo per i palestinesi, ma mette in evidenza anche parte del grande fallimento delle politiche mediorientali dell'ex Presidente degli Stati Uniti Barack Obama che ha corteggiato gli arabi in molti modi. Poco dopo la sua elezione a Presidente degli Stati Uniti, aveva visitato l'Egitto e deliberatamente scelto di non andare in Israele. Tuttavia, nonostante ciò e nonostante le pressioni su Israele, Obama e il suo Ministro degli Esteri John Kerry non sono riusciti a stabilire nemmeno una relazione tra Israele e uno Stato arabo. Questo è un risultato molto scarso rispetto a quello ottenuto dal suo tanto diffamato successore Donald Trump. È improbabile che Obama ora rilasci una dichiarazione in cui si legge: “Il Presidente Trump non dovrebbe prendersi tutto il merito dell'instaurazione di relazioni tra due Stati arabi e Israele. Parte del merito è indirettamente mio. Solo grazie all'accordo JCPOA del 2015 che ho negoziato con gli iraniani, questi ultimi si sono sentiti sicuri nell'espansione massiccia del loro terrorismo in Medio Oriente. Diversi Stati arabi considerano questo come una minaccia alla loro esistenza. Così, ho indirettamente facilitato l'instaurazione di relazioni con Israele ". Nel frattempo, John Kerry è stato preso in giro anche dall’attuale Ministro degli Esteri americano John Pompeo e da diversi media. Nel 2016 Kerry aveva detto: “Posso dirvi che è stato ribadito anche nell'ultima settimana, quando ho parlato con i leader della comunità araba, non ci sarà progresso e pace separata con il mondo arabo senza il processo palestinese e la pace palestinese. Tutti devono capirlo. Questa è la dura realtà”.

L'instaurazione di relazioni tra Emirati Arabi Uniti, Bahrein e Israele è anche un duro colpo per molti masochisti israeliani. Un recente editoriale su Ha'aretz dell’ex leader del Meretz, Yossi Beilin, era intitolato “È ora che gli Stati arabi lancino un'altra notizia bomba su Israele”. Beilin ha ripetuto alcuni dei suoi molti precedenti errori di valutazione scrivendo: “Dobbiamo tenere a mente che non possiamo e non dobbiamo eludere la necessità di una soluzione pacifica con i palestinesi, basata su due Stati, sotto l'ombrello di una confederazione o senza di essa. Questo è l'unico modo per noi di assicurare che una minoranza ebraica non dominerà in futuro una maggioranza araba. Nessuna pace con nessun altro Stato arabo, né alcun numero di Stati arabi, ce lo può assicurare.” Da questo emerge chiaramente che Beilin è molto più infastidito dalla possibilità che gli israeliani possano dominare i palestinesi che dalla cultura della morte profondamente radicata nella società palestinese. Israele e i due Stati del Golfo sono solo all'inizio di un processo. Le dichiarazioni di autori arabi che criticano il rifiuto palestinese e la necessità che i palestinesi si prendano cura dei propri affari sono appena iniziate. Tuttavia, la tendenza è stata impostata ed è probabile che si espanderà, in particolare se altri Stati arabi stabiliranno relazioni con Israele.

Risultati immagini per manfred gerstenfeld
Manfred Gerstenfeld è stato insignito del “Lifetime Achievement Award” dal Journal for the Study of Antisemitism, e dall’ International Leadership Award dal Simon Wiesenthal Center. Ha diretto per 12 anni il Jerusalem Center for Public Affairs.
Le sue analisi escono in italiano in esclusiva su IC

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT