martedi` 20 ottobre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il suono dello Shofar


Clicca qui






 
Manfred Gerstenfeld
Israele, ebrei & il mondo
<< torna all'indice della rubrica
Il consiglio malevolo della Merkel a Netanyahu 27/09/2020
Il consiglio malevolo della Merkel a Netanyahu
Analisi di Manfred Gerstenfeld

(traduzione di Yehudit Weisz)

Merkel sui rapporti Israele-Germania:
Angela Merkel, Benjamin Netanyahu

Condividere L'ufficio stampa tedesco ha pubblicato un comunicato su una telefonata che la Cancelliera tedesca Angela Merkel ha fatto al Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu. Il rapporto afferma che oltre al controllo della pandemia di Covid19 sono state affrontate tematiche regionali. La Cancelliera ha accolto con favore i colloqui in corso sulla normalizzazione delle relazioni bilaterali tra Israele e gli Emirati Arabi Uniti. In questo contesto ha sottolineato la necessità di ristabilire le relazioni con i palestinesi con l'obiettivo di una soluzione a due Stati. Quest'ultimo era un consiglio malevolo. La parola viene scelta tra termini più eufemistici come fuorviante, controproducente, antagonista, conflittuale, aggressivo, falso, dirompente, fuori luogo, errato e così via. Nell'accordo israeliano con gli Emirati Arabi Uniti non si fa menzione di uno Stato palestinese. Allora di cosa si impiccia la Cancelliera della Germania dove continuano a emergere i resti del suo orribile passato? In futuro potrebbe configurarsi una situazione in cui ci siano due Stati sul lato ovest del fiume Giordano. Ma in questo momento non è possibile una soluzione a due Stati. Trasformare le attuali entità palestinesi in uno Stato, è improbabile che risolva qualcosa dato che il più grande partito, Hamas, è a favore del genocidio degli ebrei, più o meno come voleva la generazione dei nonni della Merkel in Germania. Inoltre, il secondo più grande partito palestinese, Fatah, è a favore del terrorismo e l'Autorità Palestinese, che lo controlla, premia gli assassini potenziali o effettivi. La glorificazione della morte è un culto che permea gran parte della società palestinese. Ci sono molti altri motivi per cui l'osservazione della Merkel è stata sfacciata. Eppure la Germania è potente e Netanyahu quindi non poteva permettersi di dire quanto segue in risposta al consiglio della Merkel. Poiché questo, tuttavia, dovrebbe essere detto, lo pubblichiamo qui: Gentile Signora Cancelliera, Lei ha fatto molte cose buone per Israele, che apprezzo molto. Tuttavia ci sono vari aspetti assai negativi nel comportamento del governo tedesco sotto la Sua leadership, che mettono in pericolo sia Israele che gli ebrei tedeschi. Nessuno ha promosso indirettamente il terrorismo in Medio Oriente nell'ultimo decennio più del precedente Presidente degli Stati Uniti Barack Obama. Eppure detiene il Premio Nobel per la Pace che gli è stato dato da irresponsabili norvegesi. L'accordo JCPOA del 2015, a cui Israele si è fortemente opposto, ha dato carta bianca al governo iraniano - con le sue intenzioni genocide nei confronti di Israele – per rinfocolare il terrorismo in molte parti del Medio Oriente. La Germania ha sostenuto questo accordo.

Anche oggi la Germania ha un atteggiamento troppo debole nei confronti dell'Iran. Anche il vostro ambasciatore presso le Nazioni Unite partecipa al festival dell'odio anti-israeliano. All'ONU il vostro Paese vota spesso con i nemici di Israele. Il Suo ambasciatore ha persino espresso osservazioni molto negative su Israele e Lei avrebbe dovuto richiamarlo. Il Suo governo è il più grande importatore di antisemiti in Europa. La Sua politica di benvenuto ha consentito a circa 1 milione di musulmani in più di entrare nel Suo Paese senza alcun controllo sul fatto che siano o non siano antisemiti. Secondo gli studi, circa la metà di loro odia gli ebrei. In considerazione del suo passato eccezionalmente criminale, la Germania non avrebbe dovuto far entrare alcun antisemita. Non c'è nulla di umanitario nell'importare antisemiti in Europa, anche se sono rifugiati. Questa decisione radicalmente sbagliata ha portato anche ad un rafforzamento dell'attivismo, anche contro gli ebrei, nella destra tedesca. Attualmente un partito di destra, che ha dei membri antisemiti, è rappresentato nel parlamento del Suo paese, il Bundestag. Il Suo predecessore, il Cancelliere Helmut Kohl, aveva compiuto un grande sforzo per normalizzare il più possibile la realtà per gli ebrei tedeschi. Aveva aperto i confini tedeschi per gli ebrei dalla Russia, il che ha portato a un notevole aumento del numero di ebrei e di nuove comunità ebraiche in varie città tedesche. Ora le Sue politiche hanno portato all'opposto. I leader ebrei tedeschi sono stati estremamente riluttanti a dire la verità, ma a maggio del 2020 Josef Schuster, Presidente del Consiglio centrale ebraico in Germania (Zentralrat der Juden in Deutschland), alla fine ha ammesso di aver dovuto rinunciare all'idea utopica che potrebbe esistere una Germania senza antisemitismo. Il Commissario nazionale tedesco per l'antisemitismo Felix Klein ha detto: “Non posso dire agli ebrei di indossare le loro kippot dovunque e sempre in Germania”. Anche Schuster ha consigliato agli ebrei di non indossare le kippot in pubblico nelle principali città. La ragione principale di questo consiglio è che l'odio dei musulmani a volte si traduce in atti di violenza. Uno di quelli che inizialmente non aveva tenuto conto di questo consiglio è stato il rabbino di Monaco Shmuel Aharon Brodman. È stato molestato da quattro uomini di lingua araba lo scorso luglio.

Non sappiamo se gli aggressori facessero parte del Suo gruppo di accoglienza per l'immigrazione o siano entrati nel Paese prima. Il rabbino Brodman ha ora deciso di non indossare più una kippa in pubblico e di non parlare in ebraico ad alta voce. In considerazione dei rischi connessi, gli ebrei devono prestare attenzione al consiglio di nascondere la loro identità in Germania. Al contrario, un tribunale del lavoro ha deciso che le donne musulmane possono mostrare la loro identità indossando il velo quando insegnano nelle scuole. Berlino è ora la capitale dell'antisemitismo in Europa. Un problema specifico riguarda alcuni casi di molestie estreme nei confronti di alunni ebrei nelle scuole, essenzialmente da parte di musulmani. Il Suo governo manipola le statistiche e tenta di dare la colpa di quasi tutti gli incidenti antisemiti alla destra, anche se solo la metà dei responsabili è nota. Consentitemi di aggiungere un'altra osservazione. Il Suo ambasciatore in Israele è ospite nel nostro Paese. Dovrebbe tenere per sé l'opinione del governo tedesco sulla soluzione dei due Stati per il conflitto israelo-palestinese. Alla luce di quanto sopra, non dovrebbe diffondere pubblicamente la Sua raccomandazione non richiesta e malevola sulla "Soluzione dei due Stati". Gli ospiti non dovrebbero insultare i padroni di casa. Poiché Lei mi ha fatto una raccomandazione, vorrei ricambiare facendo anche io una raccomandazione a Lei. Dato che ha molti problemi in Germania, compreso il crescente antisemitismo, la prego, prima risolva i problemi nel suo cortile.” Netanyahu non poteva dire questo. Eppure c'è una cosa che certamente avrebbe potuto dire nella sua conversazione telefonica con la Merkel: “Decine di milioni di tedeschi pensano che Israele si comporti nei confronti dei palestinesi come i nazisti o in alternativa che Israele intenda sterminare i palestinesi. Vorrei cortesemente ma con fermezza, chiederle di indagare sulla questione e vedere come il governo tedesco possa agire contro queste opinioni diffuse estremamente malvagie”.

Risultati immagini per manfred gerstenfeld
Manfred Gerstenfeld è stato insignito del “Lifetime Achievement Award” dal Journal for the Study of Antisemitism, e dall’ International Leadership Award dal Simon Wiesenthal Center. Ha diretto per 12 anni il Jerusalem Center for Public Affairs.
Le sue analisi escono in italiano in esclusiva su IC

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT