martedi` 20 ottobre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il suono dello Shofar


Clicca qui






 
Manfred Gerstenfeld
Israele, ebrei & il mondo
<< torna all'indice della rubrica
Richieste alle ferrovie nazionali di risarcimento per la Shoah 19/09/2020
Richieste alle ferrovie nazionali di risarcimento per la Shoah
Analisi di Manfred Gerstenfeld

(traduzione di Yehudit Weisz)

Giorno della Memoria 2019 - Trentino Cultura

Il risarcimento alle vittime della Shoah dopo la Seconda Guerra Mondiale ha portato solo a un compenso molto parziale per le proprietà ebraiche in epoca prebellica. L'esperto finanziario americano Sidney Zabludoff ha stimato che meno del 20% di quanto rubato sia stato restituito. Ben oltre cento miliardi di dollari al valore attuale non sono stati restituiti ai proprietari ebrei o ai loro eredi. Alla fine del secolo scorso, una seconda tranche di restituzioni ebbe luogo in diversi Paesi, tra cui Svizzera, Paesi Bassi e Norvegia. Questa aveva riguardato una piccola percentuale di tutto quello che era stato rubato nel complesso. Rimangono quindi molte questioni irrisolte, di cui solo alcune verranno qui affrontate. Iniziamo con quella che riguarda le ferrovie europee: fin dagl’inizi quei treni avevano trasportato un numero enorme di ebrei verso i campi di sterminio. Nel dicembre del 2014, Francia e Stati Uniti hanno concordato un pacchetto di risarcimento per le vittime della Shoah che vivevano al di fuori della Francia, e che furono deportate dalla compagnia ferroviaria nazionale francese, la SNCF. In quell’accordo I sopravvissuti di altri Paesi non erano in lista per essere risarciti. I due Paesi avevano annunciato congiuntamente un fondo di compensazione di 60 milioni di dollari, finanziato dal governo francese. Gli Stati Uniti hanno ricevuto dalla Francia questa somma, con cui in seguito hanno potuto risarcire i sopravvissuti residenti fuori dalla Francia. Il pagamento per ogni singolo sopravvissuto ammontava a circa 100.000 dollari. Come parte dell'accordo, il governo degli Stati Uniti aveva promesso di cercare di porre fine a tutte le azioni legali e alle rivendicazioni contro la SNCF negli USA.

L'accordo è stato raggiunto quando i legislatori statunitensi avevano tentato di escludere la SNCF dai contratti ferroviari negli Stati Uniti a causa della sua collaborazione con gli occupanti tedeschi della Francia, durante la Seconda Guerra Mondiale. Su 76.000 ebrei che la SNCF trasportò nei campi nazisti durante l'Olocausto, solo 3000 sopravvissero. In precedenza, c'erano state delle rivendicazioni finanziarie in Francia contro la SNCF, ma senza alcun successo. Nel 2006, Alain Lipietz e sua sorella Hélène avevano citato in giudizio l'azienda. Lipietz all'epoca era un membro del Parlamento europeo per il Partito dei Verdi. I ricorrenti hanno chiesto risarcimenti alla compagnia ferroviaria per il trasporto di membri della loro famiglia al campo di deportazione francese a Drancy. I fratelli Lipietz hanno vinto il primo caso giudiziario. Il tribunale di Tolosa ordinò allo Stato francese e alla SNCF di pagare alla famiglia la somma di 60.000 euro. I giudici avevano riscontrato che la SNCF non aveva mai espresso alcuna obiezione al trasporto di tali prigionieri. Successivamente SNCF ha ricevuto 1800 richieste di risarcimento. Una causa analoga nel 2003 era fallita: allora un tribunale di Parigi sentenziò che non si poteva stabilire che la SNCF fosse responsabile del trasporto di ebrei durante l'occupazione nazista. La SNCF ha impugnato la sentenza di Tolosa a favore dei fratelli Lipietz. Nel 2007, i giudici d'appello di Bordeaux sentenziarono che i tribunali amministrativi non potevano prendere decisioni sulla responsabilità della SNCF. Pertanto, la SNCF non ha dovuto pagare. Il tribunale amministrativo francese di grado più elevato, il Consiglio di Stato, si è dichiarato non competente a pronunciarsi sulla questione. La SNCF era stata criticata per anni per il suo ruolo in tempo di guerra nella deportazione degli ebrei. Molti dei suoi presidenti hanno capito che la sua storia bellica era un argomento delicato.

Nel 1990, Jacques Fournier, allora presidente della SNCF, decise che tutti i suoi archivi - con una priorità data agli archivi del ​​tempo di guerra - dovevano essere conservati in un unico luogo. Inoltre, secondo le sue istruzioni, fu preparato un rapporto sulla storia della SNCF durante la Seconda Guerra Mondiale. Nel 2000, l'allora presidente della SNCF, Louis Gallois, decise che una mostra di immagini di bambini deportati e assassinati sarebbe stata esposta in 20 delle principali stazioni ferroviarie francesi tra il 2002 e il 2004. Questi sono stati esposti anche presso la sede della SNCF, al Parlamento francese e al Municipio di Parigi. La mostra fu visitata da circa un milione di persone. Nel 2008, il nuovo presidente della SNCF, Guillaume Pepy, aveva espresso il suo rammarico per le conseguenze della condotta della SNCF durante la guerra. Tuttavia, nessun pagamento è stato offerto a coloro che erano sopravvissuti ai trasporti. Per questo si è dovuto attendere il già citato accordo franco-americano del 2014 che era destinato solo a una parte dei sopravvissuti. Nei Paesi Bassi, un solo attivista è riuscito a convincere la compagnia delle ferrovie olandesi (NS) a risarcire i sopravvissuti della Shoah olandesi. Salo Muller - i cui genitori furono assassinati ad Auschwitz - è un nome familiare ad Amsterdam. Per molti anni è stato il fisioterapista della grande squadra di calcio locale, l’Ajax. La pressione di Muller ha costretto alla fine la NS a pagare un risarcimento ai sopravvissuti trasportati dai suoi treni, o in alternativa, ai loro coniugi o figli. In base all'accordo, la società ha pagato circa 40-50 milioni di euro. Questi pagamenti sono stati effettuati nel 2020. Sono stati consigliati da una commissione indipendente guidata dall'ex sindaco di Amsterdam, Job Cohen. Poiché c'erano molte persone che erano state uccise senza lasciare membri della famiglia, la commissione raccomandò anche che la NS effettuasse un pagamento in loro onore. Riguardo a questi pagamenti, la NS ignorò totalmente l'opinione della comunità ebraica: decise di effettuare pagamenti per un totale di 5 milioni di euro per quattro Centri della memoria della Seconda Guerra Mondiale in Olanda. Quella non è stata una buona decisione. Sebbene la NS abbia versato fondi significativi, nella comunità ebraica rimane acrimonia nei confronti dell'azienda. Già nel 2005, l'allora presidente della NS, Aad Veenman, aveva inaspettatamente porto le sue scuse alla comunità ebraica per il comportamento della compagnia durante la guerra.

Fino ad allora, la sua direzione aveva negato che si sarebbe scusata per i servizi forniti dai suoi predecessori in tempo di guerra, senza mai protestare durante la deportazione della maggior parte degli ebrei olandesi. Dopo il suo successo contro la NS, Muller ha deciso di intentare un'azione legale contro lo Stato tedesco. Si riferisce al ruolo che ebbero durante la guerra le ferrovie statali tedesche, e poi la Deutsche Reichsbahn. Muller chiede delle scuse e un risarcimento finanziario per i sopravvissuti alla Shoah degli ebrei olandesi e i loro parenti prossimi. Il suo avvocato ha scritto alla cancelliera tedesca Angela Merkel che gli eredi delle compagnie delle ferrovie tedesche del periodo bellico, hanno oggi l'obbligo morale e legale di riconoscere il loro ruolo nelle sofferenze degli ebrei, dei sinti e dei rom. Muller, che ora ha 84 anni, alla televisione olandese ha rilasciato questi commenti sulla Reichsbahn: " Incolpo la compagnia ferroviaria per aver trasportato consapevolmente ebrei e di essere corresponsabili della loro uccisione in quel modo terribile ". Le ferrovie tedesche gestirono circa 100 trasporti dal confine olandese ad Auschwitz e al campo di sterminio di Sobibor. Una visione più ampia è assunta da un noto avvocato ebreo di Amsterdam, Herman Loonstein. In un'intervista al quotidiano Trouw, ha detto che molte proprietà di ebrei olandesi, che sono state rubate durante la guerra, non sono ancora state restituite. Loonstein menzionò come esempi opere d'arte o case che gli ebrei sopravvissuti ai campi tedeschi trovarono in possesso di altri dopo la guerra. Afferma che il governo olandese non fa alcuno sforzo per tale restituzione e lascia la lotta ai sopravvissuti. Ha anche affermato che la restituzione che ha avuto luogo è stata casuale. Loonstein ha detto che "la Seconda Guerra Mondiale, dal punto di vista legale, è tutt'altro che finita".

Ha menzionato piccoli problemi come gli ebrei che hanno dovuto pagare i comuni per le stelle gialle che erano costretti a indossare. Loonstein ha anche ricordato che la compagnia di tram elettrici di Amsterdam - come le ferrovie - ha trasportato ebrei nel processo di deportazione all'interno di Amsterdam. L'azienda si rifiuta di affrontare la questione del risarcimento. Tuttavia Loonstein ha sottolineato che i rimanenti maggiori problemi riguardano le opere d'arte e gli immobili. Come curiosità, Loonstein ha anche detto all'intervistatore che uno dei suoi figli avvocati ha scoperto che la proprietà di un appartamento di proprietà di un ebreo è stata trasferita il giorno della sua deportazione a uno dei più noti e importanti criminali di guerra dei Paesi Bassi, Pieter Menten. Loonstein ora si chiede se possa avviare una denuncia contro il governo olandese. Presume che gli attuali proprietari possano aver acquistato l'appartamento in buona fede. Tuttavia, afferma che il governo olandese abbia una certa responsabilità in questa vicenda. I notai che hanno collaborato al trasferimento di proprietà immobiliari ebraiche rubate, erano in parte dipendenti statali olandesi. Alla luce di tutto ciò, sembra che la restituzione aggiuntiva per la Shoah rimarrà per molti anni un argomento di discussione in diversi Paesi europei, sia in privato che nei media.

Risultati immagini per manfred gerstenfeld
Manfred Gerstenfeld è stato insignito del “Lifetime Achievement Award” dal Journal for the Study of Antisemitism, e dall’ International Leadership Award dal Simon Wiesenthal Center. Ha diretto per 12 anni il Jerusalem Center for Public Affairs.
Le sue analisi escono in italiano in esclusiva su IC

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT