lunedi` 28 settembre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco che cosa pensano davvero gli arabi palestinesi


Clicca qui






 
Manfred Gerstenfeld
Israele, ebrei & il mondo
<< torna all'indice della rubrica
Le molte sfide di Starmer per portare i laburisti ad una possibile vittoria 10/09/2020
Le molte sfide di Starmer per portare i laburisti ad una possibile vittoria
Analisi di Manfred Gerstenfeld

(traduzione di Yehudit Weisz)

A letter from Sir Keir Starmer: I'll keep listening and fighting ...
Keir Starmer

All'inizio di aprile del 2020, Sir Keir Starmer è stato eletto Presidente del Partito laburista Britannico. Ha sostituito Jeremy Corbyn. Starmer ha immediatamente chiarito di voler guidare il partito verso una direzione più tradizionale. Eppure fu ben presto chiaro che è difficile cambiare una struttura fondamentalmente poco flessibile. Un elemento chiave nei cambiamenti che Starmer vuole apportare riguarda l'antisemitismo. Ha dichiarato che non dovrà esistere antisemitismo nel partito. Ci si chiede se ciò sia realizzabile. L'antisemitismo è troppo diffuso nel Regno Unito per aspettarsi che qualsiasi grande partito ne sia totalmente privo. Ciò è particolarmente vero per il Partito laburista. Alan Johnson ha pubblicato uno studio che conclude che il Partito laburista è istituzionalmente antisemita. Sin dagli inizi della sua elezione, Starmer aveva preso contatti con la Comunità ebraica. Tutto questo è molto apprezzabile e stabilire una relazione corretta è stata una mossa saggia. L'antisemitismo molto probabilmente non è stato nemmeno uno dei fattori principali che alle elezioni parlamentari del 2019, avevano portato il Partito laburista alla sconfitta. Tuttavia, ha contribuito a creare una diffusa immagine negativa per il partito. Starmer non vuole che questo si ripeta alle prossime elezioni. Può già vantare un discreto successo perché un certo numero di ebrei che avevano lasciato il Partito laburista sotto Corbyn sono tornati ad essere di nuovo membri del partito. Ci sono anche prove che alcuni donatori ebrei potrebbero tornare a fare donazioni. Tuttavia, Starmer ha un considerevole problema di immagine. Solo un anno prima di essere eletto leader era tra coloro che avevano promosso il Partito laburista alle elezioni parlamentari. Se il partito avesse avuto successo, Corbyn sarebbe diventato Primo Ministro. Ma non è solo per l'antisemitismo che Corbyn ha lasciato un'eredità complessa. Ci sono molti suoi seguaci nel partito che di tanto in tanto si ergono ad una vera opposizione interna. Una decisione importante presa da Starmer alla fine di giugno, è stata quella di licenziare Rebecca Long-Bailey come segretaria ombra per l'Istruzione. Lei aveva inviato un tweet di approvazione su un'intervista in cui si diceva che una tattica della polizia statunitense di inginocchiarsi sul collo di qualcuno era stata insegnata loro dai servizi segreti israeliani. Il suo licenziamento era stato condannato dalla sinistra laburista. La Long-Bailey, fedele a Corbyn, aveva rivaleggiato con Starmer per la leadership del partito. Un’altra questione altamente problematica che Starmer deve affrontare sono i “whistleblowers” (“segnalatori di illeciti”), che avevano riferito al giornalista della BBC, John Ware, come il partito sotto la guida di Corbyn avesse gestito male le denunce di antisemitismo. Starmer si è scusato con loro per le accuse di malafede, malizia e menzogna. Queste persone sono state diffamate in un documento fatto trapelare dall’ interno del partito. Starmer si è accordato finanziariamente con Ware e sette “segnalatori di illeciti”.

Risultati immagini per antisemitism  england
Una manifestazione contro l'antisemitismo a Londra

Si dice che l'importo pagato fosse di circa £ 600.000.  Ma altri “whistleblowers” potrebbero ancora fare causa al partito. L'accordo finanziario è stato duramente criticato dal capo delle organizzazioni sindacali, Len McCluskey. Ha detto che il suo sindacato era il principale donatore del Partito laburista e che non voleva che i suoi fondi fossero usati per pagare i “segnalatori di illeciti”. McCluskey ha detto che il suo sindacato stava valutando cosa fare. Il giornalista John Ware era responsabile del documentario su Panorama della BBC, dal titolo “Il Partito laburista è antisemita?” trasmesso nel luglio del 2019. Lui potrebbe citare in giudizio personalmente Corbyn. Ciò ha portato alla creazione di un fondo privato per le spese legali dell'ex leader nel caso in cui ciò accadesse. Questo fondo ha raccolto circa 330.000 sterline. Una decisione importante che Starmer dovrà affrontare è quella di decidere quale sarà il futuro di Corbyn. L'ex Ministro degli Esteri David Miliband ha recentemente accusato Corbyn di aver tentato di danneggiare la leadership di Starmer, che a questo punto dovrà decidere se cercare di espellere Corbyn – cosa per cui si potrebbe facilmente trovare un motivo o un pretesto - o mantenerlo nel partito. Tale decisione dovrebbe essere presa molto prima delle elezioni del maggio 2024. Nel caso in cui il Partito laburista espellesse Corbyn, la domanda è: quanti altri parlamentari se ne andrebbero con lui? Potrebbero dar vita ad un nuovo partito, ma questo non dovrebbe preoccupare molto Starmer. L'attuale maggioranza dei conservatori è così solida che non importa quanti parlamentari abbia il Partito laburista.

I conservatori possono far passare qualsiasi cosa su cui sono d’accordo tra loro. Il vero problema è cosa accadrà alle prossime elezioni: Corbyn, i suoi seguaci tra i membri parlamentari e gli aderenti al movimento di sinistra Momentum, farebbero più danni abbandonando il Partito laburista o restando al suo interno? In altre parole, Starmer riuscirebbe ad intercettare abbastanza elettori che passerebbero ai laburisti nelle prossime elezioni parlamentari, per compensare la perdita dei seguaci di Corbyn? Questa è una considerazione difficile ma lontana dall'essere teorica. Infatti, secondo un sondaggio di YouGov del 18/19 agosto del 2020 i conservatori otterrebbero il 40% e i laburisti il ​​38% dei voti. Ciò significa che i laburisti sotto la guida di Starmer sono stati in grado di colmare la maggior parte del gap del 20% esistente tra i due partiti, nei pochi mesi successivi alla sua elezione. Il futuro non sembra così roseo per i conservatori, viste le loro difficoltà nell'affrontare adeguatamente l'impatto del Coronavirus. Nel frattempo, è stato pubblicato un nuovo libro di Gabriel Pogrund e Patrick Maguire intitolato: “Left Out: The Inside Story of Labour Under Corbyn.” Un estratto è stato pubblicato sul quotidiano The Times . Vi si evince con chiarezza che anche i più stretti alleati e collaboratori di Corbyn hanno capito che il Partito laburista avrebbe dovuto fare di più per recuperare il rapporto del partito con la maggioranza della Comunità ebraica. Era stato offerto un gran numero di suggerimenti, ma quasi nessuno era stato preso in considerazione. Karie Murphy, direttrice dell’esecutivo di Corbyn, aveva suggerito una tavola rotonda con le organizzazioni della comunità ebraica, una serie di incontri con attivisti laburisti ebrei e parlamentari, nonché contatti con le comunità ebraiche di fuori Londra. La Murphy aveva anche suggerito a Corbyn di visitare Auschwitz e di incontrare i bambini alla London Jewish Free School. Era anche opportuno prevedere un'intervista speciale con il quotidiano israeliano di sinistra Ha'aretz.

Corbyn avrebbe dovuto anche incontrare i membri di una sinagoga riformata e i residenti di una casa di riposo ebraica. Un'ulteriore comprensione della mentalità di Corbyn ci viene da un altro laburista vicino a lui, Andrew Murray. Ha detto di Corbyn: “È molto empatico, Jeremy, ma è empatico con i poveri, gli svantaggiati, i migranti, gli emarginati ... Fortunatamente, la comunità ebraica di oggi in Gran Bretagna non è così. Sarebbe stato molto empatico nei confronti della comunità ebraica in Gran Bretagna negli anni '30 e sarebbe stato al suo fianco a Cable Street, non c'è dubbio. Ma, sicuramente, la comunità ebraica oggi è relativamente benestante.” L'imminente rapporto della Commissione per l'Uguaglianza e i Diritti Umani (EHRC) sull'antisemitismo nel Partito laburista potrebbe portare con sé nuovi elementi molto importanti. Il partito ha già ricevuto la stesura finale dell'indagine per rilasciare commenti.  Quanto vi è scritto potrebbe essere solo un preambolo sugli sviluppi futuri. Questo rapporto potrebbe fornire a Starmer una serie di indizi su come agire per colmare il piccolo divario con i conservatori che i recenti sondaggi hanno mostrato.

Risultati immagini per manfred gerstenfeld
Manfred Gerstenfeld è stato insignito del “Lifetime Achievement Award” dal Journal for the Study of Antisemitism, e dall’ International Leadership Award dal Simon Wiesenthal Center. Ha diretto per 12 anni il Jerusalem Center for Public Affairs.
Le sue analisi escono in italiano in esclusiva su IC

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT