lunedi` 28 settembre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco che cosa pensano davvero gli arabi palestinesi


Clicca qui






 
Manfred Gerstenfeld
Israele, ebrei & il mondo
<< torna all'indice della rubrica
Germania: i vari alleati antisemiti 31/08/2020
Germania: i vari alleati antisemiti
Analisi di Manfred Gerstenfeld

(traduzione di Yehudit Weisz)

Achille Mbembe: “Basta vittimismi, l'Africa si scuota” - Società Missioni  Africane
Achille Mbembe

Parte della complessità dell’attuale dibattito sull'antisemitismo e la sua analisi, è dovuta alla sua molteplicità di aspetti. Per determinare se sia o meno antisemita, non si può valutare un atto specifico semplicemente secondo la definizione di antisemitismo dell'International Holocaust Remembrance Alliance (IHRA) L’adozione da parte del Consiglio dell’IHRA nel 2016 di questa definizione, che ha richiesto l'accordo di più di 30 Paesi occidentali, è stata un risultato importante, ma copre solo alcune delle molte manifestazioni di antisemitismo. Il precedente Presidente del Partito Laburista britannico, Jeremy Corbyn, aveva definito suoi "fratelli" e "amici" le organizzazioni genocide antisemite Hamas e Hezbollah. Sebbene queste affermazioni fossero espressioni di estremo antisemitismo, non sono coperte dalla definizione IHRA. Molti altri atti antisemiti non rientrano nella definizione. Il testo dell'IHRA doveva essere breve, con un numero limitato di esempi. I suoi creatori probabilmente non immaginavano che un importante politico occidentale si sarebbe apertamente identificato con antisemiti genocidi. Per l’analista dell’antisemitismo sarebbe un errore limitare il suo giudizio agli antisemiti. Molte persone che non sono antisemite sono da considerarsi loro alleati.

Felix Klein, un commissario contro l'antisemitismo in Germania | Mosaico
Felix Klein

Si può osservare meglio tutto questo in Germania. Il suo passato fortemente criminale ha ancora il suo peso oggi. I problemi di antisemitismo che erano già presenti sono notevolmente aumentati a partire dalla politica di accoglienza degli immigrati del 2015, poiché molti di coloro che sono arrivati ​​in Germania dal mondo musulmano sono antisemiti. La cancelliera Angela Merkel è il principale importatore di antisemiti nell'Europa occidentale. Un risultato indiretto della sua politica di immigrazione a porte aperte è stata la crescita del partito di destra AfD, che ha molte figure problematiche nella sua ala estrema. Gli alleati dell'antisemitismo e degli antisemiti in Germania rientrano in varie categorie. Ad un sottogruppo importante appartengono coloro che mascherano gli antisemiti, gli atti antisemiti o entrambi. Un caso limite avvenuto all'inizio di quest'anno è stato l'affare Achille Mbembe. Questo filosofo camerunense insegna alla Witwatersrand University di Johannesburg. Era stato invitato come oratore principale alla Triennale della Ruhr, un importante festival di musica e cultura che avrebbe dovuto svolgersi quest'estate. Solo dopo averlo invitato si era saputo che Mbembe era un estremo incitatore anti-israeliano e un antisemita part-time. Il giornalista tedesco Alan Posener avrebbe in seguito dimostrato che Mbembe è un sostenitore dell'anti-illuminismo, uno che sminuisce la democrazia ed è un nichilista. Sono emerse ulteriori informazioni sulle posizioni e sul comportamento antisemita di Mbembe dopo l'annullamento, causa Coronavirus, dell'evento a cui era stato invitato. Molti intellettuali in Germania e all'estero, inclusi Israele e Africa, hanno sbianchettato l'antisemitismo di Mbembe. Tra i firmatari di una delle lettere aperte scritte in difesa di Mbembe c'era Wolfgang Benz, che è stato direttore del Center for Research on Antisemitism presso l'Università Tecnica di Berlino tra il 1990 e il 2011. In un articolo, Mbembe ha dimostrato di essere un bugiardo, poiché ha affermato falsamente di essere stato attaccato per il colore nero della sua pelle. Questo non era mai emerso prima di allora. Ha anche affermato che i suoi aggressori provenivano dall'estrema destra, il che non era vero: la maggior parte delle critiche a Mbembe provenivano da scrittori del mainstream tradizionale. In questo dibattito apparve una seconda categoria di alleati degli antisemiti. Non solo hanno sbianchettato Mbembe, ma hanno anche chiesto al governo tedesco di licenziare il commissario nazionale per l'antisemitismo, Felix Klein. All'inizio del dibattito, Klein aveva definito Mbembe un antisemita, un'accusa che era in seguito era stata supportata da ulteriori informazioni. Per combattere l'antisemitismo dilagante del Paese, a metà del 2018 il governo tedesco aveva nominato Klein come il suo primo Commissario nazionale per l'antisemitismo. Ha svolto un lavoro straordinario nell’evidenziare molti aspetti dell'antisemitismo in Germania. La rimozione di una tale figura chiave sarebbe un grande vantaggio per gli antisemiti e per i loro alleati. Quando Klein è stato attaccato, ha ricevuto molto sostegno da organizzazioni tedesche e dall'estero. Questa categoria più aggressiva di alleati degli antisemiti, comprende ebrei insegnanti nelle università israeliane e statunitensi, nonché artisti ebrei, molti dei quali sono noti masochisti ebrei. Hanno scritto al Ministro dell'Interno tedesco Horst Seehofer sostenendo che Mbembe non era un antisemita, che il movimento BDS non è antisemita e che il Commissario nazionale per l'antisemitismo Felix Klein avrebbe dovuto essere licenziato.

Il 17 maggio, il Bundestag ha adottato una mozione che equipara il BDS all'antisemitismo. In risposta, 240 studiosi ebrei e israeliani hanno scritto una lettera che rifiutava questo paragone. Hanno chiesto al governo tedesco di non appoggiare la mozione e di proteggere la libertà di parola, che secondo loro era sotto attacco. Era una lettera di cui gli antisemiti tedeschi potevano rallegrarsi. Un'ulteriore espressione degli alleati degli antisemiti si è verificata quest'anno, quando è apparso un libro dal titolo: The Antisemitism Conflict: The Claim on the Power to Interpret, and Political Interests. Il suo editore era il già citato Wolfgang Benz. Nel libro si afferma per esempio che l'antisemitismo deve essere affrontato insieme alla lotta contro il razzismo. Questo argomento indebolisce la lotta contro l'antisemitismo, poiché le storie di antisemitismo e razzismo sono molto diverse. Il libro afferma che il movimento BDS è marginale e ha l'unico scopo di porre fine alla cosiddetta occupazione israeliana dei territori palestinesi. Tuttavia è ampiamente noto che alcuni gruppi all'interno del movimento BDS invocano la violenza, promuovono l'antisemitismo e hanno legami con organizzazioni terroristiche. L'espressione spregiativa "Du Jude" "tu ebreo" è diffusa in Germania, ma il libro afferma che l'espressione non è necessariamente antisemita. Questo è un tipico esempio di come minimizzare l'antisemitismo. Un altro importante sistema per aiutare gli antisemiti è attaccare la definizione dell’ IHRA di antisemitismo. Sebbene la definizione non sia perfetta, è stato un importante passo avanti nella battaglia contro l'odio per gli ebrei. La sua esistenza è scomoda per molti antisemiti, poiché ostacola la loro libertà di incitamento. Essi e i loro alleati hanno quindi deciso di attaccarne la validità. Un'affermazione comune è che la definizione di antisemitismo non dovrebbe includere gli attacchi contro Israele. Gli antisemiti e i loro alleati dicono spesso che la definizione dell'IHRA impedisce la critica allo Stato ebraico, ma questo è falso. L'IHRA definisce quanto segue come caratterizzante l'antisemitismo: “Il negare al popolo ebraico il diritto all'autodeterminazione, ad esempio, sostenendo che l'esistenza dello Stato di Israele è un’impresa razzista, come applicare doppi standard richiedendogli un comportamento non previsto o richiesto a qualsiasi altra nazione democratica, usare simboli e immagini associate all'antisemitismo classico per caratterizzare Israele o l'Israelismo (ad esempio, affermando che sono gli ebrei ad aver ucciso Gesù o la calunnia del sangue) e fare confronti tra la politica israeliana contemporanea e quella dei nazisti.”

Nell'agosto del 2020, 60 intellettuali e artisti tedeschi e israeliani hanno inviato una lettera aperta alla cancelliera Merkel accusando Klein di reprimere il dibattito e di aver imbavagliato le critiche al governo israeliano. Benz era tra i suoi firmatari. Klein ha osservato che nessuno dei firmatari della lettera che lo attaccava ha agito quando il governo tedesco ha adottato la definizione operativa di antisemitismo dell'IHRA nel 2017. L'esperto tedesco di antisemitismo Gunther Jikeli ha sottolineato che questa lettera era un tentativo di bollare l'accusa di antisemitismo come uno scandalo, piuttosto che essa stessa espressione di antisemitismo. Ha notato che molti dei firmatari della lettera anti-Klein hanno fatto dichiarazioni critiche nei confronti di Israele in passato. La studiosa di antisemitismo Monika Schwarz-Friesel ha reagito alla lettera dei 60 intellettuali affermando che in Germania esiste un clima di paura, non tra gli intellettuali di sinistra ma tra gli ebrei. La narrativa anti-israeliana nel Paese è aggressiva e le voci pro-Israele o addirittura neutrali nei confronti di Israele vengono screditate. Per smascherare le pretese altisonanti e pseudo-morali degli alleati dell'antisemitismo, basta eseguire una semplice verifica. Quanto hanno pubblicato questi individui negli ultimi anni sulla cultura della morte che permea la società palestinese: la promozione del genocidio da parte di Hamas, la ricompensa degli assassini palestinesi da parte dell'Autorità palestinese e così via? Per illustrare il fenomeno sopra menzionato basta prendere in considerazione Wolfgang Benz, ancora una volta.

Nel 2014, in un'intervista a Die Zeit, ha affermato che l'antisemitismo non era aumentato in Germania. Ha fatto questa affermazione nonostante gli attacchi contro ebrei e siti ebraici durante l'operazione israeliana di difesa, a Gaza. Nel 2018, due giovani hanno abbattuto una bandiera israeliana e hanno provato (senza successo) a bruciarla. Il più grande quotidiano tedesco, Bild , considerò questo fatto come prova dell'antisemitismo musulmano. Benz ha reagito dicendo: "Distruggere le bandiere israeliane per strada non ti rende antisemita". In un'intervista del 2019, Benz ha detto dei palestinesi: "L'empatia per la popolazione civile della Palestina occupata non è antisemitismo". Non ha ritenuto necessario menzionare le correnti genocide all’interno dei palestinesi e la glorificazione dell'assassinio di israeliani, compresi i civili. Benz ha anche espresso l'affermazione sminuente, secondo cui chiunque considerasse antisemita il movimento per il boicottaggio era un fanatico, incapace di un giudizio obiettivo. Nel 2019, Benz ha affermato ancora una volta che l'antisemitismo in Germania non era aumentato negli ultimi anni. Il commissario per l'antisemitismo della comunità ebraica di Berlino, Sigmount Königsberg, ha risposto accusando Benz di essersi trasformato da ricercatore sull’antisemitismo in uno “sbianchettatore” dell'antisemitismo. In un'intervista del 2020, Benz ha affermato che "il 95% dei crimini d'odio contro gli ebrei sono stati perpetrati da esponenti di destra e non da nuovi arrivati". È impensabile che Benz, l'esperto di antisemitismo, non sappia che queste statistiche tedesche sono manipolate. Nella metà degli incidenti antisemiti, gli autori sono sconosciuti e le autorità presumono che siano tutti di destra. Il governo israeliano non ha mai ritenuto opportuno creare un organismo professionale per combattere la propaganda in tutto il mondo. Pertanto, la battaglia contro le forme più sofisticate di anti-israelismo aggressivo è lasciata a pochi individui. Fanno quello che possono per quello che dovrebbe essere uno sforzo nazionale.

Risultati immagini per manfred gerstenfeld
Manfred Gerstenfeld è stato insignito del “Lifetime Achievement Award” dal Journal for the Study of Antisemitism, e dall’ International Leadership Award dal Simon Wiesenthal Center. Ha diretto per 12 anni il Jerusalem Center for Public Affairs.
Le sue analisi escono in italiano in esclusiva su IC

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT