lunedi` 28 settembre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco che cosa pensano davvero gli arabi palestinesi


Clicca qui






 
Manfred Gerstenfeld
Israele, ebrei & il mondo
<< torna all'indice della rubrica
I giornalisti olandesi nascondono le atrocità palestinesi 22/08/2020
I giornalisti olandesi nascondono le atrocità palestinesi
Intervista di Manfred Gerstenfeld a Els van Diggele

(traduzione di Yehudit Weisz)

Els van Diggele on Twitter:
Els van Diggele


“Un termine centrale nel mio nuovo libro, Misleidingsindustrie (L’industria dell’inganno), è l’espressione “giornalismo schierato”. Questo si riferisce al modo in cui i principali media olandesi danno notizie dall'interno dei Paesi Bassi su Israele, i palestinesi e quella regione. Questo è il risultato del "giornalismo schierato", un tipo di giornalismo, che si basa sull'impegno personale e non si occupa innanzitutto dei fatti. "Questo tipo di informazione è molto comune nei principali giornali olandesi. Tutto si riduce alla presentazione dell'arabo palestinese come una vittima impotente di Israele e nel dare un'immagine negativa dello Stato ebraico. Tuttavia sottolineo che non voglio dare l'impressione che questo venga fatto intenzionalmente."

Amazon.fr - De misleidingsindustrie: hoe Nederlandse media ons ...

Els van Diggele è nata nel 1967 nel villaggio olandese di Warmond. Dopo gli studi di storia all'Università di Leida, ha seguito un corso di giornalismo post-dottorato presso l'Università Erasmus a Rotterdam. Ha pubblicato tre libri sulle controversie interne in Israele e nei territori dell'Autorità Palestinese tra ebrei, cristiani e musulmani. Di recente ha pubblicato un libro su uno dei pochi sopravvissuti alla Shoah ancora in vita. Van Diggele continua: “Sono solo un’osservatrice, non sono di parte. Per essere chiari, non sono seguace di Netanyahu, né sionista, né una negazionista della Nakba, né lavoro per l'ambasciata israeliana o il Mossad”. Aggiunge: “Per dirla molto francamente, non sto supplicando per la flagellazione palestinese".

Queste considerazioni portano alla domanda sul perché è necessario dirlo o perché l'intervistata lo considera necessario? Van Diggele risponde: "A causa della polarizzazione dell'argomento, è necessario che queste cose siano ben chiare. Per esperienza so che è meglio anticipare chi vuole appiccicarmi un'etichetta. Il termine “giornalismo schierato” era stato coniato, per quanto io ne sappia, intorno al 1970 da Jerome Heldring, un ex direttore del quotidiano olandese NRC Handelsblad . Diceva che il giornalismo schierato è in realtà pura propaganda. È dovere del giornalista riferire sulla realtà del luogo in cui (lui o lei) si trova. Questo giornalismo schierato nella maggior parte dei casi avviene inconsciamente. È in gran parte dovuto ad una questione istintiva. Di solito sembra il risultato di un impegno emotivo. Tuttavia, che la redazione della cronaca estera di un media non sia a conoscenza di questo fenomeno è forse anche peggio che ingannare intenzionalmente le persone .”

"Nel mio libro, mostro che i lettori delle testate più diffuse, i telespettatori e gli ascoltatori dei notiziari pubblici, sono vittime del giornalismo schierato. Questa situazione non si limita alle notizie su Israele e gli arabi palestinesi. È, infatti, un fenomeno ampiamente diffuso che si applica anche ad altri soggetti come il colonialismo, Srebrenica e il clima. Il conflitto tra Israele e gli arabi palestinesi è l'esempio migliore e più antico che abbiamo: traccia una profonda divisione nella società olandese. La lotta interna palestinese per il potere, spesso sanguinosa, e la repressione quotidiana dell’arabo palestinese da parte dei suoi stessi leader è molto meno comunicata dai media tradizionali di quanto accade dalla parte israeliana. La magnanimità nei confronti dei leader palestinesi, spesso descritti come colombe della pace, sembra essere diventata un marchio di fabbrica. Il fruitore di notizie è stato informato unilateralmente per decenni. Il danno causato è molto difficile da correggere. Già da anni il quotidiano NRC inganna l'opinione pubblica in questo settore. Questo giornale è però solo un esempio di ciò che sta accadendo. È un prodotto commerciale, quindi possiamo disdirne l’abbonamento. Invece per l'emittente pubblica di notizie NOS, non possiamo.” “Ci sono effettivamente alcuni rari articoli pubblicati che affermano la verità, in particolare se li scrive un arabo palestinese. Ad esempio, un articolo critico dell'accademico arabo palestinese Sari Nusseibeh, è ​​apparso sul quotidiano Volkskrant nel 2017. Nello stesso anno, un altro quotidiano olandese, Trouw , ha pubblicato un articolo obiettivo del giornalista palestinese, Khaled Abu Toameh. Inoltre, le pubblicazioni di Human Rights Watch sulla violazione dei diritti umani nella società palestinese attirano di tanto in tanto l'attenzione dei giornalisti olandesi. Ancora più raro è un articolo con critiche alla società araba palestinese scritto da un giornalista del giornale stesso.” "Nel 2017, l'Iraq aveva tolto per legge la cittadinanza palestinese a tutti gli arabi palestinesi che vivevano lì. I media europei vi hanno prestato scarsa attenzione. È un tipico esempio dell'espressione giornalistica anglosassone ‘niente ebrei, niente notizie’. L'ossessione per gli ebrei è una vecchia deviazione della bussola morale europea. I contrasti in cui sono coinvolti gli ebrei di solito hanno la massima priorità dagli editori. Questo porta alla distorsione delle notizie.” “I palestinesi hanno capito che non hanno valore di notizia senza coinvolgere gli ebrei. Sanno che le manifestazioni a Gaza al confine israeliano fanno sempre notizia. Nulla indica che i corrispondenti olandesi capiscano che i palestinesi li stanno usando. Il loro coinvolgimento istintivo oscura il loro giudizio. "Se l'amore del giornalista europeo per gli arabi palestinesi deriva dall'avversione per gli ebrei e Israele, anche questo è inconscio. Penso che giochi un ruolo piuttosto secondario. Più importante è l'ossessione generale europea conscia o inconscia per gli ebrei e Israele. Dobbiamo essere consapevoli che la simpatia che vediamo nei principali media europei per i palestinesi è legata a questo. Questa fissazione è stata comune nella cultura occidentale per secoli. Ciò che vediamo ora continua involontariamente e forse istintivamente tale ossessione.”

“Il palestinese ha raggiunto una funzione simbolica nei media. La simpatia è diventata un segno di giustizia morale. Altre nazioni che hanno sofferto non hanno questa funzione simbolica. Le funzioni simboliche non sono relative. “Per citare un tipico esempio olandese: cittadini provenienti delle Molucche, un gruppo di isole dell'Indonesia, sono vittime del colonialismo olandese. Hanno subito l'esempio più spietato di sfruttamento della storia. In parte sono rifugiati, altri sono indigeni ed esotici. Hanno combattuto invano per decenni per il proprio stato. Dovrebbero beneficiare di una potente storia di solidarietà. Questo non esiste perché anche il loro principale avversario, la Repubblica indonesiana, è considerata vittima del secolare colonialismo olandese. "Un altro grosso problema nei Paesi Bassi è il NOS. Per decenni questa emittente pubblica di notizie fornisce informazioni fuorvianti. Ci dovrebbe essere un'indagine indipendente su come il NOS affronta il conflitto israelo-palestinese. Eppure la possibilità che ciò accada è minima. Due sono le cose proibite nei media olandesi: toccare gli arabi palestinesi e criticare i media". Van Diggele spiega: "Tutto può essere menzionato nei giornali, alla radio e alla televisione olandese: errori di politici e autorità, adulterio e sesso. Una cosa non è consentita, il palestinese non può essere oggetto di critiche. È una vittima impotente e indiscutibile di cinquant'anni di occupazione israeliana. Merita protezione e questo ci porta automaticamente al giornalismo: i giornalisti possono scrivere di tutto, ma guai a chi guarda criticamente a come si comporta il giornalismo. “I lettori, gli ascoltatori e gli spettatori dei mezzi di informazione tradizionale ne pagano il prezzo. Hanno affidato il loro mandato al giornalista in piena fiducia. Questa fiducia è stata gravemente compromessa. Contano di ricevere l'intera storia, ma ottengono solo una mezza versione parziale. In queste condizioni, è ancora possibile un punto di vista equilibrato? Probabilmente no. Questa ingiustizia è ciò su cui voglio attirare l'attenzione ".

Risultati immagini per manfred gerstenfeld
Manfred Gerstenfeld è stato insignito del “Lifetime Achievement Award” dal Journal for the Study of Antisemitism, e dall’ International Leadership Award dal Simon Wiesenthal Center. Ha diretto per 12 anni il Jerusalem Center for Public Affairs.
Le sue analisi escono in italiano in esclusiva su IC

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT