mercoledi` 28 ottobre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Perché non esiste ancora uno 'stato arabo palestinese'? La risposta è semplice (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Manfred Gerstenfeld
Israele, ebrei & il mondo
<< torna all'indice della rubrica
Gli ebrei e le rivolte di maggio-giugno a Los Angeles 09/07/2020
Gli ebrei e le rivolte di maggio-giugno a Los Angeles
Manfred Gerstenfeld intervista il rabbino Abraham Cooper

(traduzione di Yehudit Weisz)

Why Bahrain Makes Us Optimistic for Peace in the Middle East ...
Il rabbino Abraham Cooper

“La maggior parte delle violenze e dei saccheggi che hanno accompagnato le manifestazioni antirazziste a Los Angeles tra la fine di maggio e l'inizio di giugno del 2020 hanno avuto luogo il secondo giorno di Shavuot, il 31 maggio, che era anche Shabbat. Ci fu una protesta per lo più pacifica nel Pan Pacific Park nella zona di Fairfax, scatenata dall'omicidio di George Floyd. Questo luogo è vicino a un'area fortemente ebraica.” “Dopo la protesta alcuni hanno lasciato il parco e hanno attaccato imprese ed edifici su Melrose Avenue, Beverly Boulevard e su La Brea Avenue. Alcuni rivoltosi hanno raggiunto siti sul Boulevard de La Cienega attaccando per lo più centri commerciali ”. Il rabbino Abraham Cooper, nato a New York nel 1950, è decano associato del Simon Wiesenthal Center di Los Angeles. Per circa quarant'anni ha supervisionato l'agenda internazionale dell'azione sociale del SWC, che spazia dall'antisemitismo mondiale, ai crimini di guerra nazisti e alle riparazioni, ai gruppi estremisti e all'educazione alla tolleranza. “Il giorno dopo c'era stato un attacco furioso a Santa Monica, che è adiacente a Los Angeles. Centinaia di imprese nell'area furono saccheggiate e bruciate. La polizia era concentrata a pochi isolati di distanza, monitorando una protesta per lo più pacifica. Ci sono state scene fotografate di casi in cui la polizia non è intervenuta. Alla fine, durante la settimana che seguì, furono imposti i coprifuoco e in centinaia furono arrestati. Tuttavia la maggior parte dei saccheggiatori non sono stati catturati. L'impatto di una forza di polizia apparentemente indifesa e che si teneva da parte a Los Angeles e altrove negli Stati Uniti, si farà sentire a lungo.

Donald Trump - Wikipedia
Donald Trump

“Il dipartimento di polizia di Los Angeles (LAPD) è stato travolto e inattivo per giorni. Questo principalmente perché il sindaco ha rifiutato di concentrarsi sulla violenza. Ha invece scelto di concentrarsi esclusivamente sui manifestanti pacifici e sui temi della giustizia sociale e dell'equità, abbracciando Black Lives Matter. Nonostante i disordini e le continue proteste, il sindaco ha rapidamente approvato e portato avanti una riduzione di $ 150 milioni nel bilancio della polizia. Un tale importo è stato prelevato dal dipartimento dello sceriffo di Los Angeles. L'élite politica di Los Angeles ha praticamente gettato le forze dell'ordine sotto l'autobus. Solo un consigliere comunale, Paul Koretz, che è ebreo, ha menzionato la preoccupazione per i graffiti d'odio tracciati su una sinagoga. “Molte delle aziende saccheggiate e distrutte erano di proprietà di minoranze. Quasi 200 farmacie furono prese di mira, probabilmente da bande organizzate in cerca di narcotici. Nella zona di La Brea / Hancock, un gran numero di imprese colpite erano di proprietà ebraica. Compresa una panetteria kosher e una farmacia che mostravano in modo evidente la vendita di articoli kosher. Diversi residenti ebrei nella zona hanno affermato che alcuni esercizi ebrei sono stati attaccati mentre ovviamente altre attività commerciali nella zona sono rimaste illese. "Numerose sinagoghe e istituzioni ebraiche sono state" imbrattate "con dei graffiti. Questi non erano di natura antisemita. Una sinagoga, molti membri della quale erano sopravvissuti della Shoah, è stata dipinta a spruzzo con etichette anti-israeliane e filo-palestinesi. Il LAPD non ne fu a conoscenza fino a diversi giorni dopo, quando è stata fornita una foto. Una grande sinagoga conservatrice, Beth Am su La Cienega, è miracolosamente sfuggita al danno anche se i centri commerciali su entrambi i lati sono stati saccheggiati. “Non credo che si possano caratterizzare le rivolte come un pogrom contro la comunità ebraica. Tuttavia, quando iniziarono le rivolte e la portata e la direzione erano ancora poco chiare, tutte le Sifrei Torah furono rimosse dalle sinagoghe per precauzione. "Abbiamo lavorato con il terribile handicap del blocco a causa della pandemia di Coronavirus. È stato difficile chiarire se gli ebrei fossero gli obiettivi specifici delle rivolte iniziali. Molti manifestanti che per Shabbat avevano parcheggiato le loro auto nei quartieri ortodossi, erano andati alla manifestazione. Le loro interazioni con i vicini ebrei quel giorno furono senza incidenti, persino amichevoli. Ciò che è accaduto durante la rivolta di quella sera, chi l'aveva organizzato e fino a che punto sono state coinvolte le bande organizzate, sono domande a cui non è ancora stata data una risposta completa.

“Il Centro Simon Wiesenthal e il suo Museo della Tolleranza non sono stati attaccati né presi di mira in alcun modo. Le nostre strutture - incluso il museo - sono chiuse da oltre 3 mesi. Ci sono state invettive antisemite e minacce sui social media. Una di queste sembrava una minaccia per i quartieri ebraici di Antifa. E’ stata tuttavia ricondotta ai neonazisti in Europa. "Ad aumentare il senso di angoscia e incertezza sono state le proteste del “Giorno della rabbia” del 1 ° luglio, contro la presunta annessione da parte di Israele di alcune parti della Cisgiordania, che sono state annunciate e fortemente promosse sui social media. I manifestanti filo-palestinesi al di fuori del consolato israeliano sono stati accolti da contro-manifestanti pro Israele, che sventolavano la bandiera. Entrambe le parti erano rumorose, ma non ci furono né violenza né arresti. A San Diego, i palestinesi hanno pubblicato un volantino di tutte le principali istituzioni ebraiche - non israeliane – con l’elenco dei loro indirizzi e la promessa di carovana di automobili guidate da attivisti anti-israeliani. Il blocco ha reso difficile per la comunità ebraica organizzarsi adeguatamente per garantire che le nostre preoccupazioni fossero ascoltate. Non c'è unanimità. La Federazione ebraica locale si sta concentrando sul tentativo di aiutare le persone colpite dai disordini o dal virus Covid-19. Non hanno assunto una forte posizione pubblica a favore della polizia. “Per più di un mese, il sindaco di Los Angeles Eric Garcetti non ha mostrato alcun interesse a incontrare i rappresentanti della comunità ebraica. Alla fine ha accettato di programmare un tale incontro con i leader ebrei a luglio. La maggior parte dei membri del Consiglio Comunale ha usato il blocco per evitare qualsiasi discussione seria sul bilancio draconiano che stanno approvando. I rappresentanti della comunità ebraica hanno incontrato il Capo della polizia del LAPD e i comandanti delle aree in cui risiede la maggior parte della nostra comunità. La polizia si sente abbandonata. I nostri sforzi si sono concentrati su come proteggere le nostre comunità durante le prossime festività. “Esistono numerosi gruppi ebraici di autodifesa. Alcuni sono legalmente armati. C'è anche un gruppo ebraico di coordinamento che cerca di tenere informati i leader ebraici sugli sviluppi e Hatzalah che aiuta i membri della comunità che hanno bisogno di una risposta urgente alle emergenze mediche. "Molti ebrei sono riluttanti a criticare la Black Lives Matter in quanto concordano sul fatto che la cosa più importante da fare è abbracciare "Giustizia sociale ed equità". Pochissimi esprimono pubblicamente preoccupazioni riguardo alla "pubblica sicurezza". Un sondaggio Pew indica che solo il 17% dei manifestanti sono afroamericani. Le persone che vivono in aree ad alto crimine non vogliono depotenziare la polizia. Gli attivisti che hanno una visione diversa per l'America hanno sfruttato l'omicidio di George Floyd per la propria agenda. Gli influencer dei social media e Hollywood si sono precipitati a salire sul carro della tendenza e l'America corporativa ha seguito l'esempio.

“Il blocco della pandemia a Los Angeles e in gran parte del Paese ha reso molto difficile la messa in atto di contromisure efficaci. Liberali e progressisti abbracciano la narrativa BLM. I pastori delle chiese delle minoranze possono opporsi al taglio dei fondi, ma devono camminare con cautela per non essere accusati di schierarsi con i "bianchi". “La situazione qui e negli Stati Uniti è ulteriormente complicata dalle imminenti elezioni nazionali. Per ora, la politica di demonizzazione prevale, con i media che non cercano più di essere obiettivi. Al di fuori di Fox News, la maggior parte dei principali media vuole che Trump perda, distorcendo la copertura su questioni di fondamentale importanza ".

Risultati immagini per manfred gerstenfeld
Manfred Gerstenfeld è stato insignito del “Lifetime Achievement Award” dal Journal for the Study of Antisemitism, e dall’ International Leadership Award dal Simon Wiesenthal Center. Ha diretto per 12 anni il Jerusalem Center for Public Affairs.
Le sue analisi escono in italiano in esclusiva su IC

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT