Riduci       Ingrandisci
Clicca qui per stampare

 
Manfred Gerstenfeld
Israele, ebrei & il mondo
<< torna all'indice della rubrica
Studiare protettori e prostitute ebrei al Centro sull’antisemitismo di Berlino 18/04/2020
Studiare protettori e prostitute ebrei al Centro sull’antisemitismo di Berlino
Analisi di Manfred Gerstenfeld

(Traduzione di Yehudit Weisz)

Frankfurt advances bill barring BDS from municipal venues | The ...
Una manifestazione antisemita e anti-Israele a Berlino

Il 1° aprile ho ricevuto una e-mail che mi segnalava che erano disponibili due posizioni di post-dottorato per un progetto intitolato “Protettori, prostitute e procacciatori ebrei in un contesto transnazionale tedesco e britannico, 1875-1940”. La comunicazione afferma che lo studio sarà condotto congiuntamente da ricercatori della School of History della Queen Mary University di Londra e del Center for Research of Antisemitism della Technical University di Berlino. Il progetto inizierà nell'autunno 2020 e durerà per 2,5 anni, i fondi per questo lavoro sono stati resi disponibili dal Consiglio di Ricerca nel settore delle Arti e delle Scienze Umane (AHRC) e dalla German Research Foundation (DFG). Ho passato queste informazioni a una mia conoscente, anche lei fa ricerche sull'antisemitismo. L'ho avvertita che dato che questa e-mail mi è arrivata il 1° aprile, potrebbe essere uno scherzo.

Quando ho esaminato lo studio sul sito web della Queen Mary University, si è rivelato un vero progetto di ricerca. La spiegazione del contesto del progetto diceva: "Questo progetto ... attingerà all'esperienza di un gruppo di progetto specializzato nello “ studio di genere, dell'antisemitismo e della migrazione per studiare il fenomeno del coinvolgimento ebraico nel commercio del sesso ... Ampiamente trascurato dagli storici della storia ebraica e della storia dell'antisemitismo, questo progetto di ricerca guarderà oltre gli schemi istituzionali che gestivano la vita quotidiana delle prostitute ebree all’epoca della grande migrazione ebraica, per esporre una nuova comprensione della mobilità internazionale nell'era della moderna globalizzazione ". Berlino è la capitale europea dell'antisemitismo. Una vasta gamma di atteggiamenti anti-ebraici e anti-israeliani sono ben visibili. Includono dozzine di casi di aggressione fisica contro ebrei, compresi i rabbini. Gli alunni ebrei hanno dovuto lasciare le scuole pubbliche dopo gravi maltrattamenti. Il 35% dei berlinesi considera gli israeliani simili ai nazisti. Ogni anno a Berlino si svolge la marcia dell’ Al Quds Tag, in cui si chiede la distruzione di Israele. Il Center for Antisemitism presso la Technical University di Berlino (ZfA) è stato creato nel 1982. Sostiene di concentrare le sue attività sulla ricerca interdisciplinare multipla dell'antisemitismo nel passato e nel presente. L'ambiente estremamente pesante di Berlino offre enormi sfide a un centro sull’antisemitismo che voglia studiare le questioni contemporanee. La ZfA afflitta da scandali ha subito nel corso degli anni importanti critiche per aver assunto un ricercatore che lavorava per un'organizzazione che promuoveva una manifestazione sponsorizzata dal regime iraniano che chiedeva la distruzione dello Stato ebraico. Come diceva Efraim Zuroff del Simon Wiesenthal Center: “Immagina che qualcosa del genere si facesse in Iran. Creare un istituto per studiare l'antisemitismo e poi invitare gli antisemiti a lavorarvi “. Il Centro è stato anche criticato per aver equiparato l'antisemitismo all'islamofobia. In questa situazione, dedicare risorse finanziarie e umane a uno studio su protettori e prostitute ebree di molti decenni fa, è molto peggio di uno scherzo da primo di aprile.

Germany plans database to tackle rising anti-Semitism | Financial ...

È un atto di un'istituzione la cui leadership sembra aver perso del tutto la comprensione del contesto morale del mondo reale, nella città in cui opera: la capitale europea dell'antisemitismo. L'annuncio di questo studio mal concepito è arrivato poche settimane dopo un articolo sul quotidiano Frankfurter Algemeiner Zeitung, firmato da Jeffrey Herf, un illustre professore della Maryland University. Egli ha attaccato pesantemente un precedente articolo pubblicato sullo stesso giornale, scritto dall'attuale capo della ZfA, Stefanie Schüler-Springorum. Aveva affermato che per "comprendere appieno il suo argomento", la ricerca sull'antisemitismo deve essere interdisciplinare e comparativa e concentrarsi anche su altre forme di esclusione. Schüler-Springorum dichiarò che la ricerca sull'antisemitismo era stata dilaniata da controversie politiche. Herf ha risposto che i principali ricercatori negli Stati Uniti, in Europa e in Israele concordano sul fatto che l'antisemitismo post-Seconda Guerra Mondiale provenga da tre fonti: comunismo (e sinistra radicale), ideologia islamista e antisemitismo cristiano di destra. Ha aggiunto che la ZfA ha rifiutato per decenni questo consenso scientifico e mostrato scarsa disponibilità ad affrontare l'antisemitismo di sinistra e islamista. L'articolo duro di Herf è continuato affermando che la ZfA non accettava questa posizione. Essa parlò a malapena di comunisti, di sinistra radicale e di islamisti. Ha sottolineato che il Centro era situato vicino agli archivi dell'ex Germania Est. Eppure nessun ricercatore ha pubblicato uno studio sui vari tipi di attacchi della Germania orientale allo scopo di distruggere Israele. Herf continuava affermando che la colpa unilaterale di Israele per il conflitto in Medio Oriente, che è stata promossa dal blocco comunista e dalla sinistra radicale in Europa durante la Guerra Fredda, è presente ancora oggi nella "indignazione selettiva" del movimento BDS nei confronti di Israele.

Questa animosità di sinistra verso il sionismo in Israele si presenta come anti-razzismo. L'ironia di ciò è che la creazione di Israele ha rianimato la paura antiebraica tradizionale più profonda del mondo occidentale: il mito di una nazione di ebrei potente, armata e malvagia. Secondo Herf, l'antisemitismo islamista post-Shoah è continuato: era stato plasmato principalmente dal Grande Mufti di Gerusalemme, Haj Amin al-Husseini, negli anni '30 e '40; dal principale ideologo della Fratellanza Musulmana, Sayyid Qutb, negli anni '50 e '60, dal regime iraniano dei Mullah e con la Carta di Hamas dal 1988 in poi : tutti questi hanno basato le loro ideologie su una lettura selettiva del Corano e degli Hadith. Questa tradizione fanatica ha scatenato per vent'anni attacchi agli ebrei d'Europa e organizzato apertamente manifestazioni antisioniste in tutta la Germania. Herf ha concluso che la Ricerca Internazionale sulla Shoah si occupa di "tutte e tre le facce dell'antisemitismo" e non è quindi lacerata da discordie interne, come aveva affermato Schüler-Springorum. Al fine di comprendere meglio le mancanze della ZfA nell'affrontare elementi chiave dell'antisemitismo contemporaneo e di interessarsi a "Protettori e prostitute ebraiche" di un passato remoto, si deve anche guardare al punto di vista di Wolfgang Benz, che ha guidato il Centro dal 1990 al 2011. Nel 2014, Benz aveva affermato in un'intervista sul settimanale Die Zeit che l'antisemitismo non era aumentato in Germania. Ha fatto questa affermazione nonostante gli attacchi contro ebrei e siti ebraici durante l'operazione israeliana a Gaza.

Nel 2018, un giornalista del quotidiano tedesco Bild ha appeso bandiere israeliane nelle cosiddette aree problematiche di diverse città tedesche. Due giovani stavano tirando giù una bandiera e hanno tentato senza successo di bruciarla. Bild considerò questo come una prova dell'antisemitismo musulmano. Benz ha reagito dicendo: "Abbattere le bandiere israeliane per strada non ti rende antisemita". In un'intervista del 2019, Benz ha detto solo una cosa sui palestinesi: "L'empatia per la popolazione civile della Palestina occupata non è antisemitismo". Non sentiva il bisogno di menzionare le maggiori correnti di genocidio tra i palestinesi e la glorificazione dell'omicidio di israeliani, compresi i civili. Benz ha anche espresso la falsa idea che coloro che consideravano il movimento di boicottaggio nel suo complesso come antisemita, erano fanatici e non avevano più un giudizio oggettivo ". In un'intervista del 2020, Benz affermò che il 95% dei crimini di odio contro gli ebrei, erano perpetrati da uomini di destra e non da nuovi arrivati. È impensabile che Benz, l'esperto di antisemitismo, non sappia che queste statistiche tedesche sono manipolate. Nella metà degli episodi di antisemitismo, i responsabili non sono noti: le autorità presumono quindi che siano tutti di destra. La ZfA, situata nella capitale europea dell'antisemitismo a Berlino, è in una posizione unica per studiare l'esplosione dell'antisemitismo del nuovo secolo. Ciò dovrebbe includere un'analisi dei motivi per cui molti milioni di tedeschi confrontano, sbagliando totalmente, gli israeliani con i nazisti. Un adulto su tre nelle strade ha queste opinioni. Invece, la ZfA spreca energie e inserisce nelle sue attività un progetto, che a prima vista sembra uno scherzo del primo di aprile.

Risultati immagini per manfred gerstenfeld
Manfred Gerstenfeld è stato insignito del “Lifetime Achievement Award” dal Journal for the Study of Antisemitism, e dall’ International Leadership Award dal Simon Wiesenthal Center. Ha diretto per 12 anni il Jerusalem Center for Public Affairs.
Le sue analisi escono in italiano in esclusiva su IC

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui