sabato 14 dicembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il negazionismo nel mondo arabo (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Manfred Gerstenfeld
Israele, ebrei & il mondo
<< torna all'indice della rubrica
Germania: gli aspetti sociali e politici del mancato massacro alla sinagoga di Halle 23/11/2019
Germania: gli aspetti sociali e politici del mancato massacro alla sinagoga di Halle
Analisi di Manfred Gerstenfeld


(Traduzione di Angelo Pezzana)
Visualizza immagine di origine

L'antisemitismo nel mondo occidentale e nel mondo musulmano non può essere eliminato. È troppo profondamente radicato. In Occidente può tuttavia essere contenuto in una certa misura se vengono compiuti gli sforzi adeguati. Dopo il fallito massacro alla sinagoga di Halle da parte di un estremo fanatico di destra nel giorno di Yom Kippur, la domanda deve essere ancora una volta posta al governo Tedesco, se ha fatto tutti i normali tentativi per tenere sotto controllo la violenza antisemita e l'odio. Anche nel giorno della ricorrenza religiosa più importante dell'anno ebraico, la polizia locale non sorvegliava la sinagoga di Halle, arrivando sul posto molto tempo dopo la richiesta di aiuto da parte della Comunità ebraica. Le autorità non hanno fatto alcun sforzo per prevenire un quasi certo omicidio di massa di ebrei. Due persone non ebree che si trovavano nella zona furono tragicamente assassinate dal terrorista. Il fallimento delle autorità è evidente. Le priorità per le forze di polizia a corto di personale sono stabilite dal governo della Sassonia Anhalt. Il suo ministro degli interni, Holger Stahlknecht, cristiano democratico (CDU), ha affermato che non vi è stato alcun fallimento, dicendo che la polizia era passata regolarmente. Ha aggiunto che c'erano stati stretti contatti e conversazioni regolari tra la polizia e la comunità ebraica.
 
Visualizza immagine di origine
 
A tutte le richieste di protezione era stata data una risposta positiva. Secondo il ministro, non vi erano state richieste di protezione della sinagoga per Yom Kippur. Stahlknecht ha dichiarato al quotidiano Frankfurter Allgemeine Zeitung che la polizia aveva fatto un buon lavoro e non aveva alcun dovere da rimproverarsi, avendo agito in base alla valutazione del rischio come prescritto dall'Agenzia per la Sicurezza interna (BKA) La dichiarazione di Stahlknecht è stata criticata da Josef Schuster, il presidente del Consiglio centrale degli ebrei in Germania, che ha detto che non era vero che in passato la polizia aveva sempre ottemperato alle richieste della comunità. Schuster ha aggiunto che con una valutazione così acritica ci si dovrebbe chiedere se non sia mancata la volontà di imparare dagli errori del passato. Ulteriori approfondimenti sulla negligenza della polizia riguardo alle comunità ebraiche in Sassonia Anhalt sono elencati in un'intervista sul quotidiano Die Welt a Vadim Laiter, capo della comunità ebraica nella capitale dello stato di Magdeburgo. Quando ha saputo dell'attacco alla sinagoga di Halle ha chiamato la polizia locale per chiedere protezione. Laiter era preoccupato che anche la sua sinagoga potesse essere attaccata. Gli fu detto che tutti gli agenti di polizia erano a Halle. “Siamo rimasti profondamente scioccati- Laiter ha poi dichiarato- perché eravamo totalmente senza protezione. Soltanto dopo tre ore la polizia finalmente è venuta a guardia della nostra sinagoga. Ciò è accaduto solo dopo che il Ministro Stahlknecht lo aveva ordinato personalmente. " Segnalare i comportamenti della polizia in merito alla protezione degli ebrei è solo un aspetto della questione . I leader nei due partiti del governo tedesco hanno usato l'attacco alla sinagoga per attaccare il partito populista AfD. Annegret Kramp-Karrenbauer, presidente del CDU, ha dichiarato: "L'AfD è il braccio politico dell’estremismo di destra". In precedenza, Michael Roth, allora ancora candidato per una delle due posizioni di presidente nel partito socialista (SPD) , ha detto lo stesso sull'AfD: "Nel parlamento tedesco e nei parlamenti dello stato federale si trova il braccio politico del terrorismo di destra". Se questa è l'opinione dei due partiti governativi, ci si chiede perché la democrazia liberale tedesca non sia stata in grado di mettere fuori legge l'AfD. Sarebbe interessante sentire pareri legali per verificare se la corte costituzionale tedesca sarebbe disposta a farlo. L'AfD non è un partito omogeneo. Ha un'ala tradizionale “etnica” altamente problematica. Le reazioni all'attacco di Halle lo hanno confermato ancora una volta. Ma gli attacchi politici all'AfD sono falliti. Il portavoce di AfD sull'antisemitismo è la vicepresidente Beatrix von Storch, che appartiene alla maggioranza moderata del partito. Nel Bundestag, il parlamento tedesco, ha sollevato una serie di fatti molto sgraditi per i partiti di governo. Von Storch ha affermato che i gruppi neo-nazi violenti esistono da decenni in Germania. La loro capacità di affermarsi ha mostrato il totale fallimento dei partiti in politica interna e sicurezza. Lo stesso vale per islamisti, estremisti di sinistra e clan criminali. Le sue osservazioni sono accurate, ancora un'altra indicazione delle disfunzioni dello stato di diritto nella democrazia liberale tedesca. Von Storch ha ricordato che nel 1969 gli estremisti di sinistra avevano lanciato una bomba nel Centro della comunità ebraica di Berlino. Sono stati anche responsabili dell'attacco terroristico al volo Air France dirottato su Entebbe, in Uganda, nel 1976. Ha anche citato la strage dedli atleti israeliani da parte di terroristi arabi alle Olimpiadi estive di Monaco del 1972. Von Storch ha continuato dicendo che l'antisemitismo causato da estremisti violenti non è mai stato un fenomeno marginale in Germania. Viene anche diffuso dai principali media di sinistra e in genere dall’ambiente culturale di sinistra, che avvelenano l'intero clima della società tedesca. Ha accusato un importante quotidiano, la Süddeutsche Zeitung, di pubblicare caricature e vignette nello stile del più fanatico giornale nazista, Der Stürmer, e ha aggiunto che potrebbero essere pubblicate oggi sui giornali del partito neo-nazista NPD. Von Storch ha quindi attaccato il Partito Socialdemocratico affermando che mentre le critiche all'Islam sono una ragione per espellere qualcuno dal partito, l'antisemitismo non lo è. Ha notato che l'ex leader SPD e il ministro degli Esteri, Sigmar Gabriel, avevano diffamato Israele definendolo uno stato di apartheid. Von Storch ha quindi attaccato l'ex leader SPD Martin Schulz che aveva ripetuto davanti alla Knesset la menzogna che Israele lasciava morire di sete i palestinesi. Ha poi affermato che il presidente tedesco Frank-Walter Steinmeier (SPD) si è congratulato con l'Iran per l'anniversario della rivoluzione islamica, ricordandone l’obiettivo: la distruzione di Israele. L'AfD è boicottato dagli altri partiti. Per loro l'AfD è nero, mentre loro sono bianchi; anche se non lo si ripete abbastanza, tutti i partiti rappresentati in parlamento dovrebbero essere considerati con diverse tonalità di grigio. Nessun leader ebreo tedesco avrebbe osato dichiarare in pubblico i fatti precisi citati da Von Storch nel Bundestag e tanto meno qualsiasi diplomatico israeliano. Nel frattempo, è stato scoperto un altro scandalo riguardante la polizia. IL 4 ottobre,un siriano che ha scavalcato il recinto di una sinagoga di Berlino, è stato rilasciato dalla polizia. Nessuno sa dove sia. Aveva minacciato i passanti e la polizia con un coltello e grida di Allahu Akhbar. Vi sono molte più prove a dimostrazione che lo stato di diritto tedesco è, anche se parzialmente, disfunzionale. Lo scorso ottobre, il capo della BKA Holger Münch, ha rilasciato un'intervista al giornale Die Welt , rivelando le preoccupanti debolezze dei servizi di sicurezza tedeschi. Ne risulta "una dichiarazione di fallimento di uno stato troppo lento, troppo frammentato, spesso anche molto ingenuo". Münch ha anche rivelato che dal 2016 erano stati prevenuti sette attacchi terroristici islamici, definendolo “un miracolo”. Il Commissario nazionale sull’antisemitismo, Felix Klein, ha accusato: “È scandaloso che i pubblici ministeri emettano sentenze troppo lievi relative ai crimini antisemitici . I tribunali devono punire maggiormente l'antisemitismo. ” Klein lo ha affermato in risposta a uno studio del World Jewish Congress che ha scoperto che il 27% dei tedeschi ha atteggiamenti latenti antisemitici. Ha aggiunto che prima della pubblicazione dell’indagine del WJC si calcolava che la percentuale fosse del 15-20% . Klein ha anche affermato che l'antisionismo contro Israele supera il 40%, citando come esempio l’accusa al governo israeliano di comportarsi con i palestinesi come i nazisti hanno fatto con gli ebrei in Europa. Le reazioni positive dopo l'attacco di Halle hanno incluso una serie di incontri pubblici di solidarietà con la comunità ebraica. La cancelliera Angela Merkel (CDU) ha partecipato a un grande evento a Berlino, affermando che la sicurezza per le istituzioni ebraiche sarà migliorata, anche se ciò non impedirà numerosi attacchi contro ebrei riconoscibili come tali in pubblico da parte di tedeschi e arabi. Né cambierà gli elementi chiave delle politiche anti-israeliane tedesche come le sue relazioni amichevoli con l'Iran o il suo sostegno alle risoluzioni contro Israele alle Nazioni Unite e alla UE. L'atmosfera prevalente nel governo sembra riflettere il giudizio di una Germania come uno stato "normale". Quello che è successo nella Shoah appartiene alla storia. Uno studio dettagliato rivelerebbe probabilmente che l’influenza del periodo nazista si manifesta in molti aspetti nella società tedesca più di quanto sia immediatamente riconoscibile.
Risultati immagini per manfred gerstenfeld
Manfred Gerstenfeld è stato insignito del “Lifetime Achievement Award” dal Journal for the Study of Antisemitism, e dall’ International Leadership Award dal Simon Wiesenthal Center. Ha diretto per 12 anni il Jerusalem Center for Public Affairs.
Le sue analisi escono in italiano in esclusiva su IC

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT