giovedi` 05 dicembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il negazionismo nel mondo arabo (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Manfred Gerstenfeld
Israele, ebrei & il mondo
<< torna all'indice della rubrica
In Israele manca una agenzia anti-propaganda 14/09/2019
In Israele manca una agenzia anti-propaganda
Analisi di Manfred Gerstenfeld


(Traduzione di Angelo Pezzana)

Pubblicato in Israele da BESA

Risultati immagini per bds bigotry
Risultati immagini per omar and tlaib
Trump, Omar, Tlaib

Chiedersi che cosa è andato storto a proposito della visita di Omar Ilhan e Rashida Tlaib, membri del Congresso Usa, è una questione minore in un quadro molto più ampio. La pubblicità attorno a questa non visita non può essere considerata come un incidente fortuito. Fa parte di un più ampio fallimento strutturale nel funzionamento del governo israeliano. Nessun altro paese democratico viene attaccato verbalmente con la stessa frequenza di Israele, vili aggressioni verbali sia da parte di governi democratici sia di politici.
Le nazioni sotto attacco dispongono di organizzazioni di difesa. Contro gli eserciti nemici, Israele creò le forze di difesa israeliane (IDF), uno dei migliori eserciti al mondo. Lo stesso vale per i tre servizi di intelligence israeliani, l'agenzia di sicurezza internazionale Mossad, l'agenzia di sicurezza interna Shabak e il ramo dell'intelligence militare, Aman.
Gli attacchi informatici su Israele hanno portato il governo a investire in un costoso programma di cyberdefense, che rende Israele un leader mondiale in questo campo.

Eppure gli estremi attacchi di propaganda contro Israele vanno avanti da decenni. Nonostante ciò, la difesa di Israele rimane a un livello dilettantistico. Nella difesa l'unica regola di successo è "mi hai colpito, io ti ho colpito di più."
Guardando indietro nel corso dei decenni, possiamo vedere molti casi in cui Israele non è riuscito a gestire adeguatamente gli attacchi verbali.
Solo alcuni tra molti esempi:
la campagna BDS è iniziata a seguito della conferenza delle ONG contro il razzismo a Durban, in Sudafrica, nel 2001, un evento segnato dall’odio anti-Israele, con una folta partecipazione Internazionale.
Le campagne di boicottaggio accademico contro Israele sono iniziate nel 2002, senza alcuna risposta programmata da parte di Israele.
In assenza di rischi, gli accademici stranieri non hanno avuto timore di mettere il loro nome per organizzare iniziative e petizioni per boicottare gli accademici israeliani e per disinvestire dalle aziende israeliane. Un festival antisemita a costo zero.
Eppure gli accademici sono facili bersagli per un immediato contrattacco. Le loro carriere e la reputazione di alcune di queste persone possono essere danneggiate senza troppi sforzi. Se esistesse un'agenzia israeliana anti-propaganda, sarebbe facile controllare se le loro pubblicazioni accademiche possono essere accusate di plagio. La verifica non è né difficile né costosa.
Questa idea non è originale. Nel 2011, il ministro della difesa tedesco Karl-Theodor Guttenberg è stato privato del suo dottorato a causa di un plagio nella sua tesi, per cui ha dovuto dimettersi. Nel 2013, la tesi di dottorato del ministro dell'educazione tedesco, Annette Schavan, è stata annullata per plagio. Anche lei si è dimessa dalla carica. La tesi di dottorato del ministro tedesco per gli affari di famiglia, Franziska Giffey, è attualmente oggetto di indagine per plagio. Danneggiare pesantemente alcuni accademici pro-BDS, anche se il loro numero probabilmente non è molto grande, responsabili di plagio, potrebbe avere un effetto moltiplicatore. Se il sostegno al BDS diventa rischioso, la loro professione ne subirà un danno.

Un altro esempio di carenza delle pubbliche relazioni israeliane avvenne con il caso della flottiglia di Gaza nel 2010. Tra i suoi principali organizzatori c'era l'IHH turco, un organismo noto per avere legami con I movimenti terroristici. La nave principale della flottiglia era la turca Mavi Marmara, che non trasportava aiuti umanitari a Gaza, solo militant anti-Israele armati. Infatti hanno attaccato i soldati israeliani che erano saliti a bordo della nave. Nel combattimento alcuni di questi aggressori furono uccisi. Probabilmente sotto la pressione dell'allora presidente degli Stati Uniti Barack Obama, Israele accettò di pagare un risarcimento ai familiari. Molte opinioni false e negative su Israele fanno parte delle risoluzioni di vari paesi e organismi internazionali.
Un'agenzia anti-propaganda, se esistesse, non avrebbe difficoltà a intervenire.

I casi citati sono minori rispetto ai risultati di uno studio pubblicato nel 2011 dall'Università tedesca di Bielefeld. Questo rapporto ha mostrato che in sette paesi dell'UE gran parte della popolazione concorda con l'affermazione secondo cui Israele sta conducendo una guerra di sterminio contro i palestinesi. Le percentuali più basse di chi sosteneva questa affermazione erano in Italia e nei Paesi Bassi con circa il 38%; la più alta in Polonia con il 63%. Questo studio e le sue conseguenze potenzialmente pericolose sono state appena notate in Israele. Eppure erano la dimostrazione del livello che la propaganda anti-israeliana aveva raggiunto. Il governo israeliano non ha intrapreso alcuna azione significativa per combattere la diffusione di massa di queste menzogne nei paesi europei.

Un'agenzia anti-propaganda avrebbe sistematicamente studiato, analizzato e monitorato i nemici di Israele nel campo della propaganda, attraverso azioni approvate dal governo. Un leader ebreo americano mi disse di aver ripetutamente suggerito l'istituzione di una simile agenzia al Primo Ministro Binyamin Netanyahu. (Una descrizione più dettagliata di come funzionerebbe tale agenzia richiederebbe un altro articolo.) Se fosse esistita un'agenzia di questo genere, avrebbe iniziato a preparare una risposta non appena Omar e Tlaib avevano annunciato le loro intenzioni di visitare Israele per fare propaganda, avrebbe raccolto opinioni da esperti che avrebbero potuto affermare autorevolmente che è il diritto sovrano delle nazioni decidere chi entra nel paese. In secondo luogo, avrebbe preparato una raccolta di dichiarazioni anti-israeliane di Omar e Tlaib.Infine, avrebbe elencato nomi di persone cui era stato impedito di entrare in vari paesi democratici. Ad esempio, durante la guerra fredda, gli Stati Uniti rifiutavano l'ingresso ai comunisti e ai loro simpatizzanti. Il governo israeliano avrebbe così potuto pubblicamente motivare la propria decisione, evitando una valanga di polemiche e il presidente Trump non avrebbe sentito la necessità di giustificare il no alla visita di Israele se si fosse comportato in questo modo.

Nel frattempo, è nato un nuovo considerevole problema che coinvolge le pubbliche relazioni. Il canale HBO sta trasmettendo - in collaborazione con l'emittente Israel Keshet - una serie intitolata "I nostri ragazzi". Racconta il raro caso del rapimento e dell'omicidio di un adolescente palestinese da parte di tre terroristi ebrei nell'estate 2014, avvenuto dopo il rapimento e l'omicidio di tre adolescenti israeliani da parte di terroristi di Hamas. La decisione di concentrarsi sull'omicidio di un giovane palestinese da parte di tre israeliani che rappresentavano solo se stessi e che erano stati pubblicamente denunciati da tutti i ceti sociali della società israeliana, piuttosto che sull'assassinio di adolescenti israeliani da parte del gruppo terroristico che governa la Striscia di Gaza, è una scelta estremamente parziale. In altre parole, la serie ha trasformato un'eccezione estrema in una presunta regola mentre trascura un modello sociale omicida di vecchia data. Sono molti casi di giovani israeliani uccisi da terroristi palestinesi, I cui genitori sono spesso orgogliosi dei crimini omicidi dei loro figli Finora la risposta di Israele alla serie Tv è stata ancora una volta dilettantistica. Nessun politico dell'opposizione ha sollevato nella Knesset.
il problema dell'incapacità del governo di istituire un'agenzia anti-propaganda, non ha destato interesse nell'attuale campagna elettorale. Il radicale fallimento nella lotta sistematica contro l'enorme assalto di odio propagandistico contro Israele è un fattore fortemente demoralizzante per il popolo israeliano, con gravi ripercussioni negative sul Paese.

Risultati immagini per manfred gerstenfeld
Manfred Gerstenfeld è stato insignito del “Lifetime Achievement Award” dal Journal for the Study of Antisemitism, e dall’ International Leadership Award dal Simon Wiesenthal Center. Ha diretto per 12 anni il Jerusalem Center for Public Affairs.
Le sue analisi escono in italiano in esclusiva su IC

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT