venerdi 20 settembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

1929-2019: 90 anni dopo l'orribile strage contro l'antica comunità ebraica di Hebron (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Manfred Gerstenfeld
Israele, ebrei & il mondo
<< torna all'indice della rubrica
Il Partito Laburista ha un precursore: il sindacato 15/08/2019

Il Partito Laburista ha un precursore: il sindacato
Manfred Gerstenfeld intervista Ronnie Fraser

 (Traduzione di Angelo Pezzana)

Visualizza immagine di origine
Ronnie Fraser

Visualizza immagine di origine
Anthony Julius, avvocato

 “Gli ultimi tre anni hanno portato alla luce molti scandali legati all’antisemitismo nel partito laburista britannico. Le mie ripetute esperienze con l'antisemitismo negli anni precedenti all'University College Union (UCU) dimostrano da quale fonte si sono formate le origini, in un precursore di quell’odio che ora è regolarmente di dominio pubblico. " Ronnie Fraser è il direttore degli Academic Friends of Israel – una scelta da volontario - che organizza campagne contro il boicottaggio accademico di Israele e l'antisemitismo nei campus. La sua tesi di dottorato si è concentrata sull'atteggiamento del Movimento sindacale britannico (TUC) nei confronti di Israele negli anni 1945-1982. “Dopo nove anni passati a difendere Israele all'interno della UCU, ho sentito di aver raggiunto il punto di non ritorno. Sono stato uno dei pochi attivisti filo-israeliani rimasti all'UCU e l'unico che ha partecipato al congresso del 2011. Mi è diventato gradualmente chiaro che il sindacato era istituzionalmente antisemita. All'epoca pochi lo capivano. Quando ho parlato alle conferenze dell'UCU, dalle reazioni degli altri delegati ho visto che mi trovavo in un territorio ostile. “Ho discusso delle mie intenzioni con l'avvocato Anthony Julius, noto per il suo ruolo nella causa degli anni 1996-2000 a difesa della studiosa americana Deborah Lipstadt dall'accusa di diffamazione promossa dal negazionista della Shoah David Irving. Mi ha confermato che potevo presentare una denuncia reclamo nei confronti della UCU sulla base dell' Equality Act 2010. “Julius ha aggiunto che sarebbe stato felice di rappresentarmi senza alcuna parcella. Mi propose di predisporre una dichiarazione sul comportamento della UCU che non era accettabile dagli ebrei e di sporgere denuncia presso un tribunale del lavoro. Avrebbe contribuito a ridurre le mie preoccupazioni in merito ai costi della causa, perché un tribunale del lavoro raramente applica costi ridotti se non in circostanze eccezionali. “L'alternativa all'azione legale era uscire dal sindacato, una scelta già presa da molti altri membri ebrei. Anch’io avevo considerato in passato di dimettermi. Ma la mia convinzione era che puoi cambiare le cose solo dall'interno se vuoi vincere. Ho quindi accettato la generosa offerta di Julius. "La mia azione legale contro l'UCU, in quanto sosteneva un " antisemitismo istituzionale ", è stata discussa in tribunale un anno dopo, nel novembre 2012. L’aver affermato che ero un ebreo ortodosso con un forte attaccamento a Israele e che l'UCU mi aveva obbligato a tenere una condotta contro la mia stessa identità ebraica - una caratteristica inalienabile perché garantita, il scopo violava la mia dignità, aveva un atmosfera dal carattere intimidatorio, ostile, degradante, umiliante e offensivo per me. "La mia affermazione ha spiegato come le attività anti-sioniste e antiebraiche della UCU equivalessero a antisemitismo istituzionale. Ha anche raccontato la mia opposizione al loro comportamento anti-israeliano dal 2002, quando avevo fondato gli Academic Friends of Israel. A sostegno della mia richiesta, abbiamo trovato trentaquattro testimoni che includevano membri attuali ed ex del sindacato, ebrei e non ebrei, accademici, esperti di antisemitismo, attivisti sindacali, leader comunisti ebrei e parlamentari. Inoltre, abbiamo presentato circa ottomila documenti giustificativi. “Ho spiegato come le risoluzioni annuali del congresso erano tutte indirizzate solo contro Israele, come si svolgevano i dibattiti, il bullismo e l'antisemitismo che condizionavano nel’uso della mailing list con gli indirizzi degli attivisti, l'incapacità dell'UCU di interagire con persone che avevano sollevato preoccupazioni e il suo fallimento nell'affrontare le dimissioni dei membri ebrei del sindacato e l’aver deciso di inviare all’incontro con l'Organizzazione per la sicurezza in Europa (OSCE) un noto esponente dell'antisemitismo, il sudafricano Bongani Masuku, dove venne respinta la definizione della "Working Definition of Antisemitism" dell'EUMC. “Le udienze del tribunale si sono svolte durante venti giorno nel novembre 2012. Anthony White, consigliere dell'UCU, impiegò dieci giorni per esaminare in modo incrociato ventinove dei miei trentaquattro testimoni. Sono stato esaminato da White per un totale di dieci ore in tre giorni, un'esperienza sgradevole. Il punto principale delle accuse contenute nelle sue domande era che le mie denunce non contenevano atti o affermazioni con rilievi, ma appartenevano alla discussione politica, consentita in base alla libertà accademica.” "A Julius, il mio avvocato, sono stati concessi solo tre giorni per esaminare in modo incrociato cinque testimoni della UCU. Ad un certo punto durante il mio esame incrociato, ho detto al tribunale: questo caso non riguarda Israele-Palestina. Non riguarda me. Riguarda gli iscritti ebrei. Siamo stati costretti a andarcene. Siamo stati umiliati. UCU ha tenuto un comportamento implacabile contro di noi. . . . Ho continuato a sopportare il dolore e l'umiliazione perché i miei genitori erano sopravvissuti alla Shoah mentre i miei nonni sono stati uccisi ad Auschwitz nello sterminio nazista degli ebrei. "Io dico:" Mai più! "Non voglio i miei quattro figli, i miei nove nipoti, che soffrano per quello che sta avvenendo ... per come sono stato trattato dal sindacato. Non volevo che succedesse a loro. Questa è la mia motivazione per continuare ad andare avanti "Il tribunale nel suo giudizio di 45 pagine ha affermato di aver visto" quasi l'intero caso manifestamente privo di interesse ", descrivendo alcune delle denunce " ovviamente senza speranza "," palesemente prive di fondamento "e" prive di qualsiasi merito ". Il tribunale ha descritto la "durata gigantesca" dell'udienza di venti giorni e ventitré volumi di prove come una saga a puntate, "" che era "manifestamente eccessiva e sproporzionata" e ha aggiunto che la UCU non avrebbe dovuto essere messa in "guai e spese" per difendersi ". "Il tribunale ha inoltre accusato me e il mio avvocato di" un tentativo inammissibile di raggiungere un fine politico con mezzi litigiosi "e che" sarebbe grave se un processo di questo genere venisse ripetuto. "Siamo stati accusati di" un preoccupante disprezzo per pluralismo, tolleranza e libertà di espressione, principi che i tribunali devono proteggere con vigilanza “ “Il tribunale ha respinto la definizione più ampiamente usata in quegli anni di antisemitismo, quella EUMC, poi sostituita da quella quasi identica dell'International Shoah Remembrance Alliance (IHRA). Quest'ultima è stata accettata dal governo britannico, ma non dall'UCU. Fraser conclude: "Ripensando al caso giudiziario, la decisione del giudice è totalmente in linea con l'attuale politica del governo britannico. Inoltre, è ora chiaro che gli atteggiamenti della leadership della UCU erano simili per molti aspetti al comportamento scandaloso di coloro che detengono il potere nel Partito Laburista oggi”.

Risultati immagini per manfred gerstenfeld
Manfred Gerstenfeld è stato insignito del “Lifetime Achievement Award” dal Journal for the Study of Antisemitism, e dall’ International Leadership Award dal Simon Wiesenthal Center. Ha diretto per 12 anni il Jerusalem Center for Public Affairs.
Le sue analisi escono in italiano in esclusiva su IC


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT