domenica 16 giugno 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

'Mi chiamo Roi e sono orgoglioso di essere israeliano' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Manfred Gerstenfeld
Israele, ebrei & il mondo
<< torna all'indice della rubrica
Estremi attacchi di antisemitismo nelle scuole di Berlino 21/01/2019

Estremi attacchi di antisemitismo nelle scuole di Berlino
Analisi di Manfred Gerstenfeld e Eva Odrischinsky

(Traduzione di Angelo Pezzana)

Immagine correlata
Angela Merkel

Vi sono molte indicazioni che l'antisemitismo in Germania sia aumentato negli ultimi anni sui social media, nell’opinione pubblica, all'interno della politica e nella società in generale. Gli ebrei cercano spesso di evitare luoghi in cui l'antisemitismo è molto diffuso. Non è tuttavia possibile per gli studenti, particolarmente vulnerabili perché riconoscibili in quanto ebrei. Negli ultimi anni sono stati pubblicati numerosi episodi di pesante antisemitismo nelle scuole tedesche. Esaminando quelli che hanno avuto luogo a Berlino, si può ottenere un'indicazione di quanto grave sia diventato questo problema. Nell'aprile del 2017, un ragazzo ebreo era tormentato da compagni di discendenza araba e turca in una scuola pubblica nel distretto di Friedenau a Berlino. Per proteggere la sua identità il suo nome fu cambiato, assumendo quello di Oscar Michalski. Non fu solo insultato, uno studente più grande lo minacciò sparando un colpo da una pistola vera. Ha poi cercato di strangolarlo fino al quando Oscar svenne. La popolazione della scuola è circa per l'80% musulmano, in gran parte turchi e arabi. Friedenau è considerato un quartiere berlinese in cui i problemi causati dagli immigrati non sono considerati particolarmente gravi. Eppure, in quello stesso quartiere, nel 2012, il rabbino Daniel Alter è stato picchiato violentemente insieme alla figlia di sette anni da quattro giovani arabi. Il preside della scuola che insegna matematica nella classe della vittima disse che non era a conoscenza di quanto accaduto. L'amministrazione e l'assistente sociale della scuola hanno continuato a ignorare l’aggressione anche dopo che erano stati informati dai genitori della vittima. I suoi genitori poi trasferirono Oscar in un'altra scuola. L'emittente pubblica franco-tedesca Arte ha trasmesso un documentario sulla storia di Oscar. Parte dell'attenzione dei media su questo caso è stata forse dovuta al fatto che il padre della vittima, Wenzel Michalski, è a capo della sezione tedesca di Human Rights Watch. Poca o nessuna attenzione è stata prestata al fatto che Gemma, la madre inglese di Oscar è figlia di un membro della Camera dei Lord, il barone Wasserman e nipote del compianto Hugh Gaitskell, un leader del Partito laburista britannico e sua moglie, la baronessa Gaitskell anche lei ebrea. Un altro caso di antisemitismo è venuto alla luce in una scuola di Berlino nel dicembre 2017.

Immagine correlata
Manifestazione islamica contro Israele

In quello stesso mese, molti anni dopo, diversi politici tedeschi hanno iniziato a parlare dell'antisemitismo musulmano dopo il falò di una bandiera israeliana dai musulmani nella capitale A un allievo ebreo di 18 anni della scuola Ernst-Reuter nel quartiere di Gesund Brunnen, una studentessa durante una discussione sul Medio Oriente ha detto che "Hitler era buono, ha assassinato ebrei". Gli studenti hanno aggiunto "siete tutti assassini di bambini" e "dovreste essere tutti decapitati". Da quel momento in poi, il ragazzo non ha più frequentato la scuola, un luogo privo di sicurezza. Nel marzo 2018, una ragazza ebrea al secondo anno della scuola elementare Paul Simmel nel quartiere Tempelhof-Schöneberg di Berlino fu aggredita a causa della sua identità ebraica. Il padre ha detto che sua figlia era stata insultata e minacciata di morte da alunni musulmani perché "non crede in Allah". Il ministro degli Esteri tedesco, Heiko Maas, ha poi dichiarato: " E’vergognoso e intollerabile che un bambino sia minacciato da antisemiti ". Sempre nel 2018, studente ebreo tedesco, Liam Rückert si trasferì da Berlino in Israele perché aveva sperimentato l'odio dilagante verso gli ebrei nella sua scuola pubblica di Jung Fernheide, nel quartiere di Spandau a Berlino. La scuola è nota per essere problematica. Il 32% dei suoi alunni proviene da famiglie di immigrati. Rückert ha affermato di aver dovuto nascondere la sua identità ebraica quando, durante una discussione sul conflitto in Medio Oriente, uno studente arabo ha dichiarato che se ci fosse un ebreo in classe, lo avrebbe ucciso. Rückert ha anche detto di avere un amico arabo gay , Hussein, entrambi hanno condiviso le loro identità segrete. Una volta che l'identità ebraica di Rückert divenne nota, fu costantemente insultato con parole come "merda ebrea" e "merda israeliana". La scuola rifiutò la sua richiesta di cambiare classe. Sua madre, di origine israeliana, ha dichiarato: "Non abbiamo ricevuto alcun sostegno dall'amministrazione scolastica". Nel giugno del 2018 divenne noto che presso la celebre scuola John F. Kennedy, situata nel quartiere di Zehlendorf, uno studente ebreo era stato assalito per diversi mesi da altri allievi. Gli alunni di questa scuola provengono principalmente da famiglie delle elite tedesche o diplomatici stranieri. Un compagno di classe ha soffiato il fumo di sigaretta sul viso dello studente e gli ha detto "dovresti pensare ai suoi antenati gasati". In altre occasioni, ha ricevuto biglietti da compagni di classe con svastiche. Gran parte della classe aveva tollerato il mobbing o vi aveva partecipato. C'erano anche aggressioni antisemite contro una studentessa ebrea. L'amministrazione di questa scuola ha dichiarato di non aver dato rilievo a quanto accadeva per diversi mesi, ma ha poi agito non appena se ne sono resi conto. All'inizio del nuovo anno scolastico, l'amministrazione prevederà l’introduzione di un programma speciale sulla discriminazione. Il ministro tedesco per gli affari familiari, gli anziani, le donne e i giovani, Franziska Giffey, ha dichiarato: "molte scuole non vogliono denunciare apertamente l'antisemitismo, il fanatismo, il razzismo e l'odio, perché hanno paura della stigmatizzazione". La scorsa estate il governo federale ha deciso di inviare 170 esperti di antibullismo a scuole selezionate che presentano questi problemi. La valutazione di Giffey è sostenuta dalla sociologa di Francoforte, Julia Bernstein, il cui pionieristico studio sull'antisemitismo nelle scuole tedesche dal punto di vista delle vittime è stato pubblicato nel dicembre 2018. Sulla base di 227 interviste, Bernstein ha concluso che gli insegnanti spesso non riconoscono la natura antisemita se si pronuncia con disprezzo la parola "ebreo" e le direzioni scolastiche negano l'antisemitismo per paura di danneggiare la reputazione della scuola. Secondo Bernstein, l'uso frequente di saluti a Hitler, svastiche e "battute sulla Shoah" testimonia la rapida rimozione dei tabù e la caduta delle inibizioni. Vladislava Zdesenko, uno dei nove avvocati ebrei di Berlino che hanno collaborato per aiutare le vittime del bullismo antisemita e le loro famiglie, ritiene che la situazione attuale non può più essere tollerata. Gli studenti ebrei devono cambiare scuola mentre i loro assalitori restano impuniti. Annota anche che "i casi che arrivano alla consapevolezza del pubblico sono solo la punta dell'iceberg". Le autorità tedesche stanno lentamente prendendo atto del problema e hanno iniziato a risolverlo, anche se solo in parte. Berlino ha creato un portale di informazioni online per gli insegnanti per aiutarli a riconoscere l'antisemitismo. A partire dall'anno scolastico 2019, le istituzioni scolastiche di Berlino dovranno segnalare i casi di antisemitismo alla polizia o alle autorità scolastiche. Per concludere: nonostante alcuni recenti lodevoli sforzi per combattere il problema dell’antisemitismo, ci vorrà ancora molto tempo prima che la maggior parte delle scuole tedesche si occupi in modo efficace degli incidenti antisemiti e razzisti e istruisca gli alunni contro la discriminazione. Tuttavia, se si verificano attacchi e aggressioni, i responsabili devono essere severamente puniti. Tutti questi incidenti dovrebbero essere segnalati alle autorità e alle amministrazioni scolastiche e quelli che non rispettano dovrebbero essere rimproverati o sostituiti. Sempre che questa visione quasi utopica si possa veramente avverare.

Risultati immagini per manfred gerstenfeld
Manfred Gerstenfeld è stato insignito del “Lifetime Achievement Award” dal Journal for the Study of Antisemitism, e dall’ International Leadership Award dal Simon Wiesenthal Center. Ha diretto per 12 anni il Jerusalem Center for Public Affairs.


Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT