venerdi 26 aprile 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

'Sono cristiano di origine libanese, vi racconto che cos'è il mio Paese, Israele' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Manfred Gerstenfeld
Israele, ebrei & il mondo
<< torna all'indice della rubrica
Gli ebrei di fronte alla eredità di Angela Merkel 15/01/2019

Gli ebrei di fronte alla eredità di Angela Merkel
Analisi di Manfred Gerstenfeld

(Traduzione di Angelo Pezzana)

Immagine correlata
Angela Merkel

Da alcune settimane, la cancelliera tedesca Angela Merkel non è più presidente del Partito Democratico Cristiano (CDU). Ha annunciato che non sarà candidata alla cancelliera - una posizione che ricopre dal 2005 - dopo le prossime elezioni. Così i media hanno iniziato ad analizzare la sua azione di governo e quale eredità politica ha lasciato. Questo è anche il momento per esaminare la sua eredità nei confronti degli ebrei tedeschi. Helmut Kohl, il precedente leader della CDU, che ha ricoperto il ruolo di cancelliere dal 1982 al 1998, aveva permesso a 170.000 ebrei russi di immigrare in Germania, come risultato di questa politica, la Germania ha di nuovo una significativa comunità ebraica, stimata oggi di quasi 100.000 membri, appena poco più dello 0,1% della popolazione della intera Germania. La Merkel non ha mai mancato di sostenere in vari modi la presenza degli ebrei in quanto cittadini tedeschi. Nel novembre di quest'anno è intervenuta alla grande sinagoga di Berlino di Rykestrasse in occasione dell'80 ° anniversario della "Kristallnacht", dicendo: "La vita ebraica sta rinascendo di nuovo in Germania. Un regalo inaspettato per noi dopo la Shoah ... ma stiamo anche assistendo a un preoccupante risorgere dell’antisemitismo che minaccia la vita ebraica nel nostro paese", aggiungendo che la violenza contro gli ebrei è da attribuirsi ai militanti di estrema destra, e che la presenza dei musulmani è in aumento in Germania. Lo scorso anno Merkel non avrebbe citato i musulmani tra i colpevoli di incidenti antisemiti, anche se ne erano già responsabili da anni. Tuttavia, la situazione è cambiata nel dicembre 2017, quando i musulmani hanno bruciato una bandiera israeliana a Berlino. Il video è andato in giro per il mondo, ricordando il rogo dei libri avvenuto sotto il governo di Hitler. Quando diversi politici hanno iniziato a denunciare l'antisemitismo musulmano, Merkel ha dovuto fare lo stesso. Fino ad oggi, le statistiche tedesche sul coinvolgimento islamico in questi attacchi antisemitici sono state pesantemente manipolate. Tutti gli atti antisemiti commessi da persone non identificate vengono attribuiti all'estrema destra. Alla fine del 2018 uno studio intitolato “ Esperienze e classificazioni di antisemitismo” pubblicato dall'Agenzia per i diritti fondamentali (FRA) ha fornito dati precisi su come gli ebrei registrati come tali di 12 paesi dell'UE vedono e sperimentano questo odio, anche se in termini assoluti non è statisticamente significativo. Anche se meno di quanto accade in Francia, la Germania è risultata uno dei cinque paesi in cui la grande maggioranza degli intervistati considerava l'antisemitismo come un grave problema. Quasi tutti gli intervistati hanno affermato che l'antisemitismo è aumentato negli ultimi cinque anni.

La Germania è anche tra i paesi in Europa in cui le espressioni di ostilità nei confronti degli ebrei in spazi pubblici sono considerate un problema molto o abbastanza grande. La maggior parte degli intervistati tedeschi ha dichiarato di sentire regolarmente la dichiarazione "Gli israeliani si comportano come i nazisti nei confronti dei palestinesi". Un numero significativo di ebrei tedeschi ha anche detto di sentire affermazioni negative sugli ebrei in occasione di eventi politici o sociali. La Germania è anche tra i paesi con il più alto numero di ebrei che hanno subito attacchi antisemiti sia personalmente che come testimoni, o attraverso la loro cerchia di familiari e amici. La maggior parte degli ebrei tedeschi afferma di temere insulti verbali e possibili aggressioni in futuro, lo stesso può accadere a membri della propria famiglia o ad amici. Molti ebrei tedeschi evitano certi quartieri, perché non si sentono sicuri in quanto ebrei. in Ungheria, Belgio, Francia e Germania, una grande minoranza di intervistati indica di aver preso in considerazione negli ultimi cinque anni la possibilità di emigrare. A dicembre, il commissario sull’ antisemitismo della comunità ebraica di Berlino, Sigmound Königsberg, ha affermato che il tema dell'emigrazione emerge sempre più spesso nelle scelte della comunità ebraica. Ha aggiunto che ogni angolo di Berlino è potenzialmente pericoloso per gli ebrei. Da un punto di vista manageriale e politico, la Merkel ha governato bene la Germania fino al 2015. Il paese ha resistito alle grandi sfide della crisi economica mondiale del 2008 senza grossi problemi. Sotto il suo cancellierato della Merkel, il potere della Germania nell'Unione europea è aumentato, come il potere dell'ex ministro del Lussemburgo Jean-Claude Juncker, in qualità di presidente della Commissione europea. L'eredità di Merkel per la nazione è stata in larga misura fortemente influenzata da una decisione fatale: aprire i confini della Germania per i richiedenti asilo e altri immigrati nel settembre 2015. Da allora, circa un milione e mezzo di rifugiati sono entrati nel paese. Molti provenivano da paesi musulmani, in particolare dall'Afghanistan, dall'Iraq e dalla Siria. Merkel giudicò erroneamente i problemi che tanti non europei avrebbero portato con sé e la capacità di assorbimento della popolazione.

La versione ufficiale è che in Germania ci sono da tre a quattro attacchi antisemitici al giorno. Ce ne sono probabilmente di più, perché molte vittime non presentano denuncia. Gli ebrei avvertano sempre più il peso di due fenomeni: i molti antisemiti tra gli immigrati musulmani e i loro discendenti e la rinascita dell'estrema destra antisemita. Anche se la situazione non peggiorerà, è già abbastanza seria e non dà segni di poter migliorare. La Fondazione Hanns-Seidel ha studiato l'atteggiamento dei richiedenti asilo nello stato federale tedesco della Baviera. Ha scoperto che più della metà di quelli provenienti da Siria, Iraq e Afghanistan credono che gli ebrei abbiano "troppa influenza" nel mondo. Uno studio dello storico Gunther Jikeli sui profughi siriani e iracheni in Germania, commissionato dall’American Jewish Committee, è stato così commentato dal governatore della municipalità di Berlino Deidre Berger: "Fino ad ora, i rapporti concernenti l'antisemitismo di molti nuovi arrivati in Germania sono stati in gran parte superficiali. Questa nuova analisi scientifica dimostra invece che il problema è diffuso nelle comunità di rifugiati della Siria e dell'Iraq. Atteggiamenti antisemiti, stereotipi e teorie cospirative sono comuni, così come un rifiuto categorico da parte di molti dello Stato di Israele ". Il nuovo commissario per antisemitismo del paese, Felix Klein, ha dichiarato di non essere sorpreso dal fatto che molti ebrei tedeschi stiano discutendo se partire. Questo porta a una domanda preoccupante: il cancelliere Kohl ha permesso la nascita di una comunità ebraica notevolmente aumentata attraverso l'immigrazione. L'eredità di Merkel sarà una comunità ebraica sostanzialmente in diminuzione a causa dell'emigrazione?

Risultati immagini per manfred gerstenfeld
Manfred Gerstenfeld è stato insignito del “Lifetime Achievement Award” dal Journal for the Study of Antisemitism, e dall’ International Leadership Award dal Simon Wiesenthal Center. Ha diretto per 12 anni il Jerusalem Center for Public Affairs.


Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT