martedi` 21 maggio 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Storia dell'antisemitismo assassino, da Hitler al terrorismo islamico (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Manfred Gerstenfeld
Israele, ebrei & il mondo
<< torna all'indice della rubrica
Un anno nei territori palestinesi 18/12/2018

Un anno nei territori palestinesi
Manfred Gerstenfeld intervista Els van Diggele

(Traduzione di Angelo Pezzana)

Immagine correlata
Els van Diggele

Els van Diggele è nata nel 1967 nel villaggio olandese di Warmond. Dopo gli studi di storia presso l'Università di Leida segue un corso di giornalismo post-dottorato presso l'Erasmus University di Rotterdam. "Il mio primo libro uscito nel 2000 discute i conflitti interni di Israele riguardo all'identità dello Stato, dal titolo Un popolo che combatte da solo. Il libro successivo del 2007 intitolato “ Santi litigi” tratta delle divisioni tra i cristiani in Israele.

"Volevo completare la trilogia scrivendone uno sui palestinesi, per questo ho vissuto nei loro territori, cercando con cura chi poteva rischiare di essere sincero, l’alternativa era sentirmi dire: "Tutto va bene. L'occupazione israeliana è il problema. " "Ho incominciato a capire quando un palestinese mi ha chiesto: 'scrivi della nostra occupazione? Siamo occupati dai nostri leader. L'occupazione palestinese inizia nella nostra famiglia con nostro padre e gli zii. Poi siamo occupati dai nostri leader. L'individuo non esiste. "Ha poi aggiunto:" Questo è il nostro più grande,reale problema, che spiega l’immobilismo della nostra società ". "Ho vissuto un intero anno nei territori palestinesi, ma non mi sono registrata come giornalista presso le autorità, così non ho subito in alcun modo ostacoli, anche se sono stata sospettata di essere una spia”. "Anche a Gaza non ho incontrato ostacoli, intervistare era ancora più facile che in Cisgiordania, anche se la gente ha paura e la società è molto gerarchica. Eppure la gente era più aperta, forse perché è più povera e più disperata. Mi è stato chiaro che non c'è unità storica tra la Cisgiordania e la Striscia di Gaza. È come vivere in mondi diversi.”

Immagine correlata
L'Università di Nablus

"L'unico ostacolo che ho incontrato è stato presso la Nablus University, in Cisgiordania. Ho chiesto agli studenti a proposito di un omicidio avvenuto nel 2007. Volevo sapere cosa era successo e dove era avvenuto. Qualcuno ha reagito dicendo: "Quale omicidio? Non ne so nulla”. Una risposta caratteristica di una cultura della paura che spesso sfocia nella negazione dei fatti. Dopo ho incontrato una donna palestinese che aveva studiato in quella università, dopo quell’incontro la direzione dell'università non mi ha più permesso di entrare”. "Analizzando la storia alla società palestinese, ho concluso che era trascorso un secolo di stagnazione e distruzione, con una battaglia per il potere combattuta contro gli stessi cittadini, esclusi da qualsiasi possibilità di far sentire la loro voce. "Questo atteggiamento è il filo conduttore della società palestinese. Un esempio rivelatore è l'allontanamento dell'ex primo ministro Salam Fayyad. Ho parlato con questo leader moderato e anche con altri dirigenti di Hamas, ma la voce della moderazione non può avere spazio nella società palestinese.

"Il quadro che ho ottenuto dalle conversazioni con cooperanti palestinesi è molto diverso da quello che ci è stato detto negli ultimi cinquant'anni dalle agenzie di stampa di stato NOS e dai principali giornali olandesi. Quella foto obsoleta ci dice che i palestinesi sono vittime impotenti degli israeliani la cui occupazione dura da cinquant'anni. "La realtà che ho potuto vedere è l'opposto di quella che avevo prima di iniziare la mia ricerca. È stata una scoperta scioccante ma interessante. Mi sono resa conto però che non viene raccontata nei Paesi Bassi. " Me ne sono resa conto giorno dopo giorno, perché molti olandesi sono ormai coinvolti emotivamente con la narrativo pro palestinesi. Credono di vivere da privilegiati in una società che impedisce ogni critica. Giornalisti e cosiddetti esperti sono così emotivamente coinvolti che smettono di praticare correttamente la loro professione.

"Molti giornalisti sono diventati militanti di ciò che raccontano,i problemi non sono più rilevanti. E’ il risultato di cinquant'anni di relazioni unilaterali dell'Europa occidentale. "Ho titolato mio libro del 2017 sui palestinesi ‘Ci odiamo più degli ebrei’ e mi è stato rimproverato : "Non avevi il permesso di scrivere questo libro. La colpa è dell'occupazione, tutto deriva dal nostro dominio coloniale, i palestinesi non sono mai stati in grado di formare un loro Stato perché erano governati da stranieri ".

"Ho risposto: la divisione soffocante tra i palestinesi è già durata un secolo. Non si può biasimare l'Inghilterra o Israele per questo. "Purtroppo non si riesce a ragionare con nessuno nei Paesi Bassi in modo serio e argomentato sul mio libro. La gente non capisce ciò che avviene in Medio Oriente, dove le armi sostituiscono le parole. "Fayyad voleva creare uno stato ordinato lavorando insieme a Israele. Aveva detto: 'Uno stato non è solo un nostro diritto, ma anche un nostro dovere. Abbiamo bisogno di legge e ordine, disarmo e lotta alla corruzione. " I palestinesi volevano altro. Preferivano la resistenza armata. Abbas ha eliminato Fayyad. " Van Diggele conclude: "Sto lavorando a un nuovo libro “ L’industria fuorviante, i media olandesi nella morsa ferrea della Palestina”, la cui pubblicazione è prevista per l'inizio del 2019.

Risultati immagini per manfred gerstenfeld
Manfred Gerstenfeld è stato insignito del “Lifetime Achievement Award” dal Journal for the Study of Antisemitism, e dall’ International Leadership Award dal Simon Wiesenthal Center. Ha diretto per 12 anni il Jerusalem Center for Public Affairs.


Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT