giovedi` 14 novembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Chi sono veramente i palestinesi? Lo spiega lo storico Benny Morris (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Manfred Gerstenfeld
Israele, ebrei & il mondo
<< torna all'indice della rubrica
Gli Ebrei e la doppia lealtà, lo stereotipo antisemita più frequente 08/12/2018

Gli Ebrei e la doppia lealtà, lo stereotipo antisemita più frequente
Analisi di Manfred Gerstenfeld

(Traduzione di Angelo Pezzana)

Immagine correlata
Per dimostrare che vuole la pace, Israele deve suicidarsi

L'omicidio di 11 ebrei in una sinagoga di Pittsburgh era stato preceduto da uno studio del FBI del 2017, che riportava come il 60% di tutti gli episodi di reati di odio a sfondo religioso negli Stati Uniti erano antiebraici, di gran lunga superiori a quelli di altre religioni.
Questi e una varietà di altre manifestazioni di antisemitismo richiedono un'analisi dei principali stereotipi negativi sugli ebrei negli Stati Uniti sullo sfondo della situazione internazionale.

Immagine correlata


Le statistiche mostrano che il principale motivo di odio antisemita in tutto il mondo è che gli ebrei della diaspora sono più fedeli a Israele che al paese in cui vivono. Lo studio Global 100 pubblicato dall'ADL ( Anti Defamation League) nel 2014 ha rilevato che il 30% degli americani adulti - circa 75 milioni di persone - credono a questa menzogna. 
Uno studio, sempre di ADL, del 2015 ha rilevato una percentuale addirittura più alta. Lo studio “ADL Global 100" del 2014 ha anche rilevato che la falsa accusa di doppia lealtà è il principale stereotipo antisemita internazionale.
Il 41% della popolazione mondiale incluse in questo sondaggio ritengono che risponda al vero, il che significa circa 1,7 miliardi di persone. 
Questa enorme cifra fornisce un terreno fertile per molte altre accuse antisemite. Se gli interessi di Israele sono contrari a quelli del paese in cui vive un ebreo, l'interesse israeliano potrebbe avere la precedenza. 
Ecco come viene minata la fiducia verso gli ebrei, da cui si arriva a dire: "non sei veramente uno di noi". 
Nella sua forma più estrema, la doppia lealtà è un’accusa che include il tradimento. L'accusa che gli ebrei non sono fedeli alla società o al paese in cui vivono è esistita molto tempo prima che venisse fondato lo Stato di Israele. Durante la metà del quattordicesimo secolo, al tempo della piaga della peste nera, fu causa del massacro degli ebrei con l’accusa di avvelenare cibo, pozzi e ruscelli. 
C'è poi una serie di variazioni sul tema della doppia mancanza di lealtà. 
Ci sono coloro che giudicano gli ebrei cosmopoliti, un popolo senza una madrepatria solo fedele ad altri ebrei. Da qui, una comoda base per le accuse di tradimento e successiva condanna nel 1894 dell'ufficiale francese Alfred Dreyfus. Essendo ebreo era il candidato ideale da accusare di spionaggio contro la Francia, mentre in realtà il tradimento era stato commesso da un ufficiale non ebreo. 
Accusare gli ebrei di doppia lealtà facilita la creazione di ulteriori stereotipi antisemiti. Ad esempio: "Gli ebrei vogliono controllare il mondo". 
Lo studio globale ADL del 2014 mostra come il 29% degli intervistati in tutto il mondo crede che gli ebrei abbiano troppo potere nelle economie globali. Negli Stati Uniti lo studio ADL del 2015 ha rivelato che il 16% della popolazione del paese, ovvero 40 milioni di americani, credono che gli ebrei siano troppo presenti nel mondo degli affari. La stessa percentuale di americani riteneva che gli ebrei avessero troppo potere sui mercati finanziari internazionali . Il 12%, ovvero 30 milioni, erano dell'opinione che gli ebrei avessero troppo controllo sul governo degli Stati Uniti, mentre lo stesso numero riteneva che gli ebrei avessero troppo controllo sui media globali.
Sotto l'amministrazione Obama si è verificato un sostanziale distacco tra gli Stati Uniti e Israele in merito all'accordo nucleare iraniano. Il senatore ebreo Chuck Schumer che votò contro e fu accusato di essere più fedele a Israele che all'America. Gli ebrei spesso temono di essere accusati di doppia lealtà quando uno di loro commette qualche illegalità.
Il caso più estremo è stata l'accusa di spionaggio a favore di Israele di Jonathan Pollard. È l'unica persona ad essere stata condannata all’ergastolo per spionaggio a favore di un paese alleato con gli Stati Uniti. 
È facile dimostrare che su questioni basilari di grande importanza per Israele l’ accusa di doppia lealtà degli ebrei americani è una grande menzogna. Finora Donald Trump è stato il presidente più pro Israele nella storia degli Stati Uniti. 
Se esistesse davvero una doppia lealtà degli ebrei, la grande maggioranza degli ebrei americani dovrebbe oggi sostenerlo. Nel 2016, il 71% degli ebrei ha votato per Hillary Clinton rispetto al 48% del voto nazionale. Solo il 24% degli ebrei ha votato per Trump. Nel nuovo Congresso, diversi leader dei comitati democratici erano ebrei, schierati contro il presidente Trump in modo sostanziale. 
Ci sono molte altre prove che l'accusa di doppia lealtà degli ebrei americani è falsa. Barack Obama è stato tra i più ostili presidenti degli Stati Uniti verso Israele, eppure gli ebrei hanno votato per lui in gran numero. 
Nel 2008, il 78% degli ebrei ha votato per Obama rispetto al 53% del voto nazionale. Nel 2012, il 69% degli ebrei ha votato per lui rispetto al 58% a livello nazionale. La maggioranza degli ebrei americani ha votato per Obama apparentemente contro i propri interessi. Lui e sua moglie erano membri da lunga data di una chiesa il cui pastore, Jeremiah Wright, era un antisemita.  L’inesistenza della accusa di doppia lealtà nei confronti degli ebrei può essere dimostrata anche in altri paesi. 
In un sondaggio condotto nei Paesi Bassi durante la campagna elettorale del 2017, è stato rilevato che il 19% degli ebrei olandesi intendeva votare per il partito laburista anti-israeliano (PvdA) mentre è stato votato solo il 6% della popolazione generale. Nel Regno Unito, il 13% degli ebrei ha dichiarato che voterà ancora per il Labour nelle elezioni parlamentari del 2019, malgrado il leader del partito, Jeremy Corbyn, sia un simpatizzante dei terroristi che si propongono di distruggere Israele e,intorno a lui e al suo partito, aumentano gli odiatori anti-israeliani. 
Versioni più diluite di doppia lealtà si verificano in diversi altri paesi. 
Gli immigrati possono tifare per il loro paese d'origine in una partita sportiva contro il paese in cui vivono, fino a manifestazioni che sfuggono ad ogni controllo. Un caso ben noto è la partita di calcio "amichevole" nel 2001 a Parigi tra Francia e Algeria. Gli algerini che vivevano in Francia fischiavano quando veniva suonato l'inno francese. La partita finì prematuramente quando gli algerini invasero il campo. 
Le accuse di doppia lealtà sono comunque uno stereotipo anti-ebraico tipico e diffuso, anche se molti paesi hanno diaspore problematiche. Ci sono casi di altre etnie in cui è evidente il problema della doppia lealtà. Un esempio è la Turchia, che consente ai suoi cittadini che vivono all'estero di partecipare alle elezioni nazionali. Più di 450.000 turchi, ovvero il 65% di quelli che hanno partecipato al voto in Germania, hanno sostenuto l'AKP di Erdogan nelle elezioni parlamentari del 2018. Questo è sostanzialmente il numero più alto della percentuale di coloro che hanno votato per il medesimo partito in Turchia. Eppure, in Germania, nessuno ha protestato contro queste persone che, all’estero, hanno votato per un partito la cui ideologia è incompatibile con leggi e valori democratici. 
L'ex leader del Partito dei Verdi, Cem Ozdemir, è stato quasi l'unico politico tedesco a trarne una conclusione scontata, quando ha detto"I fans tedeschi di Erdogan non solo plaudono il loro autocrate, ma esprimono anche una negazione della nostra democrazia liberale. Questo dovrebbe preoccupare tutti. " 

Trovare modi intelligenti per denunciare le false richieste di lealtà contro gli ebrei potrebbe essere l'inizio di un nuovo tipo di lotta contro l'antisemitismo.

Risultati immagini per manfred gerstenfeld
Manfred Gerstenfeld è stato insignito del “Lifetime Achievement Award” dal Journal for the Study of Antisemitism, e dall’ International Leadership Award dal Simon Wiesenthal Center. Ha diretto per 12 anni il Jerusalem Center for Public Affairs.


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT