martedi` 11 dicembre 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Parla il Gen. Yossi Kuperwasser: 'Ecco le prospettive strategiche per il Medio Oriente' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Manfred Gerstenfeld
Israele, ebrei & il mondo
<< torna all'indice della rubrica
Ricordi di un'amicizia con Elie Wiesel durata una vita 03/12/2018

Ricordi di un'amicizia con Elie Wiesel durata una vita
Manfred Gerstenfeld intervista Ted Comet

(Traduzione di Angelo Pezzana)

Immagine correlata
Ted Comet

Ted Comet è stato direttore della Federazione giovanile sionista dal 1956 al 1968. È stato il fondatore e presidente della “Celebrate Israel Parade” a New York. Comet è poi stato un alto funzionario del Consiglio delle Federazioni Ebraiche e del Joint (Jewish Joint Distributioin Committee).

"All'età di sedici anni Elie Wiesel arrivò in Francia insieme a 400 giuovani da Buchenwald. L'ho incontrato a Versailles nella casa a cui ero stato assegnato come studente volontario per l'American Jewish Joint Distribution Committee (Joint). Siamo diventati amici per tutta la vita e quando si è stabilito a New York veniva a casa nostra per le cene di Shabbat. Non dimenticherò mai l'emozionante qualità delle sue musiche di Shabbat. Mi sentivo trasportato in un altro mondo.

"Elie era nato nel 1926 a Sighet, in Transilvania, l'unico maschio in una famiglia di quattro figli. Ha studiato in una yeshiva tradizionale, ma ha anche imparato a suonare il violino, a scacchi e ha studiato l'ebraico moderno. Fu prima rinchiuso in un ghetto e poi deportato ad Auschwitz, dove vennero uccise la madre e la sorella minore, e, in seguito, anche suo padre. "

Immagine correlata
Elie Wiesel

"Elie poteva ricevere la cittadinanza francese, ma dal momento che non capiva il francese, non fu in grado di capire la domanda. Rimase apolide fino a diventare un cittadino americano un decennio dopo. Elie studiò letteratura e filosofia francese, spinto dal suo interesse per la questione morale e vide la Francia come il luogo in cui ricostruire la sua vita. "In un periodo in cui mancavano esempi di eroismo, Elie Wiesel fu un uomo che non permise alla sua esperienza nell'inferno di Auschwitz influenzasse la sua vita in modo negativo , amareggiato, cinico, disimpegnato. Al contrario, scoprì il segreto profondo della vita, come trasformare il trauma in energia creativa e all'azione, per alleviare il proprio dolore, e quello degli altri, per guarire se stesso insieme agli altri.

"La maggior parte dei leader ebrei americani lavorava o guidava importanti organizzazioni, istituzioni, gruppi politici e filantropici. Non faceva parte di nessuna struttura religiosa o di ricerca storica. E’ riuscito a comunicare attraverso il potere del suo messaggio, la sua eloquenza intellettuale e il suo carisma.

"Nel 1970, l’ho chiamato quale relatore all'Assemblea Generale delle Federazioni ebraiche. Ricordo ancora, più di quattro decenni dopo, questa sua affermazione: "Come siamo riusciti sopravvivere? Ma anche perché dovevamo sopravvivere? Siamo stati spinti dalla volontà di raccontare ciò che avevamo vissuto, perché pensavamo che avrebbe spinto la gente a reagire. Se avessimo saputo allora ciò che sappiamo ora, che si sapeva senza agire, allora non saremmo stati in grado di sopravvivere. "

"Elie era la persona più responsabile per lo studio della Shoah su molti livelli della cultura e della società americana. Un modo in cui lo fece fu con i suoi oltre sessanta libri, il più famoso era “La notte”. Il suo messaggio principale era "Zachor" (ricorda) per mantenere la memoria della Shoah e, soprattutto, trasformare la memoria in azione morale. Questo è stato drammaticamente compiuti nei suoi confronti con tre presidenti americani. "Il presidente Jimmy Carter voleva che il Museo della Shoah negli Stati Uniti si concentrasse su tutti coloro che avevano sofferto sotto i nazisti. La posizione di Elie era che tutti meritavano di essere ricordati, mentre la Shoah era una forma unica di distruzione degli ebrei e che per questo doveva essere riconosciuta. Ha vinto quella battaglia. Il museo affronta principalmente il tema della Shoah, ma ha anche una sezione speciale per tutti gli altri che hanno sofferto durante quel periodo.

"Come il presidente del museo, Elie non ha creato un monumento, ma qualcosa di monumentale. C’è l'apprendimento, l'insegnamento e la ricerca, oltre a richiamare gli studiosi da tutto il mondo. Finora, 25 milioni di persone hanno visitato il museo. "Il suo secondo confronto è stato con il presidente Ronald Reagan. Il primo ministro tedesco Helmut Kohl voleva che la Germania diventasse parte integrante dell'Occidente e invitò Reagan. Quando si è saputo che la visita programmata prevedeva la deposizione di una corona nel cimitero di Bitburg che includeva le tombe dei soldati nazisti, Elie ha ricordato a Reagan in una cerimonia pubblica in cui gli veniva conferita la medaglia d'oro del Congresso, dicendo: "Il Talmud ci comanda di affrontare il potere con la verità e la verità è che il suo posto dovrebbe essere con le vittime e non con i loro carnefici."

La visita del presidente a Bitburg fu limitata a dieci minuti, mentre la visita dell'ex campo di concentramento Bergen-Belsen è stato aggiunto all'itinerario. Da allora i funzionari del governo americano sono diventati più sensibili nell’affrontare le questioni relative ai nazisti. "Il terzo incontro è stato con il presidente Bill Clinton. Dopo una visita in Bosnia, Elie ha riferito dello spargimento di sangue e della necessità di agire. La sua pressione ha aiutato la firma degli accordi di pace di Dayton nel 1995.

"Elie Wiesel ha ricevuto il premio Nobel per la pace nel 1986. Nel suo intervento ha detto:" Dobbiamo sempre prendere posizione. La neutralità aiuta l'oppressore, mai la vittima, incoraggia il torturatore, mai il torturato ... Ovunque uomini o donne sono perseguitati a causa della loro razza, religione o opinioni politiche, quel luogo deve diventare il centro dell'universo. Ci possono essere momenti in cui siamo incapaci di prevenire l'ingiustizia, ma non ci deve essere mai un momento in cui non riusciamo a protestare contro l'ingiustizia ".

Elie Wiesel morì nel 2016. Fra i necrologi, quelli del presidente americano e dei leader mondiali.

Risultati immagini per manfred gerstenfeld
Manfred Gerstenfeld è stato insignito del “Lifetime Achievement Award” dal Journal for the Study of Antisemitism, e dall’ International Leadership Award dal Simon Wiesenthal Center. Ha diretto per 12 anni il Jerusalem Center for Public Affairs.


Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT