martedi` 11 dicembre 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Parla il Gen. Yossi Kuperwasser: 'Ecco le prospettive strategiche per il Medio Oriente' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Manfred Gerstenfeld
Israele, ebrei & il mondo
<< torna all'indice della rubrica
AirBnB censura Giudea e Samaria: le reazioni internazionali 26/11/2018

AirBnB censura Giudea e Samaria: le reazioni internazionali
Analisi di Manfred Gerstenfeld

(Traduzione di Angelo Pezzana)

Immagine correlata

Il governo israeliano e molti suoi sostenitori all'estero si rendono conto che a Airbnb deve essere data una dura lezione. Sotto la pressione dei boicottatori anti-israeliani fortemente finanziati, la compagnia ha eliminato Giudea e Samaria dal suo catalogo. In un caso come questo, Israele e i suoi amici devono prima decidere come comportarsi per colpire gli interessi di Airbnb in modo forte ed efficace a un costo minimo. Invece di una decisione immediata, c'è stato un succedersi di reazioni. Il ministro Gilad Erdan ha detto che Airbnb promuove gli affitti in paesi dittatoriali. L’elenco della compagnia lo conferma e mostra anche che opera in un certo numero di paesi che non riconoscono Israele. Il ministro Ayelet Shaked ha affermato che Israele potrebbe fare una causa a Airbnb. Può essere possibile, ma richiederà molto tempo. Il ministro del turismo Yariv Levin ha affermato che Israele imporrà restrizioni sulle operazioni di Airbnb in Israele, ma la cui natura non è stata specificata. Ha aggiunto che il governo incoraggerebbe gli ospiti negli insediamenti in Giudea e Samaria per fare poi causa alla società e farla "pagare" per la sua decisione. Il Simon Wiesenthal Center si è espresso a favore del boicottaggio della compagnia dicendo: "Prendiamo nota del fatto che Airbnb non ha problemi a fare affari nel territorio dell'Autorità Palestinese, che nomina scuole e centri commerciali in onore degli assassini di massa che hanno ucciso civili innocenti e hanno una politica definita "paga per uccidere" quando si tratta di uccidere ebrei ". Sui social media molti altri hanno chiesto di boicottare Airbnb.

Immagine correlata
Nazisti e BDS: diverse epoche, lo stesso obiettivo

Un'analisi del business internazionale di Airbnb mostra che la compagnia ha dato origine molti avversari e nemici. Gli hotel hanno perso affari a causa degli affitti Airbnb. Le carenze di abitazioni sono state aggravate in molte città, con conseguente aumento dei prezzi degli immobili. Chi affitta per periodi lunghi ha difficoltà a trovare appartamenti perché i proprietari guadagnano di più con affitti a breve termine. Le zone centrali sono state sommerse dai turisti e stanno cambiando la loro immagine. In alcune zone della città è aumentata la criminalità. Molti inquilini degli immobili dove ci sono affitti Airbnb sono contrari alla concessione delle chiavi dello stabile, per motivi di sicurezza e per i comportamenti maleducati di alcuni. Le autorità si rendono anche conto che molti di quelli che affittano evadono le tasse non segnalando il reddito da locazione. New York è il secondo mercato più grande di Airbnb. È una delle numerose città americane in cui sono state messe in atto misure contro Airbnb e altre società di noleggio a breve termine. Il sindacato dei lavoratori degli hotel ha commissionato uno studio alla School of Urban Planning alla McGill University, dal quale si evince che quasi la metà delle entrate derivanti dalle locazioni Airbnb della città di New York riguarda il 10% degli ospiti della città. Pertanto, solo poche persone beneficiano in modo sostanziale dell'attività di noleggio a breve termine. All'inizio di quest'anno, un rapporto dell'istituto di controllo della città di New York ha rilevato che Airbnb stava contribuendo alla crisi abitativa della città. A San Francisco migliaia di ospiti hanno smesso di affittare appartamenti dopo l'entrata in vigore delle nuove leggi sulla registrazione degli affitti. Alla fine dello scorso anno, Seattle ha richiesto ai proprietari di richiedere la licenza e ha proibito il noleggio di più di due unità per ospite. Questo mese il Consiglio comunale di Washington ha votato all'unanimità per imporre limiti stretti alle società di noleggio a breve termine. Anche altre città degli Stati Uniti e Vancouver in Canada hanno adottato misure per ridurre gli affitti a breve termine. Le stesse misure stanno per essere prese ovunque. In Europa, varie città hanno adottato misure che danneggiano Airbnb e altre società di noleggio a breve termine. Barcellona richiede ai proprietari di appartamenti che affittano per brevi periodi di registrarsi e a Airbnb di fornire informazioni sui clienti. Se non lo rispetta, la compagnia verrà multata di 600.000 Euro. A Parigi, il più grande mercato di Airbnb al mondo, verranno imposte pesanti multe alle società che gestiscono affitti senza una licenza governativa. Inoltre, coloro che gestiscono affitti per più di 120 giorni all'anno saranno fortemente tassati. A Londra il limite di noleggio è di 90 giorni all'anno. Una delle principali destinazioni turistiche spagnole, Palma di Maiorca, proibisce del tutto il noleggio a breve termine. Nei Paesi Bassi, Airbnb ha subito un'enorme pubblicità negativa da parte dei media. Il famoso comico Arjen Lubach ha dedicato uno dei suoi programmi TV molto popolari a criticare il modo di operare di Airbnb, le sue pubblicità e ridicolizzando il suo fondatore. Un video mostrava gli inquilini che si lamentavano dei clienti Airbnb ubriachi che avevano perso la chiave e dormivano nei pianerottoli dell'edificio o che vomitavano e urinavano nei corridoi. Il 1 ° gennaio 2019, il limite per i noleggi a breve termine ad Amsterdam sarà dimezzato da sessanta giorni all'anno a trenta. Ci sono state anche segnalazioni in Israele che mentre i turisti godono di tariffe vantaggiose, i residenti locali si lamentano per il rumore, il traffico e la mancanza di alloggi, mentre gli ospiti Airbnb disturbano il vicinato con feste, ubriachi e con consumo di droghe. Mentre il governo israeliano si prepara ad agire contro Airbnb, dovrebbe tener conto del fatto che si tratta di una compagnia che è sotto accusa in molte parti del mondo. Nel frattempo, gli amici di Israele in tutto il mondo possono aiutare a rafforzare le limitazioni a Airbnb con coinvolgendo i comuni della città in cui vivono. Il consiglio comunale di Beverly Hills è stato il primo a decidere che Airbnb non era più il benvenuto a causa della sua decisione anti-israeliana. È fondamentale che Airbnb subisca un danno duraturo anche se deciderà di annullare il boicottaggio di Giudea e Samaria. La campagna contro Airbnb avrà quindi un effetto moltiplicatore e altre aziende ci penseranno due volte prima di prendere in considerazione boicottaggi simili. L'affare Airbnb ancora una volta sottolinea come una azienda che pratica propaganda anti-israeliana debba essere combattuta con decisione.

Risultati immagini per manfred gerstenfeld
Manfred Gerstenfeld è stato insignito del “Lifetime Achievement Award” dal Journal for the Study of Antisemitism, e dall’ International Leadership Award dal Simon Wiesenthal Center. Ha diretto per 12 anni il Jerusalem Center for Public Affairs.


Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT