martedi` 11 dicembre 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Parla il Gen. Yossi Kuperwasser: 'Ecco le prospettive strategiche per il Medio Oriente' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Manfred Gerstenfeld
Israele, ebrei & il mondo
<< torna all'indice della rubrica
Senza ebrei, l’Europa sarà la stessa? 22/11/2018

Senza ebrei, l’Europa sarà la stessa?
Analisi di Manfred Gerstenfeld

(Traduzione di Angelo Pezzana)

Immagine correlata

 Il cancelliere austriaco Sebastian Kurz ha recentemente dichiarato: "L'Europa senza ebrei non può essere Europa". Il suo paese detiene attualmente la presidenza del Consiglio dell'Unione europea fino alla fine di quest'anno. In Austria, a Vienne, nei giorni 20-21 novembre si è tenuta sta una conferenza sull'antisemitismo congiuntamente con il Congresso ebraico europeo. La dichiarazione di Kurz dovrebbe essere esaminata attentamente. Dalla seconda guerra mondiale in poi, gli ebrei hanno nuovamente ricoperto posizioni di rilievo in numerosi paesi dell'Europa occidentale. Francia, Austria e Svizzera hanno avuto primi ministri ebrei. Il Belgio ha avuto un vice primo ministro ebreo. Ci sono stati ministri ebrei nel Regno Unito, in Francia, in Irlanda, in Italia, in Danimarca e nei Paesi Bassi. Il Regno Unito e la Francia hanno attualmente ministri ebrei. Nel Regno Unito, sia i partiti conservatori che i laburisti hanno avuto leader ebrei, al governo o all’opposizione. C'è qualcosa di specificamente ebraico nel modo in cui questi politici hanno svolto i loro compiti? Se si ipotizza teoricamente che tutti gli ebrei lasceranno l'Europa, cosa succederà nel continente? I posti di lavoro detenuti dagli ebrei verrebbero occupati da altri. Allo stesso modo altri potrebbero continuare parte delle attività gestite prima dagli ebrei. Altri vivranno nelle case precedentemente occupate da ebrei. L'assenza di alcuni ebrei potrebbe essere avvertita per alcuni anni. L'occupazione tedesca di molti paesi europei durante la seconda guerra mondiale ha dimostrato che le società possono continuare a funzionare quasi con pochi cambiamenti senza ebrei. Allora gli ebrei vennero espulsi rapidamente. Oggi la loro partenza è improbabile che sia totale, ma piuttosto sarebbe graduale. Se si vuole analizzare se l'Europa senza ebrei sarà effettivamente ancora la stessa Europa o no, bisogna investigare guardare verso altre direzioni. Un importante ruolo simbolico tradizionale per gli ebrei è stato l’essere un capro espiatorio delle società europee. Oggi è condiviso con gli immigrati. Se gli ebrei dovessero partire, i musulmani radicali e gli estremisti di destra dovrebbero sfogare la loro violenza esclusivamente su altri. Avere ebrei che vivono nelle società europee rende più visibile il riconoscimento dell’antisemitismo. Eppure sappiamo che non è necessaria una presenza ebraica perché ci sia antisemitismo. Inoltre, molti stereotipi e menzogne contro gli ebrei sono ora rivolti contro Israele. Gli accadimenti e i nomi di Shylock e Rothschild sono fortemente radicati nella cultura europea e rimarranno così a lungo anche dopo l'ipotetica partenza dell'ultimo ebreo. Un altro importante ruolo simbolico che gli ebrei svolgono in Europa è l’essere un indicatore della salute democratica del paese. Questo è particolarmente vero in Germania. Se tutti gli ebrei dovessero lasciare quel paese significherebbe che la società tedesca e la sua cultura sono in seri guai. La presenza di oltre centomila ebrei legittima la democrazia tedesca. Sia nel 2015 che nel 2016 il primo ministro francese Emanuel Valls - allora ancora un socialista - disse: "Senza gli ebrei francesi la Francia non sarà più la Francia". Lo dichiarò dopo l'omicidio da parte di un musulmano di quattro ebrei in un supermercato ebraico parigino. Da allora, decine di migliaia di ebrei sono emigrati, un indicatore parziale del problema irrisolvibile dell’ antisemitismo francese. Un sondaggio del Jewish Chronicle ha rilevato che il 40% degli ebrei britannici prendono in seria considerazione l'idea di lasciare il Regno Unito se il leader laburista e simpatizzante del terrorismo Jeremy Corbyn diventasse primo ministro. Anche se ciò dovesse accadere, è improbabile che assisteremo a un massiccio esodo di ebrei britannici. Tuttavia, pensare di andarsene è già un indicatore di forte preoccupazione. Gli ebrei costituiscono meno dello 0,2% della popolazione della Svezia, tuttavia sono un indicatore importante dello stato di diritto traballante in questo paese ultraliberale. La Svezia è l'unico paese in Europa in cui una comunità ebraica, quella nella città di Umea, ha deciso di sciogliersi a causa di minacce neonaziste. Un bel po 'di altri esempi di antisemitismo possono essere citati come indicatori del cattivo stato di ordine pubblico della Svezia. Nell'assunto immaginario che non rimarranno ebrei viventi in Europa, rimarranno molti ebrei morti. Questi sono spesso più graditi di quelli viventi. I cimiteri ebraici rimarranno. Ce ne sono più di mille nella sola Polonia. In alcune zone, le ceneri degli ebrei bruciati sono inestricabili. Dopo l'Olocausto, molti edifici sinagogali di comunità distrutte furono destinati ad altri usi. Lo stesso può accadere con molti degli edifici ebraici esistenti. È improbabile che la maggior parte delle strade intitolate agli ebrei vengano rinominate. I monumenti dell'Olocausto non saranno necessariamente abbattuti. Le visite ad Auschwitz e ad altri campi di sterminio possono continuare. Uno non ha bisogno di ebrei per commemorare la Kristallnacht o l'International Holocaust Memorial Day ogni anno. Ci sono leader europei oltre al cancelliere Kurz che usano una forte retorica contro l'antisemitismo. Questo potrebbe far sentire bene alcuni ebrei. Se queste affermazioni significano qualcosa nella pratica resta da vedere e richiede un'indagine dettagliata. Molto più importanti sono i risultati della prossima conferenza di Vienna. Un certo numero di raccomandazioni necessarie può essere facilmente definito. Questi includono l'arresto del processo di immigrazione di antisemiti aggiuntivi in ​​Europa, l'istituzione di un sistema uniforme di segnalazione di incidenti antisemitici in tutte le E.U. paesi, e la realizzazione di uno studio affidabile sulle esperienze antisemite degli ebrei. Lo studio attualmente condotto dalla FRA, l'Agenzia europea per i diritti fondamentali, non può essere accurato. Inoltre, i commissari antisemitismo dovrebbero essere nominati in tutte le E.U. paesi, usando l'esempio tedesco. Inoltre, il numero di dipendenti che lavorano per il commissario UE per antisemitismo dovrebbe essere notevolmente aumentato. Molte altre raccomandazioni possono essere fatte. La dichiarazione del cancelliere Kurz era indubbiamente ben intenzionata. Tuttavia, se e quando l'ultimo ebreo lascia l'Europa o muore, ne deriverebbe un cambiamento rilevante e conveniente: l'irrisolvibile battaglia dell'Europa contro l'antisemitismo potrebbe essere abbandonata. Gli ebrei costituiscono meno dello 0,2% della popolazione della Svezia, tuttavia sono un indicatore importante dello stato di diritto traballante in questo paese ultraliberale. La Svezia è l'unico paese in Europa in cui una comunità ebraica, quella della città di Umea, ha deciso di sciogliersi a causa di minacce neonaziste. Un bel po 'di altri esempi di antisemitismo possono essere citati come indicatori del cattivo stato dello Stato di diritto della Svezia. Se immaginiamo che non rimarranno ebrei in Europa, ne rimarranno molti di ebrei morti, spesso considerati meglio di quelli vivi. I cimiteri ebraici rimarranno. Ce ne sono più di mille nella sola Polonia, dove in alcune zone, le ceneri degli ebrei sterminati sono incancellabili. Dopo la Shoah, molte sinagoghe vennero distrutte o destinate ad altri usi. Lo stesso può accadere con molti degli edifici ebraici esistenti. È probabile che la maggior parte delle strade intitolate a ebrei verranno rinominate. I monumenti in ricordo della Shoah non saranno necessariamente abbattuti. Le visite ad Auschwitz e ad altri campi di sterminio potranno continuare. Non c’è bisogno degli ebrei per commemorare Kristallnacht o l'International Shoah Memorial Day ogni anno. Ci sono leader europei oltre al cancelliere Kurz che usano toni forti contro l'antisemitismo. Questo potrebbe giovare all’importanza di combattere l’antisemitismo. Se queste affermazioni significano qualcosa nella pratica resta da vedere e richiederebbe un'indagine dettagliata. Molto più importanti sono i risultati della Conferenza di Vienna. Un certo numero di raccomandazioni necessarie può essere definito fin da ora. Ad esempio l'arresto dell’ immigrazione in Europa di migranti da paesi antisemiti, l'istituzione di un sistema comune di segnalazione di incidenti contro gli ebrei in tutti i paesi europei, la realizzazione di uno studio affidabile sulle esperienze di antisemitismo vissute dagli ebrei. Lo studio attualmente condotto dalla FRA, l'Agenzia europea per i diritti fondamentali, non può essere più accurato. Inoltre, i commissari preposti al monitoraggio dell’antisemitismo dovrebbero essere presenti in tutti i paesi UE, usando come esempio il lavoro del commissario tedesco. Dovrebbe essere aumentato il numero dei dipendenti che lavorano nella struttura del commissario. Queste sono alcune delle raccomandazioni. La dichiarazione del cancelliere Kurz era indubbiamente ben intenzionata. Tuttavia, se e quando l'ultimo ebreo lascia l'Europa o muore, ne deriverebbe un cambiamento risolutivo: l’eterna battaglia dell'Europa contro l'antisemitismo potrebbe avere fine

Risultati immagini per manfred gerstenfeld
Manfred Gerstenfeld è stato insignito del “Lifetime Achievement Award” dal Journal for the Study of Antisemitism, e dall’ International Leadership Award dal Simon Wiesenthal Center. Ha diretto per 12 anni il Jerusalem Center for Public Affairs.


Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT