domenica 16 dicembre 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Parla il Gen. Yossi Kuperwasser: 'Ecco le prospettive strategiche per il Medio Oriente' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Manfred Gerstenfeld
Israele, ebrei & il mondo
<< torna all'indice della rubrica
Quali leader stranieri dovrebbero essere ricevuti in Israele? 04/08/2018

Quali leader stranieri dovrebbero essere ricevuti in Israele?
Analisi di Manfred Gerstenfeld

(Traduzione di Angelo Pezzana)

Immagine correlata
Viktor Orban

Ci sono state diverse reazioni negative in Israele all'accoglienza del primo ministro ungherese Viktor Orban, ricevuto durante la sua recente visita. Tra gli argomenti addotti vi era la riabilitazione da parte di Orban del leader antisemita ungherese e alleato di Hitler, l'Ammiraglio Miklós Horthy. Ci sono state anche critiche sull’ illiberalismo di Orban e sull'antisemitismo in Ungheria. Nel luglio di ottanta anni fa, si svolse la conferenza di Evian per discutere del destino dei profughi ebrei, che non avevano nessun luogo dove fuggire. Tranne la Repubblica Dominicana, nessun paese era disposto ad accettarli. Le democrazie in quel momento non erano disponibili, gli altri paesi diedero risposte anche peggiori. Quelle Democrazie e altri stati sono ancora in parte sulle stesse posizioni, anche in modo diverso da allora, a causa della presenza di nuovi organismi sovranazionali. Ad esempio, il voto all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite su Israele che non segue la definizione principale di antisemitismo - quella dell'Alleanza Internazionale per la Memoria della Shoah (IRHA) - porta alla conclusione che l'ONU è spesso un'istituzione antisemita. Alla luce dei commenti superficiali contro la visita di Orban, vale la pena tentare di stabilire criteri politici più razionali - oltre alle considerazioni economiche - per accogliere i leader di stato in visita. Questi criteri possono essere: il governo del leader in visita sostiene finanziariamente l'Autorità palestinese che gli consente di liberare altri fondi per pagare gli assassini degli israeliani e delle loro famiglie, ma anche questo paese vota contro Israele alle Nazioni Unite e nella UE ? Oppure interferisce negli affari interni di Israele? Altro criterio, ha lasciato entrare un numero enorme di musulmani senza escludere tra loro gli antisemiti? Gli ebrei nel paese del leader sono vittime di violenze? Il leader si è espresso con toni negazionisti verso la Shoah? Ci possono essere altri criteri: Quando i leader stranieri visitano Israele, visitano anche l'Autorità Palestinese mettendola così allo stesso livello dello stato ebraico? E il loro governo sostiene le organizzazioni che promuovono il BDS? Man mano che aumenta il livello di sofisticazione in questo processo investigativo, si possono assegnare pesi diversi alle varie categorie elencate. 1648/5000 Il rimprovero sulla riabilitazione di Horthy, l'antisemita che guidò il paese dal 1920 al 1944, è giustificato. Horthy ha applicato misure antisemitiche già prima della Seconda Guerra Mondiale. Tuttavia, l'Ungheria non finanzia oggi l'Autorità palestinese, di solito non vota contro Israele in istituzioni sovranazionali, non ha accolto i rifugiati musulmani e quindi ha evitato l'arrivo di fanatici antisemiti. C'è un considerevole pregiudizio verbale contro gli ebrei in Ungheria, ma poca o nessuna violenza contro di loro. Il governo di Orban non interferisce nella politica interna di Israele. Il Primo Ministro ungherese non visita l'Autorità Palestinese. Per quanto ricordo le sinagoghe a Budapest che ho visitato non hanno bisogno di guardie di sicurezza. Il governo ungherese non finanzia le istituzioni che sostengono il BDS. Israele accoglierebbe invece volentieri il primo ministro francese Edouard Philippe. Molto probabilmente i politici di opposizione israeliani che si schieravano contro Orban rimarrebbero in silenzio. Sulla maggior parte degli altri criteri di cui sopra - fatta eccezione per la negazione della Shoah - la realtà della Francia è molto più negativa di quella dell'Ungheria.

Immagine correlata

La Francia è il paese dell'Europa occidentale dove la maggior parte degli omicidi di ebrei hanno avuto luogo per ragioni ideologiche in questo secolo. Nessun paese dell'Europa occidentale ha una percentuale così significativa di ebrei emigrati come la Francia. Non è necessario simpatizzare con Orban per dargli il benvenuto. Come si può non essere d’accordo con il carattere illiberale del suo governo. Si dovrebbe anche cercare di prevenire ulteriori distorsioni sulla storia della Shoah. Invece si chiudono gli occhi sul comportamento della Francia, accogliendo cordialmente un primo ministro francese. Si possono applicare gli stessi criteri anche ai Paesi Bassi. Il governo olandese accetta oggi la distorsione della Shoah anche se in modo indiretto. Durante l’occupazione nazista, il governo legale in esilio a Londra era totalmente disinteressato al destino degli ebrei perseguitati. Non ha mosso un dito. L'Olanda è l'unico paese dell'Europa occidentale che non ha ammesso i suoi comportamenti in tempo di guerra. Al contrario di diversi leader ungheresi che hanno ammesso le loro colpe sulla Shoah, incomparabilmente più gravi. Orban, ad esempio, ha denunciato l'alleanza dell'Ungheria con la Germania durante la guerra. Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu definisce il Primo ministro olandese Mark Rutte "un grande amico di Israele". Se consideriamo i criteri sopra indicati, si tratta di un giudizio immeritato.

Il governo olandese ha recentemente dichiarato che non è giusto per Israele detrarre denaro di quanto spetta all'Autorità palestinese, anche se va a finanziare gli assassini di israeliani. Il solo fatto che Israele paghi indirettamente gli assassini dei propri cittadini sarebbe di per sè un valido motivo per giudicarlo illegale. In base ai criteri di cui sopra, l'Olanda emerge in modo più negativo rispetto all'Ungheria. Il fatto che di solito sia più piacevole essere una vacanza nei Paesi Bassi piuttosto che in Ungheria non è rilevante in questo contesto. Si potrebbe continuare a indagare su altri paesi membri della UE. Il primo ministro austriaco Sebastian Kurz ha visitato Israele di recente. Il suo paese è abbastanza amico per la maggior parte dei criteri elencati. Eppure il vice-premier del governo austriaco è del Partito della Libertà (FPÖ), che ha origini naziste. Il suo leader Heinz-Christian Strache ha chiesto il divieto della macellazione degli animali secondo la religione ebraica. È importante ora, non analizzare tutti i membri della UE, ma dimostrare una metodologia che consenta di valutare meglio quella usata dagli oppositori politici alla visita di Orban. Per concludere la classifica: paradossalmente la Repubblica Ceca probabilmente è la più criticata, mentre la Svezia è all’ultimo posto della lista.

Risultati immagini per manfred gerstenfeld
Manfred Gerstenfeld è stato insignito del “Lifetime Achievement Award” dal Journal for the Study of Antisemitism, e dall’ International Leadership Award dal Simon Wiesenthal Center. Ha diretto per 12 anni il Jerusalem Center for Public Affairs.


Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT