mercoledi` 12 dicembre 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Parla il Gen. Yossi Kuperwasser: 'Ecco le prospettive strategiche per il Medio Oriente' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Manfred Gerstenfeld
Israele, ebrei & il mondo
<< torna all'indice della rubrica
Le sfide degli ebrei americani 01/08/2018

Le sfide degli ebrei americani
Manfred Gerstenfeld intervista Steven Bayme

(Traduzione di Angelo Pezzana)

Immagine correlata
Steven Bayme

Steven Bayme è direttore della rivista Jewish Life dell’ American Jewish Committee. Attualmente ricopre il ruolo di Visiting Professor presso la Yeshivat Chovevei Torah. I suoi volumi pubblicati comprendono Understanding Jewish History: Texts and Commentary; Argomenti ebraici e discussioni; e analisi varie sulla società ebraica americana contemporanea.

"Ci sono più di sei milioni di ebrei negli Stati Uniti. I numeri sarebbero considerevolmente più alti, ma oltre due milioni di adulti con un genitore ebreo non si auto-definiscono più come ebrei. Se si può parlare di ebrei americani in senso collettivo, rimane una comunità ebraica forte e prospera, che per molti versi suscita l'invidia di altri gruppi etnici e religiosi americani.

Immagine correlata

"Nessuna società nella storia ebraica della Diaspora ha accolto con favore la partecipazione ebraica come gli Stati Uniti. Gli anni dell'Amministrazione Clinton hanno segnato il crollo di ogni rimanente barriera alla partecipazione ebraica in quasi tutti i settori della società americana. L'amministrazione ha smesso di contare quanti ebrei vi lavorano. "

"Il matrimonio misto è il principale barometro dell'assimilazione. Non è affatto la causa primaria, che include la debole educazione ebraica e la travolgente attrattiva dei valori e delle norme culturali americane. Costruire un'identità ebraica distintiva dal forte carattere comporterà una notevole dissonanza con norme americane altrimenti attraenti.

"I tassi di non partecipazione e di matrimonio misto sono ai massimi storici. Nell'ambito dell’ ebraismo riformato, oltre l'80% di coloro che si sono sposati dal 2000 hanno scelto partner non ebrei. Mentre la conversione all'ebraismo è diventato prassi abituale, per cui costituisce l'unico risultato migliore rispetto al matrimonio misto. La sfida del matrimonio misto riguarda principalmente la seconda e la terza generazione, che cessano raramente di identificarsi come ebrei. Ma la riuscita trasmissione dell'identità ebraica ai figli e ai nipoti rimane una proposta presente in molti casi.

"La seconda sfida è mantenere e sostenere la relazione USA-Israele. La causa di Israele rimane ampiamente popolare in America. Tuttavia, il sostegno a Israele trova difficoltà tra le élites: il mondo accademico, i media e alcuni gruppi etnici e religiosi, mentre in passato la causa di Israele ha avuto successo su basi bipartisan, che oggi è a rischio. Se la difesa di Israele viene identificata principalmente con i repubblicani, le relazioni tra Stati Uniti e Israele diventano difficili quando al governo ci sono i democratici.

"Una terza sfida: gli ebrei americani avevano vissuto un declino dell'antisemitismo per alcuni decenni. Gli anni recenti, tuttavia, hanno visto una forte crescita delle iniziative antisemite. A destra, i gruppi estremisti si sentono più liberi di esprimere opinioni contro gli ebrei e persino attacchi alla persona. A sinistra, l'antisionismo diventa spesso antisemitismo.

"Gli ebrei americani sono vigili riguardo all'antisemitismo. Semmai, il pericolo diventa troppo spesso un gridare lupo. È necessario distinguere tra le critiche legittime e le espressioni di pregiudizio e bigottismo. Molto di ciò che passa per una critica dura di Israele, specialmente nel mondo accademico, è rappresentato da persone che si sentono completamente a proprio agio tra gli ebrei. Anche per loro, lo Stato di Israele, tragicamente, è diventato Golia piuttosto che David.

"Il movimento BDS è la fonte di diffusione dell’odio nei campus anche se non ottiene successi tangibili. Gli studenti pro-Israele possono spesso sentirsi intimiditi da dimostrazioni forti e violente, che equiparano Israele all'apartheid del Sud Africa. Alcuni intervengono,altri scelgono il silenzio. L'educazione universitaria aveva lo scopo di proporre sfide al proprio pensiero. Il dibattito su Israele nel campus, tuttavia, è diventato troppo acuto e frammentario, provocando a sua volta un notevole disagio tra gli studenti ebrei americani più impegnati.

"Il numero di ebrei che sono rimasti impigliati nella rete del BDS e altri argomenti anti-Israele è relativamente piccolo. Sono però usati quali testimoni, una copertura ebraica per i ben più numerosi detrattori non ebrei di Israele. Per la maggior parte degli ebrei del campus, la sfida critica rispetto a Israele è di indifferenza piuttosto che di ostilità.

"Per quanto riguarda il comportamento politico ebraico, dal 1928 la regola generale è stata che gli ebrei votavano per il candidato più liberale, a condizione che non fosse ostile a Israele. L'impopolarità del presidente Donald Trump deriva in parte dalle sue politiche più conservatrici e in parte dall'immagine che proietta. Gli ebrei voteranno per il candidato considerano più educato, liberale, intellettuale e di larghe vedute. Trump spesso proietta l'antitesi di queste caratteristiche.

"Nonostante il continuo dibattito tra gli esperti di scienze sociali, la distanza da Israele è abbastanza tangibile in alcune parti dell'ebraismo americano. Lo si percepisce tra la generazione più integrata dovuta all'assimilazione. Distaccarsi da questioni di natura ebraica generalmente collima con l'allontanamento da Israele. Tuttavia, anche tra i settori altamente impegnati e attivi della vita ebraica, è possibile rilevarlo, anche se questi ebrei stanno elaborando identità ebraiche positive. Tuttavia, Israele rimane un argomento di discussione altamente esplosivo, quasi tossico.

"Gli ebrei riformati rimangono la componente più numerosa, corrispondente a oltre un terzo degli ebrei americani adulti. I conservatori sono circa il 18% e gli ortodossi il 10%. Questi numeri rappresentano l'autoidentificazione piuttosto che una affiliazione formale con istituzioni e sinagoghe. L'ortodossia e i settori non classificabili crescono, ma la spina dorsale delle istituzioni ebraiche si divide tra conservatori e riformatori

"Ad oggi, il movimento di riforma ha mantenuto il proprio valore numerico perché si è dimostrato molto recettivo per quanto riguarda i matrimoni misti. Se varrà anche per la prossima generazione è una questione aperta, dato che figli e nipoti di famiglie miste tendono a ripetere le stesse scelte a tassi ancora più alti.

"All'interno degli ebrei conservatori, la contrazione è diventata evidente dal punto di vista istituzionale, con la chiusura di alcune sinagoghe e scuole di Solomon Schechter. Ad oggi, la rete di istituzioni costruite nel corso del 20 ° secolo ha reso l'ebraismo americano la comunità più organizzata e con maggiori risorse nella storia ebraica. Se ciò continuerà mentre i numeri diminuiscono e le istituzioni perdono parte del loro carattere distintivo è una sfida per il futuro.

"La rinascita dell'ortodossia è una delle grandi storie di successo degli ebrei americani. Invece di sottomettersi agli alti e bassi della storia, i leader ortodossi si sono impegnati a ricostruire le loro comunità. Sono riusciti oltre le aspettative, aprendo la società ebraica americana al futuro. Mentre l'ortodossia costituisce solo il 10% degli ebrei adulti, il 35% dei bambini sotto i cinque anni crescono educati in modo ortodossi. Se la difesa di Israele diventa una causa solo ortodossa, il pericolo è che sarà molto più facile respingere le voci pro-Israele come non rappresentative della comunità ebraica americana.

"Le distinzioni tra ortodossia moderna e ultra-ortodossia sono sfumate e spesso sfocate. Gli ultra-ortodossi stanno diventando più moderni nel senso che le esigenze economiche richiedono l'acquisizione di un'educazione laica. Al contrario, l'Ortodossia moderna si è spostata verso destra in termini di maggiore osservanza religiosa, politica conservatrice e limitazione dell'educazione laica principalmente a fini utilitaristici. Ci sono settori all'interno dell'Ortodossia moderna che hanno resistito a questa deriva. La maggior parte si è coalizzata attorno a nuove istituzioni e seminari rabbinici; altri si sono riuniti in una "Ortodossia sociale", che mantiene alti livelli di osservanza senza sottoscrivere tutte le credenze e le norme ortodosse.

"Gli studi sulla popolazione ebraica nazionale del 1990 e del 2000 e il rapporto Pew del 2013 hanno dimostrato che la storia del rinnovamento ebraico coesiste con la storia dell'assimilazione. La nostra sfida per il futuro è il rafforzamento delle forze per il rinnovamento - e si verificano in ogni settore della vita ebraica americana - e sta riducendo le forze dell'erosione e della dissoluzione.

Risultati immagini per manfred gerstenfeld
Manfred Gerstenfeld è stato insignito del “Lifetime Achievement Award” dal Journal for the Study of Antisemitism, e dall’ International Leadership Award dal Simon Wiesenthal Center. Ha diretto per 12 anni il Jerusalem Center for Public Affairs.


Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT