venerdi 22 novembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Chi sono veramente i palestinesi? Lo spiega lo storico Benny Morris (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Manfred Gerstenfeld
Israele, ebrei & il mondo
<< torna all'indice della rubrica
Ecco gli antisemiti più pericolosi 24/06/2018

Ecco gli antisemiti più pericolosi
Analisi di Manfred Gerstenfeld

(Traduzione di Angelo Pezzana)

Immagine correlata
Immagine correlata

Nei secoli passati identificare i principali antisemiti del mondo non era un problema. Per quanto riguarda il classico antisemitismo religioso, la Chiesa cattolica ha dominato questo tipo di odio per gli ebrei. In tutte le generazione gli ebrei sono stati accusati di essere responsabili dell'uccisione del presunto figlio di Dio, Gesù, una solenne menzogna. Solo i romani - durante la loro occupazione della Giudea - potevano condannare qualcuno a morte e poi eseguire l'esecuzione. 
Inoltre, ritenere le persone responsabili di ciò che hanno fatto i loro antenati è una continuazione dell'odio che, se applicato sistematicamente, avvelena ogni società. 
Alcuni leader protestanti si sono uniti agli antisemiti cattolici, Martin Lutero è stato tra i peggiori. 

Vi è un secondo tipo di odio contro gli ebrei, sviluppatosi nel diciannovesimo secolo: l’antisemitismo etnico / nazionalista. In questo campo la Germania non ha avuto concorrenti quando, con l'aiuto degli alleati europei, ha dato origine alla Shoah. 

Nelle società odierne ideologicamente frammentate, le fonti di antisemitismo sono molte. Identificarle aiuta a capire la gravità di quanto è avvenuto.
Le principali includono l'antisemitismo musulmano, l'antisemitismo di destra e di sinistra e l'anti-israelismo. 

Un discorso pronunciato nel 2003 durante la sessione di apertura del decimo vertice dell'Organizzazione della cooperazione islamica (IOC) tenuta a Putrajaya, in Malesia dal primo ministro della Malesia, Muhammed Mahathir,rivela il suo odio ossessivo per gli ebrei. Mahathir aveva impostato i rapporti tra musulmani ed ebrei come uno scontro frontale mondiale: "1,3 miliardi di musulmani non possono essere sconfitti da pochi milioni di ebrei". All'incontro avevano partecipato leader di 57 paesi che rappresentano quasi l'intero mondo musulmano. Tutti hanno applaudito il suo discorso. 

Il mega-antisemitismo musulmano porta al genocidio. I leader iraniani lo promuovono apertamente contro lo stato ebraico. Sono anche responsabili per il più grande attacco terroristico contro gli ebrei nel periodo post-2a guerra mondiale che ha avuto luogo presso l'edificio Amia a Buenos Aires nel 1994. 

Anche Hamas e Hezbollah promuovono l'antisemitismo genocida. Va ricordato che tutti gli omicidi di ebrei in questo secolo in Europa sono stati commessi da musulmani. Niente è paragonabile all' odio fanatico contro gli ebrei e Israele che contraddistingue il mondo musulmano. Non ci sono altri capi di stato, di destra o di sinistra, che promuovono il genocidio di ebrei e Israele in un modo più fanatico in tutto il mondo.

L’antisemitismo di destra si manifesta anche fra chi non ha funzioni governative. Il movimento greco Alba Dorata non è mai stato al potere. Alcuni dei suoi leader sono in prigione e la Grecia non è oltre a tutto un paese con grande influenza. 
In Ungheria, Il partito Jobbik sta cercando di diventare più moderato al fine di allargare il proprio bacino elettorale. 

L'anti-israelismo è il terzo tipo di antisemitismo. Nell’estrema sinistra molti vorrebbero la scomparsa di Israele. Questo può accadere solo attraverso il genocidio. Una importante corrente di pensiero nella sinistra giudica il mondo diviso tra oppressori e oppressi. Gli oppressori sono presumibilmente tutti bianchi tra cui Israele e gli ebrei. Queste persone ignorano intenzionalmente una verità facile da conoscere: la maggior parte delle persone uccise in conflitti armati in questo secolo è formata da musulmani uccisi da altri musulmani. 
Questi gruppi sono rari fra i capi di stato per cui la loro influenza è trascurabile.. 

Nei governi di sinistra, invece, troviamo posizioni estreme contro Israele in molti partiti socialisti. Attualmente, il peggior esempio nelle democrazie occidentali è il Partito laburista britannico guidato da Jeremy Corbyn, un potenziale vincente nelle prossime elezioni parlamentari. Il partito laburista è tuttavia lungi dall'essere dominato dagli antisemiti. Ma la maggioranza dei membri del partito sottovalutano l’ antisemitismo.

I tre principali leader socialisti che hanno paragonato Israele ai nazisti sono morti: il primo ministro svedese, Olof Palme, il primo ministro greco Andreas Papandreou e il presidente francese, François Mitterand. 

I media sono un'altra importante fonte di antisemitismo e odio verso Israele nella sinistra . Uno dei più fanatici antisemiti europei è stato il vincitore del premio Nobel per la letteratura, Günther Grass. Questo scrittore di sinistra era in gioventù un membro delle Waffen SS. Nel 2012 ha affermato che Israele intendeva commettere un genocidio contro il popolo iraniano con bombe nucleari. Era vero invece il contrario. Infatti i leader iraniani regolarmente minacciano la distruzione di Israele. 
Un altro concorrente di Günther Grass al premio Nobel è lo scrittore portoghese, Jose Saramago, che ha accusato Israele di avere trasformato la fiorente città palestinese Ramallah in una nuova Auschwitz. In quando il passato nazista di Grass, dovettero riconoscerlo -insieme al suo antisemitismo-  persino i giornali più importanti della sinistra europea: il tedesco Süddeutsche Zeitung, l'italiano La Repubblica, il britannico Guardian, lo spagnolo El Pais, il danese Politiken, e il Aftenposten norvegese. 

In quanto all'antisemitismo cristiano contemporaneo, nel 1965, il Vaticano emanò il documento Nostra Aetate, la dichiarazione dei rapporti della Chiesa con le religioni non cristiane, che ha notevolmente ridotto l'antisemitismo cattolico. 
Un sostanziale odio antisemita, incentrato principalmente su Israele, ma a volte anche sugli ebrei, è parte del mondo protestante, anche se è difficile trovare gruppi cristiani molto importanti con posizioni estreme, come il Consiglio Mondiale delle Chiese, che diffonde odio contro Israele. Due chiese protestanti americane,  la Chiesa presbiteriana e la Chiesa unita di Cristo, promuovono il BDS. ma sono in calo e ci si aspetta che continui.
Diverse Chiese orientali possono anche essere citate quali promotori dell'odio contro gli ebrei. Non bisogna dimenticare le organizzazioni e quegli stessi ebrei su posizioni anti-israeliane. Fortunatamente, il loro numero è cosiì esiguo che la loro influenza è quasi nulla. 
Infine ci sono coloro che appoggiano indirettamente il terrorismo genocida palestinese. Tra questi, spiccano le Nazioni Unite e molte delle sue organizzazioni affiliate.

Risultati immagini per manfred gerstenfeld
Manfred Gerstenfeld è stato insignito del “Lifetime Achievement Award” dal Journal for the Study of Antisemitism, e dall’ International Leadership Award dal Simon Wiesenthal Center. Ha diretto per 12 anni il Jerusalem Center for Public Affairs.


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT