Riduci       Ingrandisci
Clicca qui per stampare

 
Manfred Gerstenfeld
Israele, ebrei & il mondo
<< torna all'indice della rubrica
Malesia: Ritorna al potere il 93enne Primo Ministro antisemita 19/06/2018

Malesia: Ritorna al potere il 93enne Primo Ministro antisemita
Analisi di Manfred Gerstenfeld

(Traduzione di Angelo Pezzana)

Immagine correlata
Mohamad Mahathir

Il 93enne Mohamad Mahathir non è più un pensionato, avendo vinto le elezioni parlamentari in Malesia è diventato di nuovo il primo ministro. Ha una lunga tradizione di dichiarazioni fanatiche antisemitiche. Una in particolare si distingue perché è stata detta in un convegno che ha visto la presenza di quasi tutti i leader musulmani. Le sue affermazioni e le reazioni internazionali che suscitano valgono la pena di essere ricordate, perché sono il ritratto di ciò che accade nelle società musulmane e rivelano i complessi atteggiamenti delle democrazie occidentali nei loro confronti. Nell'ottobre 2003 a Putrajaya, in Malesia, ha avuto luogo il decimo vertice dell'Organizzazione della Cooperazione islamica (IOC).

Immagine correlata

Erano presenti leader di 57 paesi. Mahathir, che era allora Primo Ministro della Malesia, ha attaccato il popolo ebraico e l'Occidente nel suo discorso di benvenuto. Mahathir ha presentato i rapporti tra musulmani ed ebrei come uno scontro frontale mondiale. Ha detto: "1,3 miliardi di musulmani non possono essere sconfitti da pochi milioni di ebrei, deve esserci un modo e possiamo trovarlo solo se ci fermiamo a pensare, a valutare le nostre debolezze e la nostra forza, a pianificare strategie e poi contrattaccare. Siamo in realtà molto forti: 1,3 miliardi di persone non possono essere semplicemente spazzate via. Gli europei hanno ucciso sei milioni di ebrei su 12 milioni. Ma oggi gli ebrei governano questo mondo per delega. Mandano gli altri a combattere e morire per loro ". Mahathir ha poi proseguito: "Siamo contro un popolo che pensa: sono sopravvissuti a 2000 anni di pogrom non combattendo, ma pensando: hanno inventato e promosso con successo il socialismo, il comunismo, i diritti umani e la democrazia in modo tale che sembrerebbe sbagliato perseguitarli; infatti ne deriva che possono godere di uguali diritti, arrivando controllo dei paesi più potenti. Questa piccola comunità è diventata una potenza mondiale. Non possiamo combatterli solo con la forza. Dobbiamo anche usare il nostro cervello. " L'essenza del discorso di Mahathir è una mutazione dell'estremo antisemitismo degli zaristi dei “ Protocolli degli Anziani di Sion”. Riferendosi all'Occidente, Mahathir ha detto: "Siamo tutti musulmani, siamo tutti oppressi, siamo tutti umiliati. Controlliamo 50 dei 180 paesi del mondo". Si riconosce qui la mitologia della diffusa cultura del vittimismo musulmano. Molti musulmani che vivono in paesi produttori di petrolio sono estremamente benestanti. Se una parte dei musulmani viene umiliata, è perché avviene a causa di altri musulmani. Nei decenni passati, centinaia di migliaia di musulmani sono stati assassinati da altri musulmani, in parte in guerre tra i loro paesi. La guerra Iraq-Iran degli anni '80 ne è un esempio. Inoltre molte centinaia di migliaia di persone sono morte in guerre civili. Questa è la realtà in corso in Siria. L'importanza di ciò che è accaduto nel 2003 è andato ben oltre la dichiarazione di un importante antisemita musulmano.

Il Washington Post ha riferito la standing ovation che Mahathir ha ricevuto per il suo discorso: "I sostenitori di Mahathir attaccavano il principe ereditario dell'Arabia Saudita Abdullah, il presidente pakistano Pervez Musharraf, il nostro ragazzo in Afghanistan, Hamid Karzai, e persino il russo Vladimir Putin, che opprime minoranza musulmana del suo paese. ... Ma ciò che corrompe e indebolisce vaste parti del mondo islamico non è ebraico, a New York o a Tel Aviv, ma la sua stessa guida islamica egoista e inetta” L'UE ha organizzato un summit in concomitanza con la conferenza OIC. Venne proposto di includere una condanna delle affermazioni di Mahathir nella dichiarazione finale di diciannove pagine. Secondo Haaretz, il progetto affermava: "I suoi commenti inaccettabili ostacolano tutti i nostri sforzi per un'ulteriore armonia inter-etnica e religiosa, e non hanno posto in un mondo di pace. Queste osservazioni false e antisemite sono offensive per i musulmani come lo sono per tutti gli altri." Nonostante il loro orribile passato verso gli ebrei, gli europei non potevano raggiungere l'unanimità per una forte condanna. Il presidente francese di centro-destra Jacques Chirac si è opposto a queste parole e così ha fatto il primo ministro socialista greco Costas Simitis, malgrado il fatto che Mahathir avesse attaccato a tutto campo gli ebrei, senza alcuna protesta da parte dei leader dei paesi musulmani. Finì con la dichiarazione del presidente italiano del Consiglio dell'Unione europea sul proprio sito web, dove scrisse che l'UE "ha deplorato i commenti del presidente Mahathir". Diceva anche: "Tali parole ostacolano tutti i nostri sforzi per promuovere l'armonia inter-etnica e religiosa e non hanno assolutamente alcun posto in un mondo tollerante".

Seguirono anni di deboli risposte europee all'odio antisemita fanatico dei musulmani. Mahathir però lodò Chirac, ringraziandolo per aver bloccato la dichiarazione del Vertice UE che deplorava il suo discorso. Chirac non voleva però esporsi pubblicamente con una condanna dell'antisemitismo islamico. Ha risposto perciò a Mahathir: "Le tue osservazioni sul ruolo degli ebrei hanno provocato una forte disapprovazione in Francia e in tutto il mondo". Parole chiare sono state pronunciate invece dagli Stati Uniti. Il Presidente George. W. Bush ha incontrato Mahathir al vertice Asia-Pacifico a Bangkok pochi giorni dopo, gli disse che le sue parole erano "sbagliate e divisive" aggiungendo " esprimono esattamente tutto ciò in cui non credo". Mahathir ha tuttavia negato che Bush lo abbia criticato. Mahathir aveva fatto altre affermazioni palesemente antisemitiche. Alcune sono state citate dai media occidentali in occasione del suo discorso OIC del 2003. Nel 1986, durante una riunione del Movimento dei Paesi non allineati, Mahathir dichiarò che "L'espulsione degli ebrei dalla Terra Santa 2000 anni fa e lo sterminio nazista non ha insegnato loro nulla. Più che altro, li ha trasformati in mostri, alunni del compianto dottor Goebbels. " Nel 1997, Mahathir sosteneva che il suo governo temeva che gli ebrei avessero in programma di distruggere l'economia della Malesia e quella degli altri paesi musulmani. Alla conferenza economica di Davos del 1999, accusò la complicità ebraica in reazione ai problemi economici dell'Asia. Gli odiatori più estremi contro gli ebrei e Israele non sono più da tempo una esclusiva del mondo musulmano. Basta citare un solo esempio, l'applauso che Mahathir ha ottenuto nel 2003 dai leader politici dei paesi non solo musulmani.

Risultati immagini per manfred gerstenfeld
Manfred Gerstenfeld è stato insignito del “Lifetime Achievement Award” dal Journal for the Study of Antisemitism, e dall’ International Leadership Award dal Simon Wiesenthal Center. Ha diretto per 12 anni il Jerusalem Center for Public Affairs.


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui