lunedi` 18 novembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Chi sono veramente i palestinesi? Lo spiega lo storico Benny Morris (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Manfred Gerstenfeld
Israele, ebrei & il mondo
<< torna all'indice della rubrica
L’abuso della memoria di Anna Frank 29/04/2018

L’abuso della memoria di Anna Frank 
Commento di Manfred Gerstenfeld

 (Traduzione di Angelo Pezzana)

Immagine correlata

 Probabilmente Anna Frank è diventata l’ ebrea più famosa uccisa durante la Shoah, ma  
Il suo ricordo è anche uno dei più abusati. 
Questo abuso ha una lunga storia. Nuove prove emergono frequentemente. Una tra tanti: nel gennaio 2018 la squadra di calcio italiana Lazio è stata multata di 50.000 euro dopo che i sostenitori hanno mostrato adesivi antisemiti con l’immagine di Anna Frank prima di una partita nell'ottobre 2017. 

Alla fine degli anni '80, l'allora direttore della Casa/Museo di Anna Frank ad Amsterdam non permise al regista olandese Willy Lindwer di girarvi il suo film “Gli ultimi sette mesi di Anna Frank”. Il documentario affrontava la sua sofferenza nei campi di concentramento e poi la morte a Bergen-Belsen. Il direttore disse a Lindwer: "Anna Frank è un simbolo. I simboli non dovrebbero essere mostrati mentre muoiono in un campo di concentramento. " La casa/museo di Anna Frank ad Amsterdam per decenni in molte occasioni si è prestata a scopi politici che non avevano nulla a che fare con il rispetto della sua memoria. 
La giornalista olandese, Elma Verhey, ha commentato nel 1995 il ruolo della Fondazione Anna Frank: "Non tutti gli olandesi approvano che la Casa di Anna Frank si sia trasformata in una delle più importanti attrazioni turistiche di Amsterdam. Molti ebrei olandesi evitano la Casa di Anna Frank a causa di alcuni miti creati dal suo diario. Inoltre, c'è stata la preoccupazione per il fatto che in passato la Fondazione abbia prestato più attenzione a un pugno di neonazisti in Germania, e alla situazione critica dei palestinesi, rispetto all'antisemitismo sponsorizzato dall'ex Unione Sovietica. 

Altre distorsioni della sua memoria di Anne Frank sono avvenute nei Paesi Bassi. Ad Amsterdam, nel febbraio 2007, sono apparsi dei graffiti che mostrano Anna Frank con una keffia. Nel 2008, la stessa caricatura è stata trasformata in una cartolina messa in libera vendita. Questo nonostante il fatto che il partito di maggioranza nelle uniche elezioni parlamentari palestinesi del 2006 fosse Hamas, che vuole il genocidio degli ebrei. 

Nel 2006 un gruppo musulmano olandese-belga ha pubblicato una vignetta di Anna Frank a letto con Hitler. IAnne Frank- palestinese ritorna regolarmente. Di recente è apparso su manifesti e volantini alla Wits University di Johannesburg. È stato promosso dalla Palestinian Solidarity Campaign durante l’ Israel Apartheid Week.
Nel 2017 una guida freelance presso il Centro Anna Frank di Berlino ha paragonato la sofferenza degli ebrei sotto i nazisti a quella dei palestinesi sotto il controllo israeliano. La direzione del centro ne ha poi preso le distanze. 
Una nuova opera basata su Anna Frank di Ilja Pfeiffer è stata rappresentata nei Paesi Bassi. Il dramma descrive chi si nascondeva con lei, Fritz Pfeffer- assassinato poi nella Shoah - invece di una vittima come un violento.  
Questo gioco in cui la memoria di una vittima della Soah viene diffamata è un altro esempio del parziale degrado della società olandese, il cui governo continua a non riconoscere come il governo in esilio nella seconda guerra mondiale abbia gravemente rifiutato di aiutare gli ebrei perseguitati. 

La "palestinese" Anna Frank è un'inversione della Shoah, un'altra grande distorsione è la sua de-giudaizzazione. Nel 1952 fu pubblicata una traduzione inglese del diario per il mercato americano. Si intitolava “Anna Frank: Il diario di una ragazza”. David Barnouw, un ricercatore dell'istituto olandese per la documentazione sulla guerra (NIOD), ha notato che la prefazione è stata scritta da Eleanor Roosevelt, vedova del presidente di quegli anni, Franklin Delano Roosevelt. In questo testo, i termini "ebreo" o "persecuzione" degli ebrei non sono stati mai menzionati.

Frances Goodrich e Albert Hackett hanno scritto un'opera teatrale basata sul diario, rappresentata nel 1955 a New York. Barnouw scrive: "Ovviamente l'adattamento di un libro o in questo caso un diario [in un testo teatrale] non può essere totalmente fedele all'originale. Ma il fatto che ci fosse Hitler, il nazional-socialismo e l'antisemitismo e che Anna fosse perseguitata in quanto ebrea è stato relegato in secondo piano. 
Un'opera precedente scritta da Meyer Levin aveva un contenuto molto più ebraico, ma è stata rifiutata da molti produttori ". Lo storico Tim Cole osserva: "La lezione di tolleranza contemporanea esige che le parole di Anna vengano riscritte per includere membri di" questa o quella minoranza ", ma è una presa in giro della realtà storica." Aggiunge poi "Dato il suo carattere simbolico, la Shoah rischia di diventare uno strumento popolare usato per servire ogni sorta di necessità presenti. In particolare, le esigenze del liberalismo contemporaneo, che tendono a collegarsi a una potente storia nel passato e a universalizzarla in modo da produrre una serie di lezioni universali. 

Cole conclude:" Se c'è una lezione che può essere tratta dalla Shoah è che l'ottimismo di Anne Frank era purtroppo fuori luogo. "

Steven Goldstein, il direttore di una semi sconosciuta organizzazione americana che si autodefinisce ” Centro per il rispetto reciproco di Anna Frank” attacca regolarmente Donald Trump. Ha diritto alla sua opinione, ma parlare nel nome di un centro intitolato a Anna Frank è comunque un abuso del ricordo di una persona che non può difendersi. 
In merito alla strumentalizzazione del diario come strumento per ideali "universalisti", 
dovrebbe essere menzionato anche il ruolo del padre di Anne, Otto Frank. Lo afferma Verhey, scrivendo che il padre di Anna non ha fatto nulla per combattere il mito che Anna Frank sia morta "silenziosamente nell'idea che nulla di grave le stesse accadendo".

Quanto citato è solo una piccola selezione di un enorme complesso di distorsione riguardante la giovane ebrea assassinata nella Shoah. Sfortunatamente, si può essere quasi sicuri che se questo articolo verrà aggiornato tra un anno, a partire da ora includerà una serie di nuovi esempi di abuso della memoria di Anna Frank.

Risultati immagini per manfred gerstenfeld
Manfred Gerstenfeld è stato insignito del “Lifetime Achievement Award” dal Journal for the Study of Antisemitism, e dall’ International Leadership Award dal Simon Wiesenthal Center. Ha diretto per 12 anni il Jerusalem Center for Public Affairs. 
Collabora a Informazione Corretta


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT