martedi` 19 novembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Chi sono veramente i palestinesi? Lo spiega lo storico Benny Morris (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Manfred Gerstenfeld
Israele, ebrei & il mondo
<< torna all'indice della rubrica
Islanda: una lunga storia di antisemitismo 10/04/2018

Islanda: una lunga storia di antisemitismo
Analisi di Manfred Gerstenfeld

(Traduzione di Angelo Pezzana)

Immagine correlata

Una proposta per mettere fuori legge la circoncisione maschile è stata presentata da quattro partiti nel parlamento islandese. Probabilmente mira soprattutto ai più di mille musulmani presenti nel paese. Questo è comunque un altro sviluppo negativo per gli ebrei in Europa, anche se la proposta non passerà. Con meno di 350.000 abitanti, la popolazione islandese potrebbe forse riempire un ampio quartiere in una delle principali città europee. La vita ebraica nel paese è minima - il numero di ebrei è forse di 200 - eppure l'Islanda è una destinazione significativa per i turisti israeliani ed ebrei. E’ infatti in arrivo il nuovo rabbino Chabad nella capitale Reykjavik, si occuperà della piccola comunità. Guardando indietro nella storia, è difficile trovare più di un'occasione significativa in cui l'Islanda ha svolto un ruolo positivo per Israele o per gli ebrei. Il rappresentante islandese presso le Nazioni Unite, l'ambasciatore Thor Thors, è stato il relatore per la commissione speciale sulla Palestina del 1947 (UNSCOP). Questo comitato raccomandò di dividere il mandato britannico in due stati, uno ebraico e uno arabo. Nella sua autobiografia, Abba Eban riferisce che Thors era "magnifico" nell'introdurre la raccomandazione all'Assemblea generale in cui il voto sarebbe stato preso " L'Islanda ha una storia lunga e significativa di antisemitismo. Ogni anno, durante il periodo della Quaresima prima di Pasqua, gli inni quotidiani pieni di odio per gli ebrei vengono letti da illustri cittadini e trasmessi dalla radio pubblica islandese.

Immagine correlata

Questi testi furono scritti nel 17 ° secolo - molti anni prima che arrivassero i primi ebrei nel paese - dal sacerdote cristiano, poeta e antisemita, Halgrimur Petterson. Un inno intitolato "La richiesta di crocifissione" recita: "I capi ebrei decidono tutti che Gesù deve essere crocifisso. Il Principe della Vita deve essere la loro preda. L'assassino sia liberato. " Un altro inno antisemita recita: "Cristo intervenne dalla Sala del Giudizio. La folla ebraica gridò 'Vattene!', dimostrando forte ostilità 'Deve essere crocifisso!' La giusta legge di Mosè per i giudei qui venne erroneamente applicata. Vi fu inganno, odio e orgoglio ". Nel 2012, il Centro Simon Wiesenthal ha cercato invano di fermare questa pratica odiosa. Nel 2005 l'Islanda ha deciso di concedere la cittadinanza all'ex campione mondiale di scacchi Bobby Fischer. Questo rabbioso antisemita di origini ebraiche era detenuto in una prigione giapponese, nel tentativo di evitare l’espulsione negli Stati Uniti. L'Islanda ha anche dato rifugio al criminale di guerra nazista estone Evald Mikson. Il cacciatore di nazisti degli anni '80, Ephraim Zuroff, cercò di far processare Mikson per il suo coinvolgimento nello sterminio di ebrei in Estonia, provocando numerosi attacchi dei media islandesi contro Israele. Dopo gli appelli iniziali di Zuroff Il governo del paese ha impiegato più di 10 anni per istituire una commissione di indagine sui crimini di guerra di Mikson. Solo dopo la morte di questo criminale, gli investigatori hanno scoperto che aveva effettivamente compiuto le atrocità attribuitagli. Durante il dibattito sul caso Mikson in parlamento, diversi parlamentari islandesi si sentirono in dovere di commentare il Medio Oriente e le politiche di Israele. Tra questi c'era Olafur Grimsson, all'epoca leader dell'Alleanza popolare di sinistra, che condannava gli attacchi israeliani alle città del sud del Libano e l'"omicidio" da parte di Israele del leader di Hezbollah, Abbas Musawi. Grimsson è stato Presidente dell'Islanda dal 1996 al 2016. Nel 2015, il consiglio comunale della capitale del paese, Reykjavik, decise di boicottare i prodotti israeliani. Ma il governo prese le distanze da questa decisione. Il consiglio comunale si limitò quindi a boicottare le merci provenienti dagli insediamenti. Nel 2011, il parlamento islandese è stato il primo in Europa occidentale a riconoscere uno stato palestinese. Il ministro degli Esteri di allora Ossur Skarphedinson era estremamente anti-israeliano. L'islandese Birgitta Jonsdottir è stata il primo parlamentare al mondo a incontrare i partecipanti alla fallita seconda flottiglia di Gaza. Molti casi di antisemitismo in Islanda nel corso dei secoli sono stati descritti da Vilhjalmur Orn Vilhjalmsson, uno studioso dell'atteggiamento del paese nei confronti degli ebrei e di Israele. Ha scritto che diversi membri islandesi delle SS Waffen hanno combattuto per la Germania nazista e altri hanno prestato servizio nei campi di concentramento. Vilhjalmsson sostenne che dopo la guerra, vari ex membri del partito nazista islandese “ raggiunsero rapidamente alte posizioni nella società, compresi un paio di capi di polizia, un direttore di banca e alcuni medici. " Un altro esempio di antisemitismo riguarda l’espulsione nel 1938 di un rifugiato ebreo tedesco in Danimarca, privo di mezzi. All'epoca, le autorità islandesi si offrirono di coprire tutti i costi per la sua espulsione nella Germania nazista se la Danimarca gli avesse negato l'ingresso. Decenni dopo la guerra, divennero noti casi simili Se il divieto di circoncisione maschile passa nel parlamento, potrebbe avere molte più conseguenze per gli ebrei in Europa che nella piccola comunità ebraica in Islanda. Potrebbe essere un precedente per altri paesi che stanno aspettando di vedere come si comporta l’ Islanda. In Norvegia, l'Ombudsman for Children e diversi gruppi di alto profilo hanno promosso il divieto di circoncisione maschile per diversi anni. Oggi, in Danimarca, è in corso una petizione per proporre un divieto simile. Se otterrà 50.000 firme, il parlamento dovrà sottoporlo al voto.

Risultati immagini per manfred gerstenfeld
Manfred Gerstenfeld è stato insignito del “Lifetime Achievement Award” dal Journal for the Study of Antisemitism, e dall’ International Leadership Award dal Simon Wiesenthal Center. Ha diretto per 12 anni il Jerusalem Center for Public Affairs.
Collabora a Informazione Corretta


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT