sabato 16 novembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Chi sono veramente i palestinesi? Lo spiega lo storico Benny Morris (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Manfred Gerstenfeld
Israele, ebrei & il mondo
<< torna all'indice della rubrica
La Polonia e la nuova legge sulla interpretazione della Shoah 08/03/2018

La Polonia e la nuova legge sulla interpretazione della Shoah
Analisi di Manfred Gerstenfeld

(Traduzione di Angelo Pezzana)

La nuova legge approvata in Polonia sulla Shoah e sulla sua interpretazione è un tema complesso. I polachhi si sono riesentiti giustamente quando leggevano >i campi della morte polacchi<, una definizione studiata dai dagli stessi servizi di intelligence tedeschi ex nazisti dieci anni dopo la fine della guerra. E‘ vero, campi di sterminio come Belzec, Treblinca, Sobibor a Auschwitz-Birkenau venne creati e forono operanti dagli occupanti tedesch sul suolo polacco. Fino all'inizio di questo secolo, la comune presentazione storica riguardo alla Polonia durante la seconda guerra mondiale fu che circa tre milioni di polacchi cristiani e tre milioni di ebrei polacchi furono assassinati dai tedeschi. Alcuni polacchi avevano aiutato gli ebrei a nascondersi. La resistenza polacca fornì armi ai combattenti ebrei nel ghetto di Varsavia. Probabilmente il più famoso polacco ad aiutare gli ebrei fu Jan Karski, straordinariamente coraggioso. Alla fine del 1942 riusci ad entrare di nascosto nel ghetto di Varsavia - anche dentro e fuori dal campo di transito - dove vide gli orrori subiti dagli ebrei. In seguito Karski è riuscito a recarsi a Londra dove ha consegnato un rapporto al governo polacco in esilio e alle autorità britanniche, incluso il ministro degli Esteri Anthony Eden.

Nel luglio del 1943, Karski incontrò il presidente americano Franklin D. Roosevelt, cui fornì gli stessi dati e una richiesta di intervento. La sua missione non ebbe alcun risultato. Lo storico David Bankier ha scritto che "La maggior parte delle organizzazioni clandestine polacche credevano che la Polonia post-hitleriana sarebbe stata un paese senza ebrei ... Quelli che restavano avrebbero dovuto lasciare la Polonia dopo la guerra. Questo punto di vista è stato espresso persino nell'Organizzazione >Zegota< ( il Consiglio per gli aiuti agli ebrei) istituito dalla resistenza polacca. Tra di loro c'erano persone che mettevano in pericolo la propria vita, in particolare Zofia Kossak-Szczucka, una devota cattolica, una famosa scrittrice e una dei fondatori dello Zegota. La sua convinzione che la Polonia non fosse un paese dove gli ebrei dovevano vivere è altamente indicativa dei veri sentimenti polacchi in quel momento ". Bankier continuò: "In un articolo intitolato" Chi aiutiamo? "Scritto nell'agosto del 1943, Kossak-Szczucka delineò il suo pensiero sugli atteggiamenti postbellici dei polacchi nei confronti degli ebrei:" Oggi gli ebrei devono affrontare lo sterminio. Sono vittime di ingiuste persecuzioni omicide. Devo salvarli. "Fai agli altri ciò che vorresti fosse fatto a te". Questo comandamento richiede che io usi tutti i mezzi che ho per salvare gli altri, lo stesso mezzo che userò per la mia salvezza. "'Vorrei essere sicura che dopo la guerra la situazione sarà diversa. Le stesse leggi si applicheranno all'ebreo e a me. A quel punto dirò all'ebreo: "Ti ho salvato, ti ho protetto quando eri perseguitato. Per mantenerti in vita ho rischiato la mia stessa vita e quella di coloro che mi erano cari. Ora niente ti minaccia. Hai i tuoi amici e in qualche modo stai meglio di me. Ora ti chiedo di andare e stabilirti da qualche altra parte. Ti auguro buona fortuna e sarò lieta di aiutarvi. Non ti farò del male, ma nella mia stessa casa voglio vivere da solo. E‘ mio diritto. '" All'inizio di questo secolo, sono stati scoperti ulteriori fatti che hanno portato a opinioni radicalmente nuove sulla storia della Shoah in Polonia. Lo storico americano di origine polacca, Jan Gross, ha scritto il libro, Neighbors (vicini). Raccontava la storia degli abitanti polacchi della città di Jedwabne che uccisero quasi tutti gli ebrei locali senza alcuna interferenza tedesca. Due documentari sul massacro di Jedwabne sono stati girati da Agnieszka Arnold. Le rivelazioni sugli omicidi a Jedwabne hanno causato uno shock maggiore in Polonia. L'immagine di sé della nazione fu seriamente influenzata.

C'erano anche quelli che volevano continuare a negare e imbiancare i fatti omicidi All'inizio di questo secolo, sono stati scoperti ulteriori fatti che hanno portato a opinioni radicalmente nuove sulla storia dell'Olocausto polacco. Lo storico americano di origine polacca, Jan Gross, ha scritto il libro, Neighbors. Raccontava la storia degli abitanti polacchi della città di Jedwabne che uccisero quasi tutti gli ebrei locali senza alcuna interferenza tedesca. Due documentari sul massacro di Jedwabne sono stati fatti da Agnieszka Holland. Le rivelazioni sugli omicidi a Jedwabne hanno causato uno shock maggiore in Polonia. L'immagine di sé della nazione fu seriamente influenzata. C'erano anche quelli che volevano continuare a negare e imbiancare i fatti omicidi. La situazione cambiò drasticamente quando lo storico canadese di origine polacca, Jan Grabowski, pubblicò il suo libro del 2013,< Hunt for the Jews: Tradimento e omicidio nella Polonia occupata dai tedeschi>. Grabowski e i suoi ricercatori hanno documentato la correttezza delle stime precedenti. La loro ricerca ha rivelato che circa 200.000 ebrei sono stati assassinati dai polacchi. Ciò ha trasformato la Polonia in uno dei più grandi paesi collaboratori della Shoah. La recente legge approvata dal parlamento polacco e firmata dal presidente Andrzej Duda ha due parti. La prima bandisce la frase "campi di sterminio polacchi". La seconda parte giudica un crimine affermare che la nazione polacca sia stata complice nella Shoah o di altre atrocità commesse dalla Germania nazista. Ora è stato annunciato che la legge non sarà attuata prima che la Corte Suprema polacca la riesamini. Nel 2016 il ministro dell'Istruzione del paese, Anna Zalewska, ha affermato che gli omicidi di Jedwabne dei polacchi erano un'opinione non un fatto.

Questo è un tipico caso di grande stravolgimento della Shoah. Le cose peggiorarono ulteriormente dopo l'accettazione della legge. Recentemente alla conferenza di sicurezza di Monaco, il giornalista israeliano Ronen Bergman, figlio di due sopravvissuti all'Olocausto, ha affrontato il primo ministro polacco, Mateusz Morawiecki, dicendo "C'erano polacchi che tradivano gli ebrei fornendo ai nazisti i dettagli su di loro". Rievocando le esperienze personali di sua madre. Il primo ministro polacco rispose: "Non sarai considerato criminale (se tu) affermerai che ci sono stati collaborazionisti polacchi, e nello stesso tempo anche ebrei, come vi sono stati collaborazionisti russi e collaborazionisti ucraini - non solo nazisti tedeschi. "Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha risposto:" Le dichiarazioni del Primo Ministro polacco a Monaco sono oltraggiose. Qui c'è un problema di incapacità di comprendere la storia e una mancanza di sensibilità alla tragedia del nostro popolo". Le manipolazioni polacche della Shoah hanno causato tensioni tra i governi polacco e israeliano. Uno sforzo di una delegazione polacca in Israele per eliminare queste tensioni è fallito. Hanno anche causato una grande angoscia agli ebrei polacchi. Ventitrè organizzazioni ebraiche hanno firmato una lettera dicendo che non si sentono al sicuro in Polonia. Le relazioni tra Israele e Polonia rivestono molti aspetti. Richiamare l'ambasciatore israeliano a Varsavia, lasciandolo di fronte a una possibile rottura delle relazioni diplomatiche non sarebbe una mossa intelligente. Il Centro Simon Wiesenthal ha recentemente reso noto un rapporto del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti declassificato del 1946, che ha documentato l'aberrante trattamento degli ebrei polacchi prima, durante e dopo la seconda guerra mondiale. Il rapporto equiparava il trattamento polacco e nazista della popolazione ebraica e affermava che molti ebrei preferivano fuggire, anche in Germania, dopo la guerra. Uno studio del 2011 dell'Università di Bielelfeld ha rilevato che il 63% dei polacchi è d'accordo con la seguente affermazione: "ciò che lo Stato di Israele fa oggi ai palestinesi non è in linea di principio diverso da ciò che i nazisti fecero agli ebrei nel Terzo Reich". Questa percentuale è stata sostanzialmente più elevata rispetto agli altri paesi europei in cui è stato effettuato il sondaggio. Negando il ruolo massiccio dei cittadini polacchi nella Shoah, il governo polacco si è reso vulnerabile a critiche importanti basate su fatti storici.

Un modo efficace per affrontare questo problema da parte delle organizzazioni ebraiche è creare siti web con testimonianze degli omicidi di ebrei commessi dai polacchi, con i casi in cui i polacchi hanno denunciato gli ebrei ai nazisti. Duecentomila ebrei uccisi dai polacchi è un numero talmente grande che è possibile ottenere una grande quantità di informazioni per rispondere alle falsificazioni del governo polacco. Aggiungere informazioni sul diffuso antisemitismo estremo prebellico in Polonia è poi un approccio aggiuntivo. Lo storico Laurence Weinbaum ha scritto: "Nel 1937 due ministri protestanti dell'America del Nord non filosemiti, descrivevano il loro shock nel vedere nelle chiese [cattoliche] polacche vendute insieme a rosari, bibbie e altri articoli religiosi, letteratura antisemita non meno vile di quella che ha ispirato Julius Streicher, l’editore del foglio del giornale nazista Der Stuermer. " Questo è solo un esempio di tante citazioni sull'antisemitismo polacco rintracciabili su molti siti web. Ci sono quindi due alternative: il governo polacco ammette le sue falsificazioni della storia del tempo di guerra del paese o sarà regolarmente esposto come un falsificatore della Shoah.

Risultati immagini per manfred gerstenfeld
Manfred Gerstenfeld è stato insignito del “Lifetime Achievement Award” dal Journal for the Study of Antisemitism, e dall’ International Leadership Award dal Simon Wiesenthal Center. Ha diretto per 12 anni il Jerusalem Center for Public Affairs.
Collabora con Informazione Corretta


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT