domenica 24 marzo 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Chi sono veramente i palestinesi? Lo spiega lo storico Benny Morris (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Manfred Gerstenfeld
Israele, ebrei & il mondo
<< torna all'indice della rubrica
Prendere atto dell’antisemitismo può coinvolgere le reazioni dei governi 05/01/2018

Prendere atto dell’antisemitismo può coinvolgere le reazioni dei governi
Analisi di Manfred Gerstenfeld

(Traduzione di Angelo Pezzana)

Immagine correlata
Svastiche in un cimitero ebraico in Europa

Gli atti di antisemitismo di cui viene data notizia a livello internazionale sono condannati in misura maggiore nei paesi in cui avvengono rispetto ad altri più severi crimini di odio contro gli ebrei. Come avviene ad esempio in Germania, Svezia e Olanda. Il più vistoso è successo in Germania, dove bandiere israeliane – imitazioni disegnate a mano dai manifestanti – sono state date alle fiamme a Berlino e Stuttgart. La legge tedesca, apparentemente, non lo considera un reato. Anche non ci furono aggressioni fisiche, le immagini diventarono virali, richiamando un passato ben più grave, il rogo dei libri durante il regime nazista. Il governo tedesco ha condannato il rogo delle bandiere unitamente al significato antisemita. Il portavoce Steffen Seibert ha dichiarato “ c’è da provare vergogna nel vedere diffuso così spesso nelle nostre strade l’odio verso gli ebrei”. La Cancelliera Angela Merkel e il direttivo del suo Partito CDU (cristiano democratico) hanno condannato il rogo delle bandiere. Jens Spahn, del direttivo CDU e spesso indicato come un possibile successore della Merkel, ha affermato che l’immigrazione dai paesi musulmani è la causa di queste manifestazioni in Germania. Il Presidente tedesco Frank-Walter Steinmeier, socialdemocratico, ha detto che bruciare bandiere israeliane nelle città tedesche “ mi preoccupa e mi procura vergogna”. Ha anche aggiunto che la responsabilità della Germania per la propria storia “ non conosce limiti per coloro che sono nati dopo, senza alcuna eccezione per gli immigrati. Questo non è negoziabile per tutti coloro che vivono in Germania e vogliono continuare a viverci.

Immagine correlata

La Repubblica Federale tedesca ha un senso solo se gli ebrei possono sentirsi a casa loro”. Il Ministro della Giustizia Heiko Maas, anche lui social democratico, ha detto “ Chi brucia le bandiere israeliane brucia i nostri valori”. Il Gruppo parlamentare della CDU ha annunciate che proporrà la creazione di un Commissario speciale sull’antisemitismo. Il Ministro degli Interni Thomas de Maizière ha dichiarato che contribuirà affinchè venga costituito. Senza averlo espresso apertamente, tutto ciò significa che la “Nuova Germania” è nuova solo in parte. La Svezia è un altro paese che avrebbe da molto tempo bisogno di un simile Commissario. Una banda incappucciata ha attaccato con bombe Molotov la sinagoga della seconda città svedese, Goteborg, durante una manifestazione. Il giorno prima,a Malmoe, la terza città svedese, in un corteo, gli slogan erano ‘morte agli ebrei, cacciamo gli ebrei’. Il New York Times ha dedicato molti articoli all’antisemitismo svedese, come molti altri media A una manifestazione contro l’antisemitismo lo scorso 20 dicembre, il Primo Ministro Stefan Loefven, social democratico, ha detto “ Coloro che legittimano la violenza e l’odio per raggiungere i loro obiettivi, che siano nazisti, estremisti religiosi o estremisti di sinistra, vanno condannati inesorabilmente… stiamo rinforzando le misure di sicurezza davanti a sinagoghe, scuole e altre istituzioni.

Le forze di polizia sono state aumentate, con l’ordine prioritario di combattere ogni incitazione all’odio, aggiungendo “ Servono sforzi più grandi per combattere l’intolleranza, nelle scuole e nella società, e non secondario fra gli immigrati che provengono da paesi dove è molto diffuso l’antisemitismo”. I governi svedesi avrebbero dovuto reagire contro l’antisemitismo molti anni prima. Malmoe viene spesso considerata la capitale europea dell’antisemitismo; gli autori degli attacchi più gravi contro gli ebrei sono soprattutto musulmani. Agli inizi dello scorso dicembre un video sulle manifestazioni antisemite ad Amsterdam ha avuto una forte diffusione ovunque. Si vedeva un uomo che spaccava le vetrine di un ristorante kasher con un bastone da cui pendeva una bandiera palestinese. All’azione erano presenti due poliziotti, l’hanno bloccato ad assalto compiuto. Un video impressionante. Se i poliziotti avessero o meno buone ragioni per arrestarlo in tempo passato in secondo piano.

L’autore dell’atto criminale, un rifugiato siriano palestinese, venne rimesso in libertà due giorni dopo in attesa del processo. Fu accusato di atti vandalici e furto invece di odio criminale. I giudici decisero il ricovero psichiatrico per avere un responso. Nei mesi di attesa, l’autore dell’attacco, pur con qualche minima restrizione, era di fatto libero. Questa estate, Michael Jacobs, un ebreo olandese, è stato trattenuto dalla polizia per una settimana perché si trovava vicino a manifestanti anti-israeliani con una bandiera di Israele. Un esempio dell’assurdità delle priorità della polizia olandese. In base ai suoi stessi rapporti, afferma di non avere forze sufficienti per affrontare gli spacciatori turchi di eroina- spesso responsabili di atti criminali- che inondano il paese di questa droga. I problemi legati all’antisemitismo non possono essere affrontati in Olanda con la nomina di un Commissario speciale. Un primo passo può essere il cambiamento della legge e la sua applicazione dal potere giudiziario e dalla polizia. Tollerare il male non è sintomo di tolleranza. Nel passato, la pubblicità data ad atti criminali di antisemitismo hanno sortiti effetti opposti. Un esempio riguarda Mohammed Merah, dai genitori fortemente antisemiti, immigrati dall’Algeria, che uccise un insegnante ebreo e tre ragazzini nel 20012 a Tolosa. Dopo questa strage, il numero di crimini antisemiti in Francia crebbe significativamente. Oggi, dopo la crescita dell’attenzione nei confronti del terrorismo di provenienza musulmana nei paesi dell’Europa occidentale, dare rilievo agli atti di antisemitismo sembra ottenere un altro effetto. I governi capiscono che devono reagire, dimostrare solidarietà agli ebrei e prendere iniziative, o, almeno, dare un segnale di volerlo fare.

Risultati immagini per manfred gerstenfeld
Manfred Gerstenfeld è stato insignito del “Lifetime Achievement Award” dal Journal for the Study of Antisemitism, e dall’ International Leadership Award dal Simon Wiesenthal Center. Ha diretto per 12 anni il Jerusalem Center for Public Affairs.
Collabora con Informazione Corretta


Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT