sabato 31 ottobre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Perché non esiste ancora uno 'stato arabo palestinese'? La risposta è semplice (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Giovanni Quer
Medio Oriente diritto e società
<< torna all'indice della rubrica
Come sta cambiando la visione degli ebrei e di Israele nel mondo arabo? 22/09/2020
Come sta cambiando la visione degli ebrei e di Israele nel mondo arabo?
Analisi di Giovanni Quer

A destra, la vignetta di Dry Bones, di Yaakov Kirschen: Israele e Emirati, inizia una nuova era di amicizia, stabilità, pace in Medio Oriente

Il riconoscimento di Israele da parte degli Emirati e del Bahrain è stato possibile anche grazie a un profondo cambiamento della visione di Israele e del popolo ebraico in parte del mondo arabo. Si possono distinguere almeno due approcci: uno di aperta revisione della mentalità anti-israeliana e di denuncia dell’antisemitismo, l’altro invece introduce delle modifiche nel discorso su Israele e sugli ebrei in maniera più marginale. Al primo approccio appartengono sicuramente gli Emirati, dove fino a dieci anni fa le voci che erano allora considerate “pro-israeliane” erano pur presenti ma secondarie. Oggi il discorso pubblico è completamente cambiato, non solo per quanto riguarda Israele, ma anche in relazione all’ebraismo. Come esempio, si può leggere l’articolo pubblicato da Salem Hamid sul quotidiano emiratino “al-Ittihad” del 13 settembre, intitolato “Il prezzo dell’espulsione degli ‘ebrei arabi’”.

Hamid affronta  questioni come la creazione dello Stato di Israele, le teorie cospirazioniste e l’antisemitismo.  L’autore denuncia l’espulsione delle comunità ebraiche dai Paesi arabi in seguito alla creazione dello Stato di Israele, che ha portato all’annientamento di élite economiche e culturali in nome del conflitto con Israele. Di seguito, Hamid denuncia anche la mentalità del complottismo, che ha mantenuto viva l’ostilità verso Israele sin dalla sua creazione, dipingendo i popoli arabi come vittime di oppressione. L’aspetto più sorprendente dell’articolo è la narrativa ufficiale del conflitto: l’autore punta il dito contro i regimi arabi che hanno invitato i palestinesi ad abbandonare Israele nel 1948 e 1949 promettendo un imminente ritorno dopo l’attesa sconfitta dello Stato ebraico. In una nota ancor più importante, si accusa l’imperante antisemitismo diffuso nei media e nei libri scolastici, lanciando un appello a cambiare l’approccio verso Israele e gli ebrei. La questione dei testi scolastici è un punto fondamentale nella formazione di idee antisemite e anti-sioniste.

Nel 2015, l’UNESCO ha pubblicato uno studio su come la Shoah è riportata nei testi scolastici di diversi Paesi, inclusi alcuni Paesi arabi, dove è minimizzata o strumentalizzata per introdurre visioni anti-sioniste. I contenuti antisemiti e anti-israeliani di parte dei testi scolastici palestinesi sono da tempo parte di campagne di denuncia e richieste di intervento di organizzazioni internazionali e Stati finanziatori. Alcuni cambiamenti, seppur timidi, si notano in Arabia Saudita, che nel 2019 ha introdotto nuovi testi scolastici che hanno cancellato parte dei riferimenti anti-giudaici nei testi di storia e civilizzazione islamica. In uno studio pubblicato a febbraio dal gruppo IMPACT, si mette in luce una nuova direzione politica dell’Arabia Saudita. Gli ebrei rimangono “ostili all’Islam”, anche se i riferimenti coranici diminuiscono; il Monte del Tempio rimane un sito esclusivamente islamico, però si fa riferimento alla continuità storica degli ebrei nella regione; non si nomina Israele, anche se si parla di "maggioranza ebraica”. Nonostante il discorso preponderante sia ancora di aperta ostilità, il lieve cambiamento potrebbe preludere a una nuova visione di Israele e del popolo ebraico. I fenomeni che si notano in Medio Oriente sono forse dettati da pragmatismo geo-politico, ma ha dato il via anche a una rivoluzione di idee, che tocca anche temi sui quali fino a pochi anni fa vigeva un consenso dogmatico di anti-sionismo e anti-giudaismo.


Giovanni Quer (1983), ricercatore presso il Centro Kantor per lo studio dell'Ebraismo Europeo Contemporaneo e dell'antisemitismo, Università di Tel Aviv.

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT