sabato 08 agosto 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

'Sono nato per odiare gli ebrei': una testimonianza sull'antisemitismo islamista in Europa (Video con sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Giovanni Quer
Medio Oriente diritto e società
<< torna all'indice della rubrica
Le famiglie Tzadal, dal Libano del Sud in Israele 05/04/2020
Le famiglie Tzadal, dal Libano del Sud in Israele
Commento di Giovanni Quer

Ecco il video a cura di Giorgio Pavoncello, cliccare sull'immagine per vederlo:

Хроники Иерусалима

Durante la Prima Guerra del Libano, Israele decise nel 1983 di creare un corpo militare amico che operasse come un esercito, l’esercito del Sud del Libano (in ebraico conosciuto con l’acronimo Tzadal). Costituito principalmente da cristiani, Tzadal ha operato come una brigata dell’esercito israeliano. Dopo il ritiro di Israele dal Libano nel 2000, si sono rifugiati nel giro di pochissimi giorni più di 6.000 soldati con le loro famiglie, per paura delle torture, incarcerazioni ed esecuzioni di Hezbollah, subite da chi è rimasto. Alcuni sono emigrati in America, altri sono tornati in Libano. Chi ha scelto Israele è diventato cittadino, con l’obbligo del servizio militare. Durante la Seconda Guerra in Libano un altro centinaio di persone si è stabilito in Israele. I tzadalnik (così si chiamano le famiglie dei soldati di Tzadal) sono più di 3.000 e vivono nel nord, a Haifa, Nahariya, Karmiel, Maalot-Tarshiha, Kiriyat Shmona. I cristiani locali non li hanno accettati nelle loro scuole, perché considerati “traditori”, così i figli vanno alle scuole statali in lingua ebraica. La maggior parte dei discendenti si è ben integrata in Israele, con le difficoltà di chi vive in periferia. Chi è venuto da piccolo o chi già è nato qui parla l’ebraico più fluentemente dell’arabo; alcuni dei Tzadal hanno fatto carriera nell’esercito, nella polizia e nel mondo accademico. Le comunità createsi in Israele sono come una famiglia allargata, e mantengono vive le tradizioni, i legami e la lingua, con l’accento elegante e dolce della parlata libanese. Farah è anche tzadalnik, che ha vinto Masterchef Israele, portando al pubblico israeliano la cucina del Paese dei cedri, tra cui il piatto di questo video, il knafe ka'ak.


Giovanni Quer (1983), direttore del Centro Kantor per lo studio dell'Ebraismo Europeo Contemporaneo e dell'antisemitismo, Università di Tel Aviv.

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT