lunedi` 22 luglio 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Danny Danon all'Onu: 'E' tempo di dichiarare guerra all'antisemitismo, anche quello mascherato da odio contro Israele' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Giovanni Quer
Medio Oriente diritto e società
<< torna all'indice della rubrica
La Spagna che boicotta Israele 22/08/2015
 La Spagna che boicotta Israele
Commento di Giovanni Quer

Risultati immagini per inquisizione spagnola
Editto da dimenticare, si ritorna al passato, con il nuovo nome BDS

La Spagna è un terreno fertile del BDS, in particolare il movimento BDS- País Valencià, che ha condotto la campagna contro Matisyahu.
Il mese scorso lo stesso movimento ha annunciato che la facoltà di geografia dell’Università di Valencia era finalmente “libera da ogni apartheid” (sic!), ossia libera di ogni collaborazione con Israele (che miseramente ricorda “Judenrein”).
La direzione del festival ha fatto notare che il gruppo BDS ha esercitato “pressioni, coercizioni e intimidazioni” perché il concerto di Matisyahu fosse cancellato.
Non è una sorpresa, considerati i finanziamenti governativi alle organizzazioni che del BDS hanno fatto la propria bandiera.
Le organizzazioni NOVA-Center per la Inovació Social, catalana, e Mundubat, basca, ricevono consistenti finanziamenti governativi per le attività di “cooperazione” in Palestina.
La retorica della “non-violenza attiva”, della “pace con dignità” e dello sviluppo sostenibile serve per appoggiare il boicottaggio di Israele.
Le due ONG collaborano con Who Profits, l’organizzazione leader delle campagne di boicottaggio contro qualsiasi cooperazione commerciale con entità israeliane oltre la linea armistiziale del 1949 (i c.d. confini del ’67),
Alternative Information Center, le cui pubblicazioni utilizzano un linguaggio altamente diffamatorio contro Israele, accusandola di massacri, crimini di guerra genocidi ecc.).
Tra le altre ONG che il governo spagnolo finanzia c’è anche Breaking the Silence, che raccoglie “testimonianze” non verificabili di soldati israeliani anonimi per ricostruire una presunta politica criminale dell’esercito israeliano.
Altre organizzazioni che ricevono finanziamenti pubblici e sono legate al BDS sono Sodepau, finanziata anche dall’UE, e ACSUR.
Nel 2013 Sodepau, ACSUR, BDS Catalunya e BDS País Valencià hanno firmato un appello al governo catalano per interrompere i rapporti con Israele, intensificando gli sforzi per delegittimare Israele a livello nazionale e locale.
Il caso Matisyahu non è che uno dei molti casi di boicottaggio che in Spagna sempre più influenzano l’opinione pubblica contro Israele.
E anche in Spagna i finanziamenti pubblici danno voce al BDS.
Benché il governo abbia condannato l’esclusione di Matisyahu, non ha preso misure per fermare il boicottaggio.
L’Italia è ancora in tempo per fermare l’avanzamento della demonizzazione di Israele… Renzi l’ha promesso.

Immagine correlata

Giovanni Quer


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT