sabato 20 luglio 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Benjamin Netanyahu con John Bolton sul Golan (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Giovanni Quer
Medio Oriente diritto e società
<< torna all'indice della rubrica
La rabbia degli etiopi 04/05/2015
 La rabbia degli etiopi
Commento di Giovanni Quer


Gerusalemme, 30 aprile 2015: la protesta degli ebrei etiopi

Israele non è abituata a scontri violenti in piazza. Può sembrare strano, perché la guerra qui è di casa, come sono comuni le manifestazioni e le dimostrazioni. La polizia è sempre presente, ma solitamente non violenta, come non lo è la folla. A Tel Aviv la protesta degli etiopi ha contato scontri, gas lacrimogeni, vetrine spaccate. Quanto siano ingenti i danni ancora non si sa, e l'effetto della sproporzione mediatica può solo peggiorare.

Gli etiopi avevano già manifestato giovedì a Gerusalemme, bloccando le strade. La rabbia etiope è contro lo stato, la polizia e la società: dei 120.000-140.000 etiopi israeliani, solo alcune centinaia arrivano all'università e hanno impieghi di medio livello. La maggior parte sono poveri, vivono in quartieri disagiati o in paesi di periferia dove sono stati mandati dopo la loro aliya. Anche chi è venuto in Israele negli anni '80 si trova di fronte a ingiustizie sociali. Una pedagoga etiope di quarant'anni che vive in Israele da quand'è bambina si è unita alle manifestazioni perché è stanca che a lei vengano dati solo studenti etiopi "posso insegnare a tutti i bambini con difficoltà d'apprendimento non solo a quelli etiopi".

Ma la relazione più difficile è con la polizia, che spesso manifesta pregiudizi nei loro confronti. Non sono gli unici a esserne vittime. Nel 2000 la Commissione Or aveva condotto un'inchiesta sugli scontri tra manifestanti arabi e poliziotti, evidenziando una tendenza di più facile violenza dell polizia verso gli arabi. Anche i manifestanti haredim (gli ultra ortodossi) sono violenti: bruciano cassonetti della spazzatura, lanciano pietre e attaccano la polizia, ma con loro si usa un guanto di velluto e non di ferro. Di questo gli etiopi si lamentano.


Bambina ebrea israeliana di origine etiope

La loro rabbia prende spunto dai neri d'America e dalla pantere nere in Israele (il movimento dei mizrahim, degli ebrei orientali). Eppure ci sono altri gruppi che sono vittime di pregiudizi. Per esempio, gli etiopi condividono con i russi molte cose. Le donne russe sono delle poco di buono; i russi non sono tutti ebrei e non parlano ebraico. Lo stesso per esempio non lo si dice degli americani, che pur fanno difficoltà ad apprendere la lingua. Ma i russi sono venuti in Israele con lauree e professioni, mentre gli etiopi no. Gli etiopi hanno fatto un salto nel tempo, si sono dovuti inserire in una società moderna. Anche la loro relazione con l'ambiente urbano è diversa.

Non che le loro argomentazioni non siano giuste, anche Netanyahu è pronto ad ascoltarli, ma spesso la rabbia di un gruppo sociale viene manipolata. L'integrazione degli etiopi è sempre considerata un insuccesso. Ma non è così: nemmeno è passata una generazione e i giovani già si sono integrati, sono all'università, fanno carriera nell'esercito, alcuni sono in politica, nell'hi-tech.

Naguse, parlamentare del Likud e Shlomo Molla, di Kadima, Pnina Tamano Shata, avvocatessa e parlamentare per Yesh Atid. Hadas Malada, luogotenente e medichessa nell'esercito. la cantante Hagit Yaso che gira il mondo con Idan Raichel. Le bellissime Esti Mamo e Titi Ayenau, che ha fatto aliya solo dieci anni fa, è diventata modella ed è stata reginetta di bellezza. La scrittrice Dalia Bitaulin e lo scrittore e giornalista Tsega Melaku. E mille altri ancora. La rabbia degli etiopi grida una semplice frustrazione: in pochi anni sono riusciti a fare degli enormi progressi e a integrarsi, contribuendo come gli altri e forse di più alla società israeliana. Ora vogliono le stesse opportunità per tutti i membri della comunità.

Alcune organizzazioni prendono spunto dal lavoro del sindaco di New York Giuliani: pulire le strade, abbellire i quartieri, sistemare i giardini ha reso molte parti di New York non solo "abitabili" ma ha anche ridotto la delinquenza - la c.d. "beautification". Altri si occupano delle figure che nella società etiope hanno perso il loro ruolo: come i genitori e in particolare i padri, quando sono di solito le donne e i figli a essersi integrati meglio, come i liqa, i rabbini etiopi, che in Israele non sono stati riconosciuti poiché la loro appartenenza al popolo ebraico è dubbia da un punto di vista religioso. Ma altre associazioni preferiscono usare le frustrazioni per lottare contro l'ordine costituito.

Il dolore causato dallo stigma sociale è ancora più profondo per il colore della pelle, che si voglia o no conta. Ma, da israeliani, sono scesi in piazza, a urlare quello che non gli sta bene e a pretendere di essere ascoltati per poter cambiare le cose.

Risultati immagini per giovanni quer
Giovanni Quer


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT