lunedi` 21 settembre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco il volto dell' 'islam moderato' (sottotitoli a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Giovanni Quer
Medio Oriente diritto e società
<< torna all'indice della rubrica
'Becca l'ebreo', Tuvia Tanenbom e l'antisemitismo delle ONG 02/09/2014

"Becca l'ebreo", Tuvia Tanenbom e l'antisemitismo delle ONG
di Giovanni Quer


Tuvia Tanenbom

Tuvia Tanenbom, giornalista israeliano e tedesco, ha passato due anni con ONG e organizzazioni internazionali in Israele e nei territori palestinesi, per concludere che l'Europa finanzia l'odio antisemita e anti-israeliano. Il libro, "Becca l'ebreo" [tfos t'ayehudi] esce la prossima settimana in ebraico e a novembre in inglese e tedesco. Tanenbom si è finto solo tedesco per due anni, andando in giro con ONG, parlando agli attivisti israeliani, palestinesi ed europei, partecipando ai loro eventi. Conclusione: i milioni di euro dell'Europa finiscono nelle tasche di organizzazioni completamente ideologizzate che hanno un solo obiettivo: "beccare l'ebreo che fa qualcosa di male". Tanenbom racconta di un'attivista tedesca a Nablus che si sente in colpa per quello che hanno fatto i nonni agli ebrei e quindi fa del volontariato in Palestina, dice a un negoziante di non vendere i prodotti "degli ebrei"; descrive come un ricercatore arabo di B'Tselem abbia detto che l'Olocausto è "una bugia"; parla di come gli europei insegnino ai beduini in Israele canzoni revanchiste in inglese, quando in inglese sanno a stento parlicchiare. Nell'agosto del 2013, Tanenbom si infiltra in un gruppo di studenti italiani che ogni anno vanno in Israele e Palestina per "apprendere il conflitto", mandati da un'organizzazione italiana finanziata dall'Unione Europea (i dettagli quando uscirà il libro). Hanno in Israele una guida d'eccezione: Itamar Shapira, dell'organizzazione "Combattenti per la Pace", che accusa Israele delle peggiori nefandezze sfruttando lo status di ufficiali degli attivisti, li accompagna allo Yad Vashem, da cui è stato licenziato nel 2009 perché equiparava la Nakba palestinese alla Shoah. Dopo aver infangato la memoria di Herzl, "morto per una malattia a trasmissione sessuale", dentro lo Yad Vashem, Shapira preferisce parlare del massacro di Dir Yassin, in modo da scolpire nei cuori dei ragazzi italiani che Israele è nata sui presunti massacri dei palestinesi di fronte alla linea del tempo della Shoah. Shapira parla del BDS (boicottaggio): una doverosa azione contro l'oppressione di un popolo. Galvanizzati dalla missione di portare la pace, i nuovi missionari dei diritti umani, religiosi o laici poco importa, sono invece pervasi di un profondo odio antisemita, travestito da cieca solidarietà coi palestinesi. E quel che è peggio, dice Tanenbom, "non avrei mai pensato di trovare un così profondo odio di sé" in quegli israeliani ebrei appagati dall'antisionismo, il cui ebraismo è solo preso in considerazione per fomentare ancor di più l'odio anti-ebraico e anti-sionista. Tre principi base: la non-violenza è non-ebraica, i diritti umani sono non-sionisti, la giustizia è non-israeliana.


Giovanni Quer

Per inviare la propria opinione a Informazione Corretta, cliccare sulla e-mail sottostante


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT