lunedi` 30 novembre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Le radici della legittimità di Israele: parla Alan Dershowitz (Video con sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Giovanni Quer
Medio Oriente diritto e società
<< torna all'indice della rubrica
Come il BDS appoggia Hamas 03/07/2014
Come il BDS appoggia Hamas
di Giovanni Quer


Giovanni Quer



I simboli della campagna BDS (Boicottaggio, Disinvestimento, Sanzioni) e di Hamas

Il consenso crescente a Hamas in Cisgiordania non e' solo dovuto all'endemica corruzione di Fatah e alla sua incapacita' o mancanza di volonta' di curarsi del popolo palestinese. In questo senso anche Hamas non e' piu' cosi' popolare a Gaza, dopo aver instaurato un regime di terrore e miseria che da otto anni tiene in scacco i residenti della Striscia. Hamas sta crescendo perche' accoglie l'odio anti-israeliano che Fatah non vuole eliminare, e gli attivisti del BDS (boicottaggio, disinvestimento e sanzioni) giocano un ruolo fondamentale nell'indebolire Abu Mazen agli occhi della popolazione portando al trionfo il fanatismo islamico.

Il movimento del BDS, sfruttando il linguaggio dei diritti umani e della giustizia internazionale, promuove l'odio anti-israeliano opponendosi a qualsiasi forma di collaborazione e avanzando cosi' un'agenda politica che e' contraria al compromesso e alla pace. E' naturale che trovi quindi in Hamas il primo alleato, che, perseguendo il sogno della distruzione di Israele, si e' da sempre opposto alla normalizzazione. Da qualche anno non ci sono piu' progetti di dialogo, di incontro e di cooperazione tra israeliani e palestinesi perche' ogni attivita' di questo tipo e' interpretata come gesto distensivo, come passo verso la normalizzazione.

Abu Mazen e' ambivalente sul BDS; non lo condanna pubblicamente, ma non lo appoggia e tenta anzi di reprimerlo. Il 25 maggio sono stati arrestati quattro palestinesi attivisti del BDS a Ramallah che protestavano contro lo spettacolo di una compagnia di danza indiana che si era macchiata della colpa di essersi esibita a Tel Aviv. I gruppi di interesse industriali non amano le bieche iniziative del BDS perche' potrebbero colpire i loro affari, cosi' come tutti quei lavoratori di Giudea e Samaria che guadagnano tre volte tanto il normale salario palestinese lavorando nelle zone industriali israeliane dei "territori occupati".

Il mondo degli attivisti anti-israeliani attacca Fatah e Abu Mazen per non appoggiare e anzi reprimere le iniziative di boicottaggio. Accusano Abu Mazen di non rispettare convenzioni ONU sui diritti civili politici, di cui l'Autorita' Palestinese sarebbe firmataria. Insultano Fatah di essere troppo indulgente verso Israele. E come effetto, Hamas si rafforza perche' condivide il massimalismo anti-israeliano ed e' l'unica alternativa nel panorama politico palestinese.

Il BDS ha un effetto devastante poiche' promuove un'agenda che e' contraria alla pace, al compromesso, alle negoziazioni e avanza un solo obiettivo, l'isolamento di Israele, alleandosi con Hamas che ne persegue la distruzione come primo obiettivo politico. La comunanza di intenti tra BDS e l'estremismo si fonda anche su una comune visione ideologica, che fa della "resistenza rivoluzionaria" la propria essenza, pur muovendosi nel mondo dei diritti umani e dello sviluppo sostenibile. Ancor piu' devastante e preoccupante e' il crescente appoggio politico europeo al BDS, mascherato da consumo responsabile o investimento responsabile. La lotta contro il BDS non e' solo una lotta per Israele, ma anche una lotta per il rinsavimento del giudizio politico e della morale politica, stravolta dai sogni rivoluzionari di chi, odiando Israele, il sionismo e la modernita', non ha scrupoli a farsi connivente di forze politiche totalitariste e genocide.

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT