lunedi` 30 novembre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Le radici della legittimità di Israele: parla Alan Dershowitz (Video con sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Giovanni Quer
Medio Oriente diritto e società
<< torna all'indice della rubrica
Connivenza con il nemico: le relazioni della UE con Hamas 02/01/2014

"Connivenza con il nemico: le relazioni della UE con Hamas "
analisi di Giovanni Quer


Giovanni Quer   


Moshe Ya'alon

Il Ministro della Difesa Moshe Ya’alon ha approvato un decreto che dichiara illegale l’organizzazione CEPR (Council for European-Palestine Relations) con base a Bruxelles. CEPR, ufficialmente un’organizzazione pro-palestinese che fa lobbying in Europa, è in realtà un’associazione che promuove gli interessi di Hamas. Le prove raccolte dallo Shin-Bet, i servizi di sicurezza israeliani, sulle attività di CEPR e i legami con Hamas, sono state sufficienti per dichiarare l’associazione illegale.

CEPR è un’organizzazione che lavora per “un maggiore intervento dell’Europa nella risoluzione del conflitto israelo-palestinese”, che si rende “sempre più necessario dopo il fallimento dell’intermediazione americana”. Lo scopo di CEPR è di favorire “una pace basata sulla giustizia e sulla ristorazione dei diritti dei palestinesi”. Le analisi politiche e storiche dell’organizzazione sono inaccurate, propagandistiche e falsano la realtà. Ciò che più è interessante sono tuttavia le attività: CEPR sposa il BDS e lavora a stretto contatto con i parlamentari sia europei sia delle assemblee nazionali perché possano “sperimentare in prima persona la sofferenza palestinese”.


Arafat Shoukri (Hamas), direttore del CEPR

Il direttore di CEPR, Arafat Shoukri, e il direttore dell’ufficio di CEPR a Gaza, Ramy Abdu sono esponenti di Hamas, denuncia Israele, e il loro lavoro è diretto a promuovere gli interessi dell’organizzazione terroristica in Europa. L'appoggio a Hamas è evidente dalle analisi politiche di CEPR, secondo cui la politica israeliana avrebbe impedito la riconciliazione tra le fazioni palestinesi per mantenere divisa la popolazione e continuare la politica di espansione. Stati Uniti ed Europa, sotto influenza israeliana, avrebbero isolato Hamas contro lo spirito della popolazione palestinese che lo portato al governo a Gaza con libere elezioni.

Tra i membri di CEPR ci sono anche parlamentari europei (Richard Horwitt, laburista; Alexandra Thein, liberal-democratica), parlamentari nazionali (Norman Warner, laburista inglese; Geri Müller, svizzero) e in passato anche l'ex ministra inglese per la cooperazione allo sviluppo Clare Short. Se dovessero mettere piede in Israele potrebbero essere arrestati.

Una mossa anti-BDS? Una replica ai mandati di arresto contro politici e soldati israeliani?

La decisione israeliana è conforme alle misure anti-terrorismo che l'ONU, gli Stati Uniti e l'Unione Europea hanno adottato contro le organizzazioni terroristiche come Al-Qaida e Hamas, che comprendono congelamento dei fondi, proibizione delle attività politiche e sociali e eventuali arresti. Le critiche alla decisione israeliana sono il segnale di un mondo al rovescio: l'Europa ha riconosciuto Hamas come organizzazione terroristica, come possono dei parlamentari essere parte di un'associazione che me promuove gli interessi? Come possono altre centinaia di politici europei e nazionali aver partecipato a conferenze e viaggi organizzati da CEPR?

Le misure israeliane sono un segnale d'allarme che l'Europa evidentemente non coglie. I politici membri di CEPR dovrebbero esser destituiti e l'associazione messa fuori legge anche in Europa.

Il vero problema è l'ottuso appeasement che pervade il pensiero politico europeo, ossessivamente anti-israeliano e inesplicabilmente affascinato dal radicalismo terrorista. È amore e compassione per i deboli o sciocca e superficiale connivenza col nemico?


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT