lunedi` 28 settembre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco che cosa pensano davvero gli arabi palestinesi


Clicca qui






 
Mordechai Kedar
L'Islam dall'interno
<< torna all'indice della rubrica
Dopo l’esplosione a Beirut Hezbollah resta in carica 15/08/2020
Dopo l’esplosione a Beirut Hezbollah resta in carica
Analisi di Mordechai Kedar

(Traduzione di Yehudit Weisz)

Profile: Lebanon's Hezbollah movement - BBC News
Terroristi di Hezbollah

Fatima era la figlia che il profeta Maometto ebbe dalla sua prima moglie, Khadija. Maometto in seguito impose a Fatima il matrimonio con suo cugino Ali ibn Abi Talib, il fondatore e primo imam del ramo sciita dell'Islam. Uno dei loro figli era Hussein, che fu decapitato dall'esercito del califfo omayyade Yazid a Karbala nel 680 d.C. A tutt’oggi, gli sciiti si riuniscono ogni anno per praticare rituali che implicano l'autoflagellazione e l'autolesionismo in ricordo del martirio di Hussein. Fatima, la madre di Hussein, tra gli sciiti ha uno status analogo a quello di Maria, la madre di Gesù, nella cristianità. Gli sciiti danno il nome di Fatima alle cose importanti della loro vita. Una di queste è la Porta di Fatima, non quella tra Israele e Libano vicino a Metulla, ma quella al porto di Beirut. Questo ingresso è stato gestito e controllato da Hezbollah per molti anni. L'organizzazione lo utilizza per importare ed esportare ciò che vuole senza passare attraverso la dogana o l'ispezione. Il carico usuale importato da Hezbollah attraverso la Porta di Fatima è costituito da missili, parti di missili, esplosivi standard e materie prime per l'industria militare del gruppo.

La Porta di Fatima è utilizzata anche da Hezbollah per esportare droga, con cui finanzia alcune delle sue operazioni. Lo scorso aprile, le autorità libanesi hanno sequestrato 25 tonnellate di cannabis che stavano per essere esportate dal porto di Beirut. Ora che la Porta di Fatima è stata distrutta insieme al resto del porto di Beirut, Hezbollah trasferirà le sue operazioni di contrabbando all'aeroporto a sud di Beirut e probabilmente ai piccoli porti di Sidone e Tiro. I servizi segreti di tutto il mondo devono concentrarsi su questi siti, ma anche sugli aeroporti siriani e sulla terza “Porta di Fatima”: quella tra Siria e Libano, anch'essa (con sorpresa di nessuno) controllata da Hezbollah e non dal Autorità libanesi. La capacità di Hezbollah di sostituire Beirut con le località sopra menzionate è il motivo per cui rimane la forza più potente del Libano nonostante i danni subiti al porto di Beirut. È in grado di mantenere il controllo nonostante la crisi economica e politica del Libano. Dopotutto, l'agonia del popolo libanese rende più facile per Hezbollah approfittare della coscienza del mondo e mettere mano nel suo portafoglio, in particolare in quello dell'Arabia Saudita. Questa, dunque, è la situazione in Libano: Hezbollah distrugge il Paese, uccidendo e ferendo i suoi cittadini, e il mondo paga per ricostruire sulle rovine.


Mordechai Kedar è lettore di arabo e islam all' Università di Bar Ilan a Tel Aviv. Nella stessa università è direttore del Centro Sudi (in formazione) su Medio Oriente e Islam. E' studioso di ideologia, politica e movimenti islamici dei paesi arabi, Siria in particolare, e analista dei media arabi.
Collabora a Informazione Corretta


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT