martedi` 11 dicembre 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Parla il Gen. Yossi Kuperwasser: 'Ecco le prospettive strategiche per il Medio Oriente' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Mordechai Kedar
L'Islam dall'interno
<< torna all'indice della rubrica
La fine del sogno democratico 14/07/2018

La fine del sogno democratico
Analisi di Mordechai Kedar

(Traduzione dall’ebraico di Rochel Sylvetsky, versione italiana di Yehudit Weisz)

Immagine correlata
Una manifestazione islamista: "No alla democrazia, vogliamo solo l'islam"

La maggior parte dei paesi occidentali guarda con speranza al giorno in cui la democrazia sarà presente anche nel mondo arabo e islamico. Democrazia significa libertà di voto, un regime legittimo, diritti umani, libertà di parola, libertà di riunione, stato di diritto, uguaglianza tra i cittadini, libertà di stampa e tutte le altre importanti caratteristiche che rendono pieno e desiderabile il vivere in Occidente. Per gli occhi occidentali, la democrazia è l'unico modo per gestire uno stato organizzato, sostenibile e rispettabile. Quando la "primavera araba" è scoppiata verso la fine del 2010, molti osservatori occidentali hanno pensato di vedere i boccioli della democrazia iniziare a fiorire a piazza Tahrir al Cairo,ma era troppo presto per far fiorire i deserti mediorientali, mentre le farfalle nate durante la marcia giovanile tunisina svolazzavano sopra i crudeli sistemi politici dei paesi della regione. Quando i Fratelli Musulmani iniziarono a governare l'Egitto a metà del 2012, democraticamente, è ovvio, i super esperti della democrazia chiamarono persino la Turchia una democrazia islamica, il che non sarebbe affatto una brutta cosa. Da allora sono passati otto anni e ciò che è diventato chiaro è che i dittatori al potere sono stati definitivamente deposti - in tutto o in parte - in cinque stati arabi (Tunisia, Egitto, Libia, Yemen e Siria), ma che ciò che è stato sostituito non può essere definito democrazia . Invece, ci sono una varietà di dittature: ISIS in Siria e Iraq, Al Sisi in Egitto, terrorismo in Libia, guerra in Libano e distruzione totale in Siria.

Immagine correlata

La Turchia, madre della democrazia islamica, è diventata un Sultanato ottomano stile Erdogan, un obiettivo raggiunto, ovviamente, con mezzi democratici. Nel mondo arabo quando si cercò di separare religione e stato (nel socialismo arabo egiziano, nel partito siriano e iracheno Baath), la religione divenne un mezzo per creare ancora più dispotismo, non un modo per promuovere l'equità democratica. Mentre la governabilità si deteriorava nel mondo arabo, l'ingerenza iraniana diventa sempre più forte, entrando negli stati arabi attraverso fori sempre più ampi nella loro struttura sociale traballante. L'Iran manda le sue milizie in questi paesi per creare roccaforti per un uso futuro, e in ogni luogo raggiunto dall'Iran, le guerre diventano più crudeli e più difficili da combattere. Le enormi somme di denaro degli Stati Uniti - oltre 100 miliardi di dollari - che Obama ha dato agli iraniani hanno finanziato il petrolio che ha incendiato il Medio Oriente. Ora l'Iran richiede 300 milioni di euro dalla Germania. A quale scopo? Il pubblico arabo non è cieco, né è sordo o stupido. Comprende perfettamente quello che sta succedendo e la conseguente disperazione in tutto il Medio Oriente sulla possibilità di trovare una soluzione ai problemi della regione attraverso soluzioni europee appetibili e auspicabili come la democrazia, è la ragione delle ondate di migranti verso l'Europa.

Nei precedenti articoli scritti negli ultimi anni, ho descritto la difficoltà di adattare una soluzione che porti la cultura europea a capire i problemi del Medio Oriente. Il divario culturale è semplicemente troppo grande e troppo profondo. Elaph, il primo e più grande quotidiano online indipendente nel mondo arabo, ha recentemente condotto un sondaggio i cui risultati sono molto preoccupanti. Danno ragione alla mia affermazione che la democrazia non è applicabile in questa regione. Il sondaggio è riportato di seguito quasi nella sua interezza, come pubblicato in Elaph da Khian Alajeri, con le mie aggiunte tra parentesi. Elaph ha chiesto ai suoi lettori: "Credi che il sistema democratico possa esistere negli stati arabi?" Una maggioranza schiacciante ha risposto negativamente. Questo è, a tutti gli effetti, in opposizione alla Primavera araba che ha distrutto i governi, esiliato i governanti non credendo nella democrazia. Una volta che la scintilla di nuove rivoluzioni arabe fu accesa con la "Rivoluzione dei gelsomini" in Tunisia, e dopo un lungo inverno di dittature, si resero visibili i segni di una primavera araba, gran parte degli arabi furono informati dei cambiamenti democratici proposti - senza l'uso di espressioni retoriche e con la solita scusa della guerra contro Israele, per chiudere bocca e rimandare la democrazia. I venti, tuttavia, soffiarono in una direzione inaccettabile per i giovani arabi che aspiravano a una società politica pluralista, per la libertà di opinione, per un maggiore sviluppo sociale ed economico basato sulla fine dei monopoli legati al regime, l'economia di guerra e lo stato di emergenza che da temporaneo diventava permanente mentre i regimi si rafforzavano. Elaph ha poi chiesto ai suoi lettori: "Credi nella correttezza delle attività democratiche nelle nazioni arabe?" Le risposte sono state decisamente negative, perché la percentuale di chi ha risposto no era superiore al 96%. Solo il 4% ha dimostrato che i fuochi della democrazia rimangono accesi nelle loro anime.

Fa male vedere la disperazione del mondo arabo, vederlo sprofondare in un abisso, ma prima di analizzare le ragioni dell'ampio divario tra le due risposte, non si può non ammettere che la democrazia araba è oggi in stato di crisi. Coloro che sono a favore della democrazia soffrono del forte calo dell'attrazione ideologica e popolare dei mantra che ripetono da decenni: "Stato di diritto", "cittadinanza equa", "diritti umani" e "governi che cambiano", specialmente un preoccupante aumento della coscienza nazionalista e i conflitti etnici. Ciò che preoccupa sono i conflitti mentre manca la coscienza che regola le società apparentemente avanzate basate sul pluralismo politico, quelle che si vantano dell'eredità democratica e dell'esportazione dei principi fondamentali della democrazia nelle dittature del Terzo mondo. (Il sondaggio contiene quindi una breve descrizione della democrazia in crisi e l'aumento del diritto antidemocratico in Europa negli ultimi anni.) Se questa è la situazione in Occidente, cosa possiamo aspettarci dagli arabi? Le "guerre per deporre i governanti" della Primavera araba sono scoppiate perché la società araba è abituata ad obbedire agli ordini su cosa fare e cosa non fare per cui non è in grado di accettare il dibattito fra partner. Gli arabi rifiutano in modo totale di accettare l'idea della volontà popolare, il diritto di criticare i responsabili, anche nel caso di istituzioni parlamentari istituite con le cosiddette elezioni. Questo rifiuto costituisce la base diffusa della corruzione nella vita politica nel mondo arabo. Leggendo questo rapporto, non c'è modo di evitare di ammettere che la vita politica araba nel secondo decennio del XXI secolo è ancora tenuta in ostaggio da sovrani dispotici, dagli adulatori che li circondano e da quelli che eseguono i loro ordini con ubbidienza. Tutti i discorsi sulle giuste e oneste contestazioni democratiche nei vari livelli governativi nei paesi arabi sono semplicemente un sogno che diventa incubo. Questo è ciò che la grande maggioranza ha espresso nel sondaggio Elaph. La questione del livello di fiducia che gli arabi hanno nella loro classe d'élite è legittima, specialmente in quegli stati che non possono separare religione e stato e rifiutare di sostenere qualsiasi conversazione sul liberalismo, non importa quanto moderato possa essere. Hiza Almajali dice: la scusa per separare religione e stato nel mondo islamico dopo il crollo del califfato ottomano non fu il risultato di rivoluzioni, insurrezioni e il rifiuto della società islamica di essere governato da un regime basato sulla religione (cioè, nessuna tendenza laica) ma perché il regime era nelle mani di coloro che usavano la religione per legittimare il loro dominio, opprimere il popolo e trattarlo senza pietà (cioè, la separazione è anche per liberare la religione dalle catene del potere). È così che nel mondo arabo, quando si trattò di separare religione e stato (nel socialismo arabo egiziano, nel partito siriano e iracheno Baath), la religione divenne un mezzo per creare ancora più dispotismo, non un modo per promuovere l'equità democratica , che ha sempre voluto credere in "Dai a Cesare quel che è di Cesare, e a Dio ciò che è di Dio". Gli otto anni trascorsi da quando la primavera araba è iniziata con la rivoluzione dei gelsomini in Tunisia hanno portato a sviluppi spaventosi per una democrazia equa e hanno dato vita a un regime islamista che non ha alcuna traccia di democrazia, mentre i figli della democrazia l'hanno tradita. Il popolo di Tunisia, Libia, Yemen, Egitto, Siria aspirava a creare una società che si sarebbe liberata dai dittatori, ma queste aspirazioni democratiche li hanno portati a una società islamica che lotta per le diverse interpretazioni della Sharia e la sua trasformazione in una legge totalitaria (l'articolo finisce qui.)

L'articolo di Elaph continua sulla stessa linea, ma il suo autore ha dimenticato di raccontare ai lettori l'intrinseca difficoltà della democrazia nella società islamica, che deriva dalla potente contraddizione interna tra l'Islam e gli elementi costitutivi della democrazia: l'Islam è fondato su Allah, le sue leggi e comandi, mentre la democrazia si basa sulla scelta dei cittadini per creare un organo legislativo in cui vengono approvate le leggi presentate. Il Corano afferma che "gli uomini sono nominati per governare le donne", mentre la democrazia crede nell'uguaglianza di genere. Per raggiungere una vera democrazia, la società islamica dovrebbe limitare la religione alle sfere private e familiari, rimuovendo la sua giurisdizione sugli affari politici e sociali. Finché la società islamica si sente impegnata a far sì che deve essere l'Islam a definire le regole di vita, creare una società democratica non solo è difficile, ma è totalmente impossibile. Questo è uno dei motivi per cui esorto il mondo ad accettare il Piano degli Emirati, l'unica soluzione che può sopravvivere alle tempeste politiche del Medio Oriente.



Mordechai Kedar è lettore di arabo e islam all' Università di Bar Ilan a Tel Aviv. Nella stessa università è direttore del Centro Sudi (in formazione) su Medio Oriente e Islam. E' studioso di ideologia, politica e movimenti islamici dei paesi arabi, Siria in particolare, e analista dei media arabi.
Collabora a Informazione Corretta


Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT