sabato 17 aprile 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il doppio standard delle Nazioni Unite contro Israele: le parole di Hillel Neuer (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Zvi Mazel/Michelle Mazel
Diplomazia/Europa e medioriente
<< torna all'indice della rubrica
La diplomazia dei vaccini o la cicala e le formiche 27/02/2021
La diplomazia dei vaccini o la cicala e le formiche
Analisi di Michelle Mazel

(Traduzione di Yehudit Weisz)


Coronavirus: Israeli study finds 94 per cent drop in symptomatic COVID-19  cases with Pfizer vaccine | CTV News

Sempre pronto a puntare il dito contro Israele, quel grande quotidiano che è Le Monde lo accusa di dare all'Autorità Palestinese i vaccini con il contagocce. In un articolo pubblicato il 25 febbraio e intitolato “Covid-19: Israele ‘compra la buona volontà’ dei Paesi alleati con i suoi vaccini in eccesso “ lo Stato ebraico è accusato di fornire“al contagocce” i suddetti vaccini all'Autorità Palestinese. Sappiamo che, secondo gli accordi di Oslo del 1993, è a questa Autorità che spetta la responsabilità in materia di salute pubblica. Senza discutere su questo fatto, secondo l'articolo, la situazione “pone un problema morale tanto quanto d'immagine” . Un ritornello che molti media riprendono in coro: a loro parere, sarebbe solo un sacro dovere da parte di Israele offrire i milioni di vaccini di cui hanno bisogno le popolazioni dell'Autorità Palestinese e della Striscia di Gaza.

COVID-19 'vaccine diplomacy': China, Russia and India cherry-picking the  countries they help | World News | Sky News

E’ inutile che questi media evochino gli obblighi che Israele avrebbe nella sua qualità di potenza occupante a Gaza, dal momento che fin dal 2005 ha abbandonato totalmente questa enclave e si è ritirato all'interno del suo confine riconosciuto a livello internazionale. Hamas, che governa Gaza, non cerca minimamente di nascondere il suo desiderio di distruggere Israele e spende somme considerevoli per il raggiungimento di questo obiettivo: produzione di armi di ogni tipo tra cui vari mortai e missili, realizzazione di una marina militare e soprattutto di tunnel di attacco destinati a portare il terrore nel cuore dei kibbutz e dei villaggi di Israele .  Per quanto riguarda l'Autorità Palestinese, la situazione è più complessa. Un gran numero di lavoratori palestinesi attraversa il confine ogni giorno per venire a lavorare in Israele; questi saranno vaccinati nel prossimo futuro. Quanto agli altri, perché i capi di Ramallah non si sono preoccupati in tempo di acquistare le dosi necessarie? Per tempo se non almeno in ritardo? Eppure le risorse non mancano perché gli aiuti internazionali ammontano a decine di miliardi di dollari all'anno. Alcuni di questi aiuti sono destinati ai terroristi imprigionati in Israele per aver massacrato dei civili, ma ne restano ancora abbastanza. Perché non hanno cercato di rifornirsi dai loro amici cinesi o russi? La risposta è chiara: perché pagare quello che sei sicuro di ottenere da qualche generoso donatore? Le persone soffrono? Non preoccupatevi, tanto i leader hanno già ricevuto il prezioso viatico. Ma torniamo alla Striscia di Gaza. Anche per i leader di Hamas, perché spendere qualcosa quando puoi ottenere tutto gratuitamente? Già gli Emirati Arabi Uniti hanno inviato una prima consegna di ventimila dosi. Quanti abitanti di Gaza si ammaleranno o moriranno aspettando le centinaia di migliaia di dosi che ancora mancano? Tuttavia i loro leader potrebbero ottenere domani tutte le quantità che vogliono da Israele, senza sborsare un solo dollaro. Loro lo sanno ma non sono pronti a pagarne il prezzo: restituire alle loro famiglie due israeliani, uno arabo e l'altro di origine etiope, che avevano varcato il confine apparentemente per sbaglio, ed anche i poveri resti di due soldati caduti durante l’Operazione Piombo fuso, ormai quasi cinque anni fa.

Immagine correlata
Michelle Mazel scrittrice israeliana nata in Francia. Ha vissuto otto anni al Cairo quando il marito era Ambasciatore d’Israele in Egitto. Profonda conoscitrice del Medio Oriente, ha scritto “La Prostituée de Jericho”, “Le Kabyle de Jérusalem” non ancora tradotti in italiano. E' in uscita il nuovo volume della trilogia/spionaggio: “Le Cheikh de Hébron".


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT