giovedi` 25 febbraio 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Le parole di Benjamin Netanyahu sull'accordo di pace con il Marocco (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Zvi Mazel/Michelle Mazel
Diplomazia/Europa e medioriente
<< torna all'indice della rubrica
Il calcio dell'asino 15/02/2021
Il calcio dell'asino
Analisi di Michelle Mazel

(Traduzione di Yehudit Weisz)


Donald Trump lascia la Casa Bianca:
Donald Trump

Trump è sfuggito all'impeachment? La stampa buonista soffoca per la stizza. Assoluzione senza gloria, assesta Le Monde. Perché, una condanna sarebbe stata più gloriosa? In realtà, i Democratici avrebbero potuto risparmiarsela ed evitare alla nazione una causa persa. Certo, Donald Trump non aveva né lo stile di alcuni dei suoi predecessori, né il fascino di altri. I suoi modi a volte lasciavano a desiderare e il suo linguaggio era considerato troppo comune, per non dire volgare, da un'élite che non ha ancora capito di essere diventata una minoranza. Non era a lei che il Presidente si rivolgeva, ma a quelli lasciati indietro dal successo americano ed a coloro che non si fidano più di un governo che li trascura. E ce n'erano tanti, ma così tanti che dopo quattro anni erano ancora 74 milioni i votanti per dare a Donald Trump un secondo mandato. Cosa che è risultata essere insufficiente. Risultata? Non proprio. Lui stesso non ci ha creduto e ha sostenuto e sostiene ancora che la vittoria gli è stata rubata. Una convinzione condivisa da un numero impressionante di suoi sostenitori e da alcune rispettabili opinioni. A torto? Senza dubbio. Ma ci credono ancora. Il che li ha portati a protestare. Delle proteste chiassose ma generalmente pacifiche e che sono state, dobbiamo riconoscerlo, incoraggiate dai tweet presidenziali.  E veniamo a quel famoso 6 gennaio.

Quel giorno, il Congresso avrebbe ratificato ufficialmente il risultato delle elezioni. Dei sostenitori di Trump sono venuti nella capitale per protestare. Colui che era ancora il Presidente in carica, li aveva invitati a farlo pacificamente. ‘Peacefully’ per ripetere quello che aveva detto. Ciò che è seguito ha sorpreso il mondo intero. Nessuno aveva percepito il dramma che stava per compiersi. Né i funzionari della sicurezza del Campidoglio, né la polizia locale o federale, per non parlare dei servizi di intelligence. E allora ? Provocazione? Movimenti di folla imprevedibili, incoraggiati dall'assenza di difensori ? Anche qui, poco importa. Le immagini scioccanti hanno fatto il resto, perché il tempio della democrazia americana era stato violato. Donald Trump era un colpevole ideale: anche se non li aveva espressamente incoraggiati, non erano stati i suoi sostenitori a profanare l'augusta sede? Va ricordato che poco tempo prima l'intero Paese era stato teatro di rivolte e saccheggi altrettanto violenti, la stessa città di Washington si era barricata contro gli eccessi del movimento Black Lives Matter. Allora i Democratici erano rimasti stranamente silenziosi. Questa volta invece hanno subito ritrovato la loro voce per esigere l’impeachment di un uomo che odiavano. E’ inutile argomentare che la destituzione di un Presidente che non era più in carica, non aveva alcun senso. Pensavano solo a vendicarsi.  Al Senato, c'erano dei Repubblicani, e non dei meno importanti, che prendevano le distanze dal loro leader amareggiato. Se solo diciassette di loro avessero votato con i loro colleghi Democratici, questi ultimi avrebbero raggiunto il loro obiettivo. Non solo privare Donald Trump dell'opportunità di candidarsi alla rielezione tra quattro anni, ma togliergli anche i benefici concessi agli ex Presidenti. Il calcio dell'asino.

Immagine correlata
Michelle Mazel scrittrice israeliana nata in Francia. Ha vissuto otto anni al Cairo quando il marito era Ambasciatore d’Israele in Egitto. Profonda conoscitrice del Medio Oriente, ha scritto “La Prostituée de Jericho”, “Le Kabyle de Jérusalem” non ancora tradotti in italiano. E' in uscita il nuovo volume della trilogia/spionaggio: “Le Cheikh de Hébron".


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT


Sostieni INFORMAZIONE CORRETTA con il tuo contributo

o saremo costretti a sospendere le pubblicazioni


Con 90 euro l'anno puoi continuare ad avere tutti i giorni una informazione
indipendente su Israele


Fino al 30 Marzo puoi anche approfittare dell'offerta speciale di soli 60 euro
(equivalente al costo di un caffè la settimana) per i lettori più fedeli.

Paga ora con carta di credito/Paypal cliccando qui

oppure con bonifico bancario verso il conto IT72M0200801140000101349255


Contributi superiori al minimo richiesto sono ovviamente graditi in questo momento
di particolare necessità.