giovedi` 21 gennaio 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Le parole di Benjamin Netanyahu sull'accordo di pace con il Marocco (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Zvi Mazel/Michelle Mazel
Diplomazia/Europa e medioriente
<< torna all'indice della rubrica
Riscattare gli ostaggi? Un business che funziona 20/12/2020
Riscattare gli ostaggi? Un business che funziona
Analisi di Michelle Mazel


Che cos'è Hamas - Il Post
Terroristi di Hamas

Quest'anno l'Iran ha brillantemente dimostrato di sapere come manipolare i Paesi occidentali per raggiungere i suoi scopi. Uno dei suoi agenti viene colto in un caso flagrante di spionaggio o sta per compiere un attacco? Per farlo rilasciare, niente di più semplice. Basta fermare un ricercatore o un turista che ha avuto la pessima idea di recarsi nel regno degli Ayatollah. È auspicabile, ma non indispensabile, che si tratti di un cittadino del Paese che detiene l’agente. Le proteste di innocenza del malcapitato, accusato di un crimine immaginario, saranno vane, così come lo sarà l'indignazione dei media.

Anche gli interventi diplomatici saranno inutili. Una giustizia prona agli ordini si affretta a condannare l'ostaggio, perché di un ostaggio si tratta, a pesanti punizioni nelle sinistre galere il cui nome stesso ispira orrore.  Presto o tardi, i negoziati inizieranno in segreto. Un anno, a volte due anni dopo, l'agente iraniano viene consegnato alle autorità del suo Paese mentre l'ostaggio viene portato in aeroporto per imbarcarsi sull'aereo che lo porta in libertà. I media occidentali salutano in coro il felice esito di una tragedia dalla quale la vittima difficilmente si riprenderà, mentre si diffondono commenti scandalizzati sulle pratiche di Teheran.                                                                                       

Questi stessi media, tuttavia, tacciono stranamente sull'uso di ostaggi da parte delle autorità di Gaza per liberare i loro prigionieri che sono nelle carceri israeliane e che presentano come valorosi combattenti in una giusta lotta contro “l'occupante sionista”. Si sa bene che secondo lo Statuto di Hamas, l'obiettivo di questa organizzazione, ritenuta terrorista da molti Paesi, è quello di distruggere Israele per fondare un califfato islamico sulle sue rovine. Il suo slogan, “Dal fiume al mare la Palestina sarà libera” - il fiume è il Giordano e il mare, il Mediterraneo - non lascia spazio ad alcuna ambiguità.

I negoziati in corso in questo momento mediante l'intermediazione degli egiziani dovrebbero, allo stesso modo, coinvolgere alcune coscienze. Hamas chiede a Israele di rilasciare dozzine dei suoi militanti con un pesante passato terroristico, responsabili dell'assassinio di civili indifesi. La controparte? I poveri resti di due soldati israeliani morti negli scontri del 2014. Le loro famiglie, che vogliono dare loro una degna sepoltura, stanno facendo pressione sul governo. Come “bonus” Hamas è disposto a cedere generosamente a Israele, Hicham al-Sayeed e Avéra Mengistu, due civili israeliani, il primo, un beduino, il secondo, nato in Etiopia, entrati nella Striscia di Gaza deliberatamente o per errore. Si dice che entrambi soffrano di disturbi psichiatrici. Alla Croce Rossa non è stato permesso di visitarli e le loro famiglie non hanno avuto loro notizie.

Bulgaria's former FM, Nikolai Mladenov, appointed as UN Special  Representative for Iraq | The Sofia Globe
Nikolai Mladenov

Ci sarebbe piaciuto, ancora vorremmo sentire, Nikolai Mladenov pronunciarsi in merito a questa vicenda, lui che fino alla scorsa settimana è stato il coordinatore delle Nazioni Unite per il processo di pace in Medio Oriente, lui che ha spesso fatto prediche a Israele, e Joseph Borrel, responsabile della politica estera dell'Unione Europea e, perché no, anche il Segretario Generale delle Nazioni Unite in persona. Ci sarebbe piaciuto, vorremmo ancora che spiegassero nel modo più cortese, più diplomatico ma con la massima fermezza ai dirigenti di Hamas cosa c'è di disumano, di ripugnante in questo sordido mercanteggiamento. Purtroppo, così non è, e verosimilmente non sarà.

Immagine correlata
Michelle Mazel scrittrice israeliana nata in Francia. Ha vissuto otto anni al Cairo quando il marito era Ambasciatore d’Israele in Egitto. Profonda conoscitrice del Medio Oriente, ha scritto “La Prostituée de Jericho”, “Le Kabyle de Jérusalem” non ancora tradotti in italiano. E' in uscita il nuovo volume della trilogia/spionaggio: “Le Cheikh de Hébron".


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT