giovedi` 26 novembre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Le radici della legittimità di Israele: parla Alan Dershowitz (Video con sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Zvi Mazel/Michelle Mazel
Diplomazia/Europa e medioriente
<< torna all'indice della rubrica
Ah, gli ingrati! 26/10/2020
Ah, gli ingrati!
Commento di Michelle Mazel

(Traduzione di Yehudit Weisz)


In passato, un Presidente francese poteva dire, come fece il Generale de Gaulle, “Israele, nostro amico nostro alleato”. Quel tempo è finito. Nel conflitto arabo-israeliano, la Francia ha scelto di adottare incondizionatamente la narrativa palestinese. Questo si traduce in posizioni unilaterali. Se è ovvio che la politica israeliana è tutt'altro che immune alle critiche, le decisioni di Ramallah non lo sono da meno. Ci sarebbe piaciuto sentire forti condanne contro il virulento antisemitismo che si manifesta nei libri di scuola dell'Autorità Palestinese e condanne non meno forti contro il sostegno di Ramallah ai terroristi colpevoli di aver ucciso civili israeliani - uomini, donne e bambini. La realtà è molto diversa. Se vengono uccisi dalla polizia, gli assassini vengono elevati al rango di martiri, alle loro famiglie viene garantita una rendita vitalizia.  Forse non intenzionalmente, ma non senza saperlo, la Francia sta contribuendo a perpetuare il clima di odio che rende difficile una soluzione pacifica alla questione palestinese.  Lo stesso vale per la Striscia di Gaza. Il Quai d'Orsay non si pronuncia sui lanci di razzi contro i villaggi e i kibbutz di confine, non ha nulla da dire sui palloncini incendiari o carichi di esplosivi che devastano campi e foreste. Non abbiamo visto diplomatici francesi prendere posizione contro la vergognosa trattativa di Hamas, che cerca di monetizzare la restituzione dei poveri resti di due soldati israeliani, ma li abbiamo invece sentiti invitare l'IDF a esercitare più moderazione e ad evitare “rappresaglie sproporzionate”. Inoltre, abbiamo avuto l’impressione che tutti i media francesi si fossero mobilitati per sostenere “la grande marcia del ritorno” e “le manifestazioni popolari spontanee” pronte a far sì che centinaia di migliaia di abitanti di Gaza irrompessero entro i confini di Israele riconosciuti internazionalmente.

in morte di un professore libero – chi era samuel paty, il professore di 47  anni, sgozzato da un... - Cronache
Samuel Paty

A livello internazionale, i rappresentanti francesi sono sempre pronti a dare il loro voto alle mozioni contro lo Stato ebraico, sia nelle varie organizzazioni delle Nazioni Unite che nel Consiglio di Sicurezza. Forse ancora più grave è che la Francia, lungi dall'opporsi alle inique risoluzioni dell'UNESCO, che negano il legame storico del popolo ebraico con i suoi sacri luoghi millenari e con la spianata del Tempio, ha votato a favore. Sarebbe la fine di questa bellissima amicizia?  Al termine delle preghiere sabato scorso, a Giaffa, quartiere a prevalenza araba, i fedeli sono venuti a manifestare davanti alla residenza dell'Ambasciatore di Francia situata poco distante. Nella Striscia di Gaza viene bruciata la foto del Presidente Macron.  Qual è dunque il suo crimine? Secondo la versione diffusa dai social network e da molti canali arabi, le parole forti pronunciate dal Presidente francese per condannare l'islamismo radicale e le misure previste per combatterlo, non sono altro che un insulto all'Islam e al suo Profeta. Ancora peggio, ha osato dire durante l'omaggio a Samuel Paty: “Noi, professore, continueremo. Difenderemo la libertà che hai insegnato così bene e promuoveremo la laicità, non rinunceremo alle caricature, ai disegni, anche se altri si ritireranno”. Da qui le minacce di Hamas che fanno eco a quelle del suo grande amico e protettore, il turco Recep Tayyip Erdogan che, in un comunicato stampa, avverte che questa politica avrà delle conseguenze: “Insultare religioni e profeti non è una questione di libertà di espressione, ma promuove invece una cultura dell'odio”.  Scommettiamo che la Francia, da brava ragazza, lo perdonerà?

Immagine correlata
Michelle Mazel scrittrice israeliana nata in Francia. Ha vissuto otto anni al Cairo quando il marito era Ambasciatore d’Israele in Egitto. Profonda conoscitrice del Medio Oriente, ha scritto “La Prostituée de Jericho”, “Le Kabyle de Jérusalem” non ancora tradotti in italiano. E' in uscita il nuovo volume della trilogia/spionaggio: “Le Cheikh de Hébron".


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT