venerdi 23 ottobre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Perché non esiste ancora uno 'stato arabo palestinese'? La risposta è semplice (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Zvi Mazel/Michelle Mazel
Diplomazia/Europa e medioriente
<< torna all'indice della rubrica
Cosa c’è dietro la lotta all'islamismo radicale: scopriamo le carte 09/10/2020
Cosa c’è dietro la lotta all'islamismo radicale: scopriamo le carte
Commento di Michelle Mazel

(Traduzione di Yehudit Weisz)
Il ritorno degli jihadisti in Francia: cause ed effetti — L'Indro

Evocare l'Islam radicale o il terrorismo islamico oggi in Francia significa avventurarsi in un campo minato tanto l'argomento è esplosivo.   Ecco perché per anni questo tema è stato se non eluso, quanto meno avvolto da così tante formule ambigue che è stato difficile cogliere sia l'argomento che il pericolo. Certo, ci sono stati degli attentati, ma in fondo il Paese ne ha conosciuti in ogni epoca. Solo che non si trattava, come in passato, di anarchici, di sostenitori dell'Algeria francese o di emuli locali delle Brigate Rosse italiane. I media facevano dotte disquisizioni tra gli assassini isolati, spesso presentati come affetti da disturbi mentali o individui senza storia che all’improvviso sono impazziti senza sapere perché, e i  “veri”  terroristi addestrati all’estero. Tra queste due tipologie c'erano anche dei “giovani” (termine elastico che può arrivare fino a trent'anni), spesso cresciuti in “quartieri sensibili” (eufemismo per periferie dove regna l’illegalità),  che erano stati radicalizzati, poverini, nelle carceri dove la Repubblica li aveva imprigionati. Per i primi, l'elemento islamista è stato quindi deliberatamente ridotto anche quando il crimine era stato compiuto al grido di Allah Akhbar. Ai secondi venivano invece attribuite motivazioni politiche e non religiose. E così Mohamed Merah, che nel 2012 aveva ucciso e ferito soldati francesi prima di assassinare a sangue freddo un adulto e tre bambini nei locali di una scuola ebraica, avrebbe agito perché l'esercito francese stava attaccando i movimenti jihadisti e per vendicare i crimini di Israele in Palestina. Il fatto che abbia filmato le sue imprese, con dei versi del Corano sullo sfondo, era stato considerato secondario. Ci è voluto lo shock degli attacchi del 2015 - Charlie Hebdo e Hyper Kosher a gennaio e il massacro del Bataclan a novembre di quello stesso anno - perché la Francia si rendesse conto della gravità della minaccia. Tuttavia, non era ancora pronta per affrontarla.

Waleed Al-Husseini on the Restrictions of Speech, Secularism, and More
Waleed al Husseini

Come spiega il pubblicista Waleed al Husseini, un palestinese della Cisgiordania a cui è stato concesso asilo politico in Francia dopo essere stato condannato per blasfemia, “Voi non potete fermare l'islamismo senza oltraggiare l'Islam; non potete fermare gli islamisti senza mettervi contro una parte dei musulmani.”  Ma la “politica araba” della Francia è ben nota; il Quai d'Orsay vuole a tutti i costi evitare di offendere coloro che considera suoi partner privilegiati in Medio Oriente.  L'Agence France Presse ha appena rifiutato di firmare il manifesto di Charlie Hebdo per la libertà di stampa, per “non mettere in pericolo le sue équipes nei Paesi musulmani dove questo diritto è considerato una provocazione.” Se il Presidente Macron si è finalmente deciso a reagire è perché, per usare le parole di Gérard Darmanin, Ministro dell'Interno, “ il Paese è stufo del suo comunitarismo e di un islam politico che oggi vuole rovesciare i valori della Repubblica.”  Il rimedio secondo il Presidente sarebbe liberare l'Islam in Francia dalle influenze straniere, formare in Francia degli imam “che difendano un Islam compatibile con i valori della Repubblica. Si tratta soprattutto di supervisionare e monitorare l’educazione impartita ai bambini”. Un programma molto disapprovato dalle istituzioni islamiche di tutto il mondo. Il Grande Iman   Ahmed al-Tayeb, sceicco della prestigiosa istituzione di Al Azhar, ha subito espresso la sua collera per il razzismo del Presidente francese e per le false accuse rivolte all’Islam.

Immagine correlata
Michelle Mazel scrittrice israeliana nata in Francia. Ha vissuto otto anni al Cairo quando il marito era Ambasciatore d’Israele in Egitto. Profonda conoscitrice del Medio Oriente, ha scritto “La Prostituée de Jericho”, “Le Kabyle de Jérusalem” non ancora tradotti in italiano. E' in uscita il nuovo volume della trilogia/spionaggio: “Le Cheikh de Hébron".


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT