martedi` 11 agosto 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

'Sono nato per odiare gli ebrei': una testimonianza sull'antisemitismo islamista in Europa (Video con sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Zvi Mazel/Michelle Mazel
Diplomazia/Europa e medioriente
<< torna all'indice della rubrica
Inaugurazione di un nuovo centro commerciale a Gaza 22/04/2020
Inaugurazione di un nuovo centro commerciale a Gaza
Commento di Michelle Mazel

(Traduzione di Yehudit Weisz)

Imshin (@imshin) | Twitter

Finalmente un’occasione di festa per gli abitanti della Striscia di Gaza. Mentre il regime di Hamas impone severe restrizioni alla popolazione per limitare il contagio da Covid-19, oltre a fustigare quotidianamente Israele - o piuttosto “il nemico sionista” o “l'occupazione”, per usare la terminologia abituale da parte di questa organizzazione terrorista - colpevole delle terribili conseguenze di detto virus, un nuovo centro commerciale ha appena aperto le sue porte. Situato vicino alla moschea Farouk, in via Nuseirat nel quartiere omonimo nel centro di Gaza, “Hyper Mall Al Danaf” - questo è il suo nome – è in grado di competere con le più belle strutture di questo genere in Israele o in Occidente.

Imshin (@imshin) | Twitter

Lungo le sue corsie sono distribuiti splendidi stand. Qui frutta e verdura di stagione; là prodotti lattiero-caseari e formaggi provenienti da tutto il mondo, cioccolato, spezie, carne e salumi halal, banco del pesce, pane e prodotti da forno, conserve, prodotti per l’igiene e piccoli elettrodomestici. Puoi ammirare tutta questa abbondanza consultando la pagina Facebook del centro commerciale. Un ampio parcheggio attende il pubblico, Internet è gratuito e uno staff elegante e dotato di mascherine protettive è lì per rassicurare i clienti che affluiscono... e che non indossano mascherine e che non rispettano le norme di sicurezza. Così molti residenti si pongono delle domande. Chi potrebbe aver accordato a questo centro commerciale il permesso di aprire le sue porte proprio durante questo periodo di isolamento? Perché nessuno fa controlli di sicurezza sanitaria alle persone che entrano? Ovviamente si tratta di domande che nessuno si azzarderebbe a porre direttamente ai leader di Hamas, che hanno la reputazione di scoraggiare questo tipo di esercizio. Si mormora che alcuni di questi leader abbiano dei legami con i proprietari del '"Hyper Mall", ma chissà! Un'altra domanda che non ci si pone, ma questa volta all'estero, come conciliare questo lusso e questa abbondanza quando si continua a ripetere fino alla nausea il dramma di una Gaza strangolata dal blocco e dove la popolazione vive solo grazie alla generosità del Qatar, che ogni mese distribuisce la sua manna di dollari su dei miserabili che morirebbero di fame senza questo sostegno. Ma attenzione. I miserabili ci sono e se ne contano a centinaia di migliaia. Solo che al loro fianco c’è la piccola casta dei privilegiati, tra cui in prima fila spiccano i leader di Hamas che, con le loro famiglie, ostentano la loro opulenta ricchezza. Li si può vedere ai ristoranti e ai caffè alla moda o dediti agli sport da spiaggia. Possiamo anche seguirli lungo i loro viaggi all'estero, durante i loro soggiorni nei palazzi del Qatar o del Cairo. Certamente devono condividere i miliardi di dollari che ogni anno ricevono come aiuti dall'estero, con un'industria di armamenti che opera a pieno regime per produrre razzi e altri missili, per non parlare della perforazione e della manutenzione dei tunnel d’attacco destinati, al momento opportuno, a far emergere migliaia di militanti pronti a colpire città e villaggi israeliani situati dall’altra parte del confine. In queste condizioni, purtroppo, non rimane molto da destinare al sistema sanitario e agli ospedali dove si sente disperatamente la carenza di attrezzature. Secondo la ONG  ‘Medical Aid for Palestinians’,  dal 2000 “si è registrato un calo del numero di letti ospedalieri (dall'1,8 all'1,58 per mille), di medici (da 1,68 a 1,42 per mille) e di infermieri (da 2,09 a 1,98 per mille), con conseguente sovraffollamento e una ridotta qualità dei servizi.” Ma l’ONG si guarda bene dal puntare il dito sulla gestione di Hamas. È molto più facile accusare Israele ...

Immagine correlata
Michelle Mazel scrittrice israeliana nata in Francia. Ha vissuto otto anni al Cairo quando il marito era Ambasciatore d’Israele in Egitto. Profonda conoscitrice del Medio Oriente, ha scritto “La Prostituée de Jericho”, “Le Kabyle de Jérusalem” non ancora tradotti in italiano. E' in uscita il nuovo volume della trilogia/spionaggio: “Le Cheikh de Hébron".


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT