mercoledi` 19 febbraio 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Alan Dershowitz: 'Ecco 5 motivi per combattere il movimento razzista e antisemita BDS' (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Zvi Mazel
Diplomazia
<< torna all'indice della rubrica
Ballando sulla musica di Hamas: Egitto, Israele e Gaza 25/01/2020
Ballando sulla musica di Hamas: Egitto, Israele e Gaza
Analisi di Zvi Mazel

(Traduzione di Yehudit Weisz)

Immagine correlata
Benjamin Netanyhau con Al Sisi

Una tregua a lungo termine con Hamas sarebbe compatibile con gli interessi di Israele, Egitto e Hamas , intrappolati nella rete dei loro confini in comune? Israele ed Egitto sarebbero abbastanza felici solo per proteggere il loro confine comune ma Hamas, un ramo della Fratellanza Musulmana, che era stato creato al solo scopo di distruggere Israele, come attestato dal suo statuto, sta portando avanti un’implacabile guerra di logoramento. Israele ha reagito imponendo un blocco di terra e di mare. Per aggirare quel blocco e continuare a ricevere armi e munizioni, Hamas si rivolse alla vicina penisola del Sinai, ignorando sfrontatamente la sovranità egiziana. Ripetuti scontri hanno portato il Cairo ad adottare misure severe contro l'organizzazione terroristica, tuttavia, si è sempre fermato prima che scoppiasse un conflitto frontale. Durante il mandato del Presidente Muhammad Morsi, lui stesso Fratello musulmano, le relazioni erano persino migliorate, sebbene Hamas avesse aumentato il numero e la portata dei suoi tunnel sotterranei di contrabbando. Ci sono due ragioni per quella restrizione: la solidarietà con la questione palestinese e la necessità di non danneggiare il suo status nel mondo arabo, specialmente nei confronti di Israele, nonostante il trattato di pace. Un rapido esame delle fluttuanti relazioni tra Hamas e gli ultimi tre Presidenti egiziani mostra chiaramente che era stato Hamas a dare il la. Lo stesso vale per Israele. Hamas lancia attacchi ogni volta che gli pare, sconvolgendo la vita delle popolazioni civili dalla parte israeliana del confine, portando a successivi round di combattimenti che si fermano a corto di operazioni militari in piena regola. Israele non ha alcun desiderio di conquistare la Striscia di Gaza e di dover affrontare i suoi problemi economici e di sicurezza. Tornando all’ Egitto, l'organizzazione terroristica ha trasformato la penisola del Sinai in una base terroristica di fatto, apparentemente contro Israele, ma anche mettendo in pericolo la sicurezza dell'Egitto. Missili, esplosivi e terroristi furono introdotti clandestinamente a Gaza attraverso una vasta rete di tunnel. I beduini locali furono reclutati per aiutare a spostare il contrabbando proveniente dall'Iran attraverso il Sudan all'inizio, e successivamente dalla Libia. Senza la cooperazione dei gruppi jihadisti nel Sinai settentrionale, che si sono formati insieme al movimento Ansar Bayt al-Maqdis prima di giurare fedeltà ad Abu Bakr al-Baghdadi e diventare il ramo del Sinai dello Stato Islamico, tali operazioni di vasta portata non sarebbero state possibili. Era iniziato nel 2008, appena un anno dopo che Hamas aveva espulso l'Autorità palestinese da Gaza. I suoi militanti, guidati da Ayman Nofel, un alto comandante delle Brigate Izz ad-Din al-Qassam, avevano sfondato il recinto di confine con l'Egitto per infiltrarsi nel Sinai e preparato avamposti per attacchi contro Israele nella speranza di attirare l'Egitto nel conflitto . L'esercito egiziano li prese tutti e li riportò a Gaza, ad eccezione dei loro leader, incluso Nofel che fu processato e che finì in prigione. Il Presidente Hosni Mubarak si era astenuto dall'affrontare direttamente Hamas, dicendo che spettava a Israele gestire ciò che stava accadendo a Gaza. Va ricordato che il Presidente Anwar Sadat aveva rifiutato di assumere il controllo della Striscia di Gaza durante i negoziati di pace, sostenendo che faceva parte del problema palestinese che toccava a Israele risolvere.


Zvi Mazel è stato ambasciatore in Svezia dal 2002 al 2004. Dal 1989 al1992 è stato ambasciatore d’Israele in Romania e dal 1996 al 2001 in Egitto. È stato anche al Ministero degli Esteri israeliano vice Direttore Generale per gli Affari Africani e Direttore della Divisione Est Europea e Capo del Dipartimento Nord Africano e Egiziano. E' ricercatore senior presso il Jerusalem Center for Public Affairs. La analisi di Zvi Mazel sono pubblicate in esclusiva in italiano su Informazione Corretta


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT