sabato 24 agosto 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'Europa schierata con l'Iran cerca di conservare l'accordo sul nucleare. La risposta di Benjamin Netanyahu (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






 
Zvi Mazel
Diplomazia
<< torna all'indice della rubrica
Che cosa sta succedendo in Arabia Saudita? 30/05/2019

Che cosa sta succedendo in Arabia Saudita?
Analisi di Zvi Mazel

(Traduzione di Angelo Pezzana)

Immagine correlata
Sheikh Aid al-Qarni

Sheikh Aid al-Qarni - uno dei leader del movimento estremista Al-Sahwa al-Islamiyya ("Risveglio Islamico") - si è scusato pubblicamente su un canale televisivo del Golfo all'inizio di questo mese per gli eccessi che lui e i suoi seguaci in Arabia Saudita hanno commesso gli anni '80 e '90. Ha ammisso di aver commesso gravi errori nel tentativo di imporre le loro opinioni religiose estremiste e costretto il governo a riconoscere la supremazia dei saggi dell'Islam, danneggiando così la struttura del paese. Il governo aveva effettivamente adottato misure di ampia portata per imporre una rigorosa osservanza religiosa come imposto dal movimento. "Abbiamo sbagliato", ha detto Qarni, "in contraddizione con il Corano e la Sunna e travisando la tolleranza dell'Islam, causando così disagio ai fedeli. L'Islam è una religione di pace, fiducia e misericordia, "tutte le cose che non avevo capito negli anni passati. La vita- ha continuato- mi ha portato a cambiare le mie opinioni e ora credo nell'Islam moderato aperto al mondo del principe ereditario Mohammad bin Salman (MBS).

Immagine correlata
Mohammad bin Salman

Ciò che resta da vedere è se le scuse piuttosto stupefacenti e tardive porteranno alla ricerca di una nuova anima nel mondo arabo. Il movimento Sahwa è stato influenzato da due eventi molto diversi tra loro: il primo è stato l'insediamento dell'Iran dell'Ayatollah Ruhollah Khomeini nell'agosto del 1979. Il regime religioso estremista guidato da religiosi islamici aspirava a imporre l'Islam sciita al mondo arabo. Sebbene l'Iran di Khomeini appartenesse al flusso minoritario sciita, la creazione di un regime religioso infiammò l'immaginazione di milioni di sunniti, alcuni dei quali si convertirono addirittura allo sciismo. Tre mesi dopo il secondo evento, quando i fanatici sunniti presero d'assalto la Grande Moschea della Mecca, prendendo in ostaggio centinaia di persone e chiedendo la caduta della Casa dei Saud. La dinastia aveva lasciato entrare la cultura occidentale e, secondo i fedelissimi, aveva danneggiato la santità dell'Islam. Il regno aveva infatti adottato un atteggiamento abbastanza liberale, con la televisione che mostrava le donne in abiti occidentali e apriva cinema e sale da concerto a uomini e donne. Non riuscendo a sedare la ribellione, dopo una guerriglia durata due settimane, i sauditi chiesero aiuto alla Francia, dato che alcuni tecnici di quel paese avevano partecipato alla ristrutturazione della moschea alcuni anni prima. Alla fine la battaglia fu vinta, ma ci furono più di mille vittime. Nel tentativo di placare gli elementi conservatori, King Khaled decise di cedere ad alcune delle loro richieste. I cinema e le sale da concerto vennero chiuse, alle donne fu vietato guidare e non apparvero più in televisione in abiti occidentali, e il tutto venne sottoposto al controllo della polizia. Questi due sconvolgimenti portarono molti religiosi sauditi, tra cui Qarni, che era vicino ai Fratelli Musulmani, a lanciare il ‘ movimento del Risveglio Islamico’ basato sulle due scuole più estreme dell'Islam: il Wahabismo Saudita e la Fratellanza Musulmana. La prima imponeva una osservanza rigorosa delle prescrizioni religiose; la seconda, che ha avuto origine in Egitto, introdusse la nozione di takfir - marcare una società come infedele e castigarla attraverso il jihad, cioè la violenza, per riportarla al "giusto Islam" e unificarla sotto un califfato. La Fratellanza impose così il concetto di Islam politico, che era stato indebolito dalla fine dell'impero ottomano e dall'abolizione del califfato da parte di Mustapha Kamel nel 1924. Il ‘risveglio’ ottenne un ruolo più importante per i religiosi islamici nell'amministrazione del paese e un inasprimento delle prescrizioni islamiche come baluardo contro la crescente influenza dell'Occidente. Si oppose anche alla presenza di truppe americane nella penisola arabica. Nella sua intervista di maggio, il predicatore saudita non si è limitato di scusarsi ma ha attaccato il Qatar, la Turchia di Recep Erdogan ei Fratelli musulmani per i loro tentativi di colpire l'Arabia Saudita. Ha affermato che l'ex governatore del Qatar Hamad ben Khalifa al Thani, insieme ad Al Jazeera, ha cercato di convincerlo a parlare contro il proprio paese, ma quando ha capito "lo scopo della loro impresa", ha reciso tutti i legami con loro ed è tornato in patria per scusarsi con il suo popolo rinnegando le lodi che aveva proferito su Erdogan. Va ricordato che Qarni spesso appariva su Al Jazeera per parlare di questioni religiose, scatenando interventi estremisti da parte della Fratellanza, aiutando così il Qatar nella sua lotta contro il regime saudita. Qarni ha concluso affermando la sua fede nell'Islam moderato promosso da MBS per promuovere una nuova visione dell'Arabia Saudita. Anche prima di esprimere le sue scuse, aveva affermato che era a favore delle donne alla guida dell’auto, una riforma che aveva ricevuto la benedizione da parte dei saggi islamici. L'intervista ha portato a un fiume di reazioni, sia nei media che sui social network. Il Qatar ha chiesto agli imam e al mondo dell’informazione di esprimersi con forza contro di lui, lasciando intendere che era stato un tentativo disperato di Qarni per evitare di essere arrestato insieme ai suoi ex seguaci del ‘Risveglio’, e che presto si sarebbe unito al coro di chi cantava le lodi del principe ereditario per riceverne i favori. Altri fingevano indignazione per aver scelto il mese del Ramadan per mostrare la sua vera faccia.

Le reazioni in Arabia Saudita furono più attenuate. Uno dei più noti pensatori islamici, Turk el Hamed, ha detto che Qarni ha portato alla luce la questione dell'estremismo nell'Islam radicale, a cui le principali istituzioni islamiche non avevano ancora trovato risposta. Il popolare attore saudita Nasser al Qasabi ha suggerito che i seguaci di Qarni dovrebbero seguirne l'esempio, aggiungendo che le brevi scuse del predicatore non erano sufficienti e che avrebbe dovuto scrivere un libro per rivelare quale fosse stato in realtà il movimento e i suoi metodi di operare. In caso contrario, ha detto Qasabi, l'intervista non sarà altro che una trovata mediatica. Per il ministro degli Esteri degli Emirati, Anwar bin Muhammad Gargash, le rivelazioni di Qarni sull'ex governatore del Qatar hanno dimostrato ciò che tutti sospettavano: il Qatar era impegnato in attività sovversive contro l'Arabia Saudita. Al-Sahwa al-Islamiyya cessò di esistere nel 1995, e i suoi membri si rifugiarono in Qatar, mantenendo i rapporti con i Fratelli Musulmani per continuare a predicare il loro odio verso il regime saudita, contribuendo non poco alla scelta del fanatismo dei giovani sauditi che hanno così abbracciato il terrorismo, trasformando la jihad in Afghanistan, come ha fatto Osama bin Laden, e formando le basi dei talebani e di al-Qaeda e di altre organizzazioni terroristiche jihadiste. Ci volle il 9/11 per mostrare al mondo l'estensione del loro messaggio criminale. Dei 19 terroristi che hanno preso parte all'attentato alle torri gemelle di New York, 16 erano cittadini sauditi. Il regno espulse i leader della Fratellanza Musulmana ed emanò una serie di leggi per combattere il terrorismo, l'ultimo nel 2017. Sfortunatamente, quelle leggi vengono abitualmente utilizzate contro un'opposizione interna legittima. Fu il re Abdullah, che regnò dal 2005 al 2015, ad avviare le prime riforme liberali, limitando i poteri della polizia che controllava tutto quanto apparteneva alla ‘decenza dei costumi’, nominando giovani con opinioni più moderne al Ministero della Pubblica Istruzione, con la conseguenza che vennero modificati molti libri di testo. Vennero introdotte nelle scuole lezioni di ginnastica per ragazze e venne consentita la loro partecipazione ad eventi sportivi internazionali, a condizione però che indossassero un copricapo. Mescolare i due sessi in classe era permesso nella nuova università scientifica che era stata costruita a Jeddah. Alle donne venne dato il diritto di voto ed essere elette nei consigli comunali. Lentamente le restrizioni imposte dal ‘Risveglio’ vennero eliminate. A MBS fu affidato l’incarico di proseguire la via della riforma. Il divieto di guidare le donne è stato revocato, i cinema e le sale da concerto sono stati riaperti per uomini e donne - a queste ultime è anche permesso di vedere eventi sportivi in stadi all’aperto. Nelle sue numerose dichiarazioni ai media occidentali, MBS rivendica l'attuazione di un Islam moderato. La sua visione "2030" per l'Arabia Saudita include una modernizzazione accelerata per il paese insieme a un maggiore rispetto dei diritti umani e la liberazione delle donne. Nella futuristica città di Neom, che è attualmente in costruzione, verrà applicato un sistema legale a parte, rendendo possibile la vita secondo uno stile occidentale. Il principe ereditario non pare agire in base a considerazioni ideologiche. Il wahhabismo è ancora uno dei pilastri del regno e lo stesso MBS non ha rinunciato al suo dominio autoritario, come si è visto nell'affare Khashoggi. Ma sa che l'Arabia Saudita non può fare affidamento sul petrolio per sempre, e che deve trovare fonti di reddito alternative se vuole che la Casa dei Saud sopravviva. Ha bisogno di investimenti stranieri per sviluppare l'industria e l'hi-tech. Ciò significa presentare al mondo un paese che punta alla modernità e al rispetto dei diritti umani - una condizione necessaria per portare i sauditi ad un nuovo stile di vita in cui il regime non sarà più lo stato che provvede a tutte le necessità dei cittadini. Un obiettivo non ancora raggiunto. Le riforme hanno i loro limiti: diverse donne che hanno lavorato instancabilmente per il diritto alla guida sono state incarcerate e torturate, e non tutte sono state liberate. È il regime, e più precisamente il principe, che stabilirà i tempi del cambiamento. In effetti, secondo una nuova legge, pesanti multe saranno imposte a chiunque, attraverso il proprio comportamento, offende i valori, i principi e l'identità della società saudita. Quale peso, quindi, dare al pubblico pentimento di un ex predicatore estremista? Spingerà davvero i suoi fedeli a seguirne l’esempio? Rimarrà un tentativo politico privato per godere dei favori del principe e quindi destinato a essere rapidamente dimenticato? Più precisamente, l'Islam può incontrare la modernità?


Zvi Mazel è stato ambasciatore in Svezia dal 2002 al 2004. Dal 1989 al1992 è stato ambasciatore d’Israele in Romania e dal 1996 al 2001 in Egitto. È stato anche al Ministero degli Esteri israeliano vice Direttore Generale per gli Affari Africani e Direttore della Divisione Est Europea e Capo del Dipartimento Nord Africano e Egiziano. E' ricercatore senior presso il Jerusalem Center for Public Affairs. La analisi di Zvi Mazel sono pubblicate in esclusiva in italiano su Informazione Corretta


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT